anidride carbonica e ambiente

Anidride carbonica: da acerrima nemica a preziosa alleata dell’ambiente

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Grazie alle ricerche di un team di scienziati l’anidride carbonica, da nemica numero uno dell’ambiente, potrebbe trasformarsi in un’alleata.

Una batteria ecofriendly ricavata dall’anidride carbonica

Un team di scienziati del MIT di Boston ha messo a punto una nuova tecnologia che consente d’ impiegare l’ anidride carbonica proveniente dagli impianti industriali per realizzare batterie al litio di nuova concezione.

 Ad oggi la cattura della CO2 è estremamente costosa: le centrali termoelettriche impiegano fino al 30% dell’energia prodotta per alimentare questo processo che, alla fine, non permette di ottenere alcun prodotto utilizzabile e, quindi, con un valore economico.

 Per trasformare l’anidride carbonica in qualcosa di utile, un composto chimico o un combustibile, occorre, infatti, immettere nel processo enormi quantità di energia e questo rende antieconomica la conversione elettrochimica del gas.

Anidride carbonica per una batteria economica e sostenibile

Gli scienziati del MIT  hanno  messo a punto una batteria al litio-CO2 di nuova concezione che utilizza il gas serra allo stato liquido come elettrolita.
Le batterie al litio-CO2 non sono una novità  ma quelle realizzate fino ad oggi richiedevano  l’impiego di elettrodi metallici costosi
La batteria del MIT, invece, i distingue in quanto utilizza un semplice ed economico elettrodo in carbonio e pre-attiva l’ anidride carbonica grazie ad una soluzione di ammina, un composto organico contenente azoto.
La nuova batteria sarà sostenibile dal punto di vista ambientale anche una volta scarica, perché il sottoprodotto della reazione elettrochimica non è altro che carbonato di litio, un sale innocuo.
La ricerca è ancora in fase iniziale ed è presto per prevedere un possibile sviluppo commerciale del progetto anche se le prospettive sembrano davvero ottime.
L’obiettivo è quello di mettere a punto sistemi integrati che uniscano la cattura dell’anidride carbonica dalle ciminiere alla sua trasformazione in un materiale elettrochimico da impiegare nelle batterie.

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24