Serena vive due anni

Serena vive due anni nel bagagliaio dell’auto

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Tulle (Francia) – Serena vive due anni nel bagagliaio dell’auto – È una bambina che tra pochi giorni compirà sette anni. Ma la vita l’ha già messa a dura prova.

Sua madre, Anna Maria Da Cruz una 50 enne, dunque la fa crescere per due anni nel bagagliaio di un’auto.

A scoprire della piccola è il meccanico della donna che allerta le forze dell’ordine.

Le condizioni vergognose in cui si trova la bambina le provocano danni permanenti.

Oggi la donna, condannata a 5 anni ridotti a due con i lavori sociali, chiede perdono.

Ma la bambina, cui si riscontrano problemi irreversibili non potrà mai udire le sue parole.

Francia, Serena vive per due anni nel bagagliaio dell’auto di sua madre

La storia di Serena fa discutere. Il gesto inspiegabile di una donna che, apparentemente madre modello, cresce la piccola nel bagagliaio di un’auto.

La bambina è venuta al mondo a seguito di una relazione extraconiugale che Anna Maria Da Cruz, una donna portoghese, ha all’età di 45 anni.

Partorisce da sola. Tiene tutti all’oscuro; compresi il Marito e i suoi tre figli di 9, 14 e 15 anni.

Apparentemente una madre modello non si scompone. La bambina avuta da un’amante viene nascosta nel bagagliaio dell’auto, una Peugeut 307.

Ma com’è stato possibile, si chiede l’opinione pubblica, non capire? Non rendersi conto?

Il marito interrogato, non si spiega il gesto. Parla di una madre esemplare. L’uomo, disoccupato e senza patente è ritenuto credibile.

Non guidava l’auto della donna e non si avvicinava. Viene messo agli atti la sua totale estraneità.

Ci troviamo nelle campagne transalpine di Tulle (nuova Aquitania).

Un giorno, accade semplicemente, che il meccanico di Anna Maria Da Cruz, insospettito dai rumori che provenivano da dentro l’abitacolo, apre il bagagliaio.

Fa l’amara scoperta e trova la piccola che versa in condizioni scandalose.

Dentro un seggiolone, disidratata e circondata da escrementi e parassiti.

Erano passati due anni.

Serena, ecco sua madre
Serena, ecco sua madre Foto di TgCom24

Serena vive due anni nel bagagliaio dell’auto, il processo a Anna Maria Da Cruz

Si apre il processo ai danni della piccola Serena, che si conclude venerdì 16 novembre.

C’è voluto molto tempo per decidere di dare alla donna ben 5 anni, poi ridotti a due, cui segue l’assegnazione dei servizi sociali.

L’opinione pubblica, che parlava di ben 20 anni si spacca a metà. Da un lato l’indignazione per i soli due anni.

Dall’altro lo sgomento e l’incredulità che si concretizza nel pensiero di psicologi e specialisti che continuano a chiedersi il perché.

Dalle indagini si evidenzia più volte che Anna Maria Da Cruz, madre già di tre figli, non ha mai dato segni di squilibrio. Ecco perché psichiatri e medici non si sbilanciano sulle definizioni.

La donna, secondo quando affermato in un primo tempo, rifiuta questa gravidanza però non opta per nessuna soluzione.

Interruzione, adozione nessuna scelta.

Così i suoi avvocati si affidano alla momentanea infermità mentale. Ma la società non ci sta e nascono aspre contese che parlano di ingiustizia nei confronti di Serena.

Serena oggi, la triste storia di una bambina non voluta

I media, rilevano che le condizioni della piccola Serena oggi sono irreversibili. Queste conseguenze sono in parte dovute pessimo trattamento ricevuto dalla madre.

Il lungo elenco, che parla della diagnosi della piccola, la vede con una grave deprivazione sensoriale (causata dalla mancanza di stimoli esterni) all’incapacità di apprendimento.

Le sue facoltà cognitive (mentali e comportamentali) sono aggravate da una forma di autismo.

La madre, chiede il suo perdono. Un perdono che la piccola al momento non è neppure capace di provare.

Anna Maria Da Cruz, si esprime ai giudici con pentimento, capace anche di capire che non vedrà più la figlia, affidata ad un altra famiglia.

Intanto, mentre le polemiche crescono, si stringe un triste silenzio in Francia.

Serena vive due anni nel bagagliaio dell’auto e tra qualche giorno compirà 7 anni. Non parla. Non esprime nessuna emozione, esattamente come un tacito consenso che cade sullo stesso perdono.

Leggi argomenti simili.

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24