Sempre più automobili acquistate online

Sempre più automobili acquistate online, la ricerca

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com
 

Sempre più automobili acquistate online, i dati. Una preferenza che sembra crescere tra gli italiani secondo la ricerca di Automotive Customer Study di Quintegia

Sempre più automobili acquistate online dunque per 4 italiani su 10; un report che sarà presentato nel corso dell’Automotive Dealer Day (mercoledì 16 e giovedì 17) in formato digital per questa edizione 2020.

Secondo lo studio quindi, condotto su oltre 3.400 persone, nel 2020 rappresentano il 41% i consumatori che sarebbero interessati ad acquistare una vettura direttamente sul web, un dato cioè in crescita rispetto al 34% dello scorso anno.

Nel dettaglio, sul fronte delle piattaforme, i siti ufficiali delle case automobilistiche si confermano la scelta più sicura per il 78% degli intenzionati all’acquisto online; seguiti da quelli dei concessionari (50%); professionisti dell’e-commerce (15%).

I vantaggi su più fronti di un’acquisto del genere sul web

Fare compere seduti sul divano è sicuramente la prima motivazione, infatti è la risposta del 51% degli intervistati; a seguire invece la trasparenza dell’offerta (29%) e la convenienza economica (28%).

Al contrario, tra le ragioni del no, prevale:

la necessità del supporto di una persona esterna (in diminuzione dal 62% del 2019 al 53% di quest’anno),

il bisogno di vedere l’auto (29%),

la paura di non riuscire a gestire la delicatezza dell’acquisto dal punto di vista amministrativo (19%).

Se da lato dunque la macchina si acquista in rete, dall’altro cresce anche la mobilità sostenibile come il bike sharing

Aumentano infatti la flotta, le offerte più che triplicate rispetto al 2015 con 35mila bici a disposizione.

I dati vengono dunque dal Rapporto annuale sul bike sharing presentato alla IV Conferenza della sharing mobiliity dall’Osservatorio Nazionale sulla Sharing Mobility; promosso a sua volta dalla Fondazione per lo sviluppo sostenibile con i ministeri dell’Ambiente e delle Infrastrutture e Trasporti

I dati inoltre parlano di 31 città italiane capoluogo di provincia che offrono tale servizio: Bergamo,

  • Bologna,
  • Bolzano,
  • Brescia,
  • Como,
  • Ferrara,
  • Firenze,
  • Forlì,
  • Genova,
  • La Spezia,
  • Livorno,
  • Mantova,
  • Modena,
  • Milano,
  • Padova,
  • Palermo,
  • Parma,
  • Pesaro,
  • Pisa,
  • Ravenna,
  • Reggio Calabria,
  • Reggio Emilia,
  • Roma,
  • Siena,
  • Terni,
  • Torino,
  • Trento,
  • Treviso,
  • Udine,
  • Venezia,
  • Verona.

 

Articoli simili: Brand reputation, Ferrari sul podio

Per favore supportaci e metti mi piace!!

Autore dell'articolo: Francesca DI Giuseppe

Avatar
Francesca Di Giuseppe, nata a Pescara il 27 ottobre 1979, giornalista e titolare del blog Postcalcium.it. Il mio diario online dove racconto e parlo a mio della mia passione primaria: il calcio Laureata in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Teramo con una tesi dedicata al calcio femminile. Parlare di calcio è il mezzo che ho per assecondare un’altra passione: la scrittura che mi porta ad avere collaborazioni con diverse testate giornalistiche regionali e nazionali.