Parkinson

Parkinson: ecco i 13 segnali a cui fare attenzione

Condividi su:

 

Scopriamo quali sono i segnali che preannunciano una possibile insorgenza del morbo di Parkinson, patologia sempre più comune.

Che cos’è il morbo di Parkinson

Il morbo di Parkinson è un disturbo del sistema nervoso che colpisce circa l’ 1% della popolazione di età superiore ai 65 anni.

I suoi segnali si sviluppano nell’arco di diversi anni e peggiorano progressivamente con l’avanzare della patologia che è degenerativa.

Esistono dei segnali che possono pre-avvisare di una possibile insorgenza della malattia. Nel caso si notassero alcuni o tutti questi sintomi è bene correre subito ai ripari. Il Parkinson, purtroppo, non si può evitare né curare in modo definitivo ma, preso in tempo, si può gestire in modo efficace in modo da mantenere una buona qualità della vita il più a lungo possibile.

I 13 segnali del Parkinson

  1. Tremori : dapprima sottili, mano a mano che il disturbo avanza si fanno sempre più evidenti. Riguardano, in particolare, mani, gambe e mento. Colpiscono prima una metà del corpo e, successivamente, si estendono anche all’altra.
  2. Difficoltà a camminare: la persona colpita da Parkinson inizia a camminare in modo più lento, trascinando i piedi.
  3. Scrittura piccola e a mano stretta
  4. Perdita di peso
  5. Cambiamento della voce: la voce diventa più bassa e debole
  6. Perdita o affievolimento dell’olfatto
  7. Disturbi del sonno: le persone affette da Parkinson iniziano a sperimentare diverse problematiche legate al sonno. Possono iniziare a soffrire d’insonnia o, al contrario, di narcolessia. Anche improvvise apnee notturne o movimenti a scatti incontrollati sono segnali da non sottovalutare.
  8. Perdita di equilibrio
  9. Bradicinesia: improvvisamente i soliti movimenti vengono compiuti con un’insolita lentezza
  10. Postura curva
  11. Stitichezza
  12. Immobilismo facciale: perdita della capacità di assumere le solite mimiche ed espressioni; irrigidimento dei muscoli del volto.
  13. Depressione, ansia, difficoltà a concentrarsi

Ovviamente avere questi sintomi non significa, necessariamente, avere il Parkinson.  Ma le persone di età superiore a 65 anni dovrebbero prendere in considerazione di parlare con il proprio medico se, improvvisamente, si verificano uno o più dei sintomi sopra elencati.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24