privazione di sonno effetti sul lavoro

Privazione di sonno: il rendimento sul lavoro ne risente moltissimo

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Un recente e innovativo studio ha messo in luce come la privazione di sonno abbia effetti molto nocivi non solo sulla salute ma anche sul lavoro.

Privazione di sonno: la nemica numero uno della salute

Dormire un numero adeguato di ore (7-8) è fondamentale per mantenere una condizione di salute ottimale e prevenire diverse malattie tra cui obesità, diabete di tipo 2 e Alzheimer.

La privazione di sonno “cannibalizza” il nostro cervello che inizia a distruggere le sue stesse cellule con conseguenze disastrose a lungo termine ma anche a breve termine.

Infatti gli effetti nocivi della privazione di sonno sono constatabili anche nelle normali attività quotidiane.

Secondo un nuovo studio non dormire avrebbe ripercussioni  pesanti anche sul rendimento lavorativo

Privazione di sonno e abilità sul lavoro

Lo studio ha esaminato 234 studenti universitari che dovevano seguire un particolare protocollo, UNRAVEL.

UNRAVEL è un acronimo dove ogni lettera sta ad indicare un preciso step dell’esperimento: nello step U, ad esempio, gli studenti dovevano indicare le parole sottolineate o in corsivo che leggevano sul loro schermo; nello step N dovevano indicare la posizione delle lettere all’interno dell’alfabeto.

Il protocollo UNRAVEL doveva essere eseguito durante la notte e la mattina successiva.

Ad un gruppo era concesso dormire mentre l’altro gruppo doveva restare sveglio tutta la notte.

Il gruppo privato del sonno ha riportato risultati nettamente peggiori nelle prove del mattino sbagliando anche semplici prove di trascrizione a cui erano abituati.

UNRAVEL e le conseguenze della privazione di sonno

La procedura UNRAVEL ha voluto dimostrare come la privazione  di sonno ci renda incapaci a svolgere anche attività abituali.

Purtroppo ci sono categorie che, per la loro stessa professioni, vengono sottoposti alla privazione di sonno come, ad esempio, i medici che hanno turni notturni o che devono ricoprire più turni. Ma anche camionisti o trasportatori che stanno sempre in strada.

Si tratta di professioni in cui, se i professionisti non sono lucidi al 100% possono provocare danni gravi a terzi.

Ecco perché un giusto equilibrio sonno- veglia è fondamentale per la salute, il rendimento lavorativo e la sicurezza.

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24