Rigenerare lo smalto dentale: ecco l’incredibile scoperta degli scienziati

intopic.it feedelissimo.com  
 

I ricercatori della Queen Mary University di Londra hanno sviluppato un nuovo modo per rigenerare i tessuti duri come lo smalto e l’osso dentale. Ma è davvero possibile? Si tratta di una scoperta davvero unica sulla faccia della Terra che potrebbe cambiare per sempre il nostro modo curare il cavo orale, in particolare la carie e l’ipersensibilità dentale. Scopriamo in questa guida scientifica le ultime novità pubblicate dai ricercatori dell’ateneo londinese.

Rigenerare lo smalto dei denti: la ricerca della Queen Mary University

Alcuni ricercatori e scienziati londinesi hanno recentemente scoperto un materiale che potrebbe permettere allo smalto dei denti di rigenerarsi da solo. Si tratterebbe di una soluzione davvero interessante e utile che potrebbe evitare molte delle fastidiose cure odontoiatriche a cui ci dobbiamo sottoporre periodicamente.

Questa incredibile scoperta scientifica ci consentirà, nel prossimo futuro, di dire definitivamente addio all’ipersensibilità dentinale. Rigenerare lo smalto degli elementi dentali ha i suoi vantaggi: essendo un tessuto duro, può resistere a temperature elevatissime e a sostanze acide, ma una volta danneggiato, comporta il decadimento dei denti.

Erosione dello smalto: cause

A differenza dei tessuti molli, lo smalto non ricresce e i dolori diventano sempre più acuti con il tempo. Infatti, con il processo di erosione i denti perdono una certa quantità di smalto. Le cause possono essere diverse, ma sono soprattutto le sostanze acide ad attaccare la parte esterna del dente provocando lesioni. Tutti coloro che consumano alimenti particolarmente acidi – come agrumi e frutta in generale – sono più esposti a questo tipo di problema.

L’erosione dello smalto dei denti si manifesta con l’ingiallimento dei denti e con la perdita della lucentezza del rivestimento esterno degli elementi dentari. Inoltre, si avverte una maggiore sensibilità dentale ed una maggiore esposizione agli stimoli termici.

Il ruolo delle proteine nel processo di mineralizzazione

Per ovviare al problema di perdita dei denti derivante dal danneggiamento dello smalto, i ricercatori scientifici sono riusciti a trovare una proteina utile per rigenerare tutti i tessuti duri del corpo umano come le strutture ossee e smalto dei denti. La scoperta scientifica ha validato la tesi che le proteine sono davvero fondamentali nel controllare e guidare il processo di mineralizzazione. Infatti, grazie alle proteine si attiva la crescita dei cristalli di idrossiapatite, il principale costituente minerale del tessuto osseo. Ben il 99% del calcio presente nell’organismo umano è contenuto nel tessuto osseo sotto forma di idrossiapatite. “Attraverso questo, abbiamo sviluppato una tecnica per coltivare facilmente materiali sintetici” ha sottolineato Alvaro Mata, uno dei ricercatori scientifici coinvolti nello studio pubblicato dalla Queen Mary University.

Tali materiali sono in grado di emulare un’architettura gerarchicamente organizzata su vaste aree con la capacità di mettere a punto le loro proprietà”. Tale scoperta apre le porte agli studi di medicina rigenerativa: “Questo è eccitante perché la semplicità e la versatilità della piattaforma di mineralizzazione offre l’opportunità di trattare e rigenerare i tessuti dentali”, ha commentato Sherif Elsharkawy. “Potremmo sviluppare bende resistenti agli acidi che possono infiltrarsi, mineralizzare e schermare i tubuli dentinali esposti nei denti umani per il trattamento dell’ipersensibilità”.

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Jacqueline Facconti

Redattore, Web Editor e Web Content Manager, collabora con varie testate e magazine professionali, cultrice di materie economiche, finanza, assicurazione, tecnologia e merceologia. Laurea magistrale in Strategia, Management & Controllo conseguita con votazione 110 e lode, Laurea in Economia Aziendale conseguita con 110 e Lode, Master in Comunicazione, Impresa, Assicurazione e Banca. Esperta in Quality e Human Resource Management, scrittrice professionista. Ha svolto la professione di Ricercatore e di Consulente assicurativo e finanziario.