SAN BENEDETTO DEL TRONTO - Scatta il fermo biologico: stop, dunque, al pesce fresco a tavola con il blocco delle attività della flotta italiana lungo il tratto centrale dell’adriatico da San Benedetto del Trento a Termoli, dove le attività dei pescherecci si fermeranno dal 16 agosto al 21 settembre. Il resto delle marinerie - dal Friuli Venezia Giulia al Veneto, dall’Emilia Romagna fino a parte delle Marche e della Puglia - è fermo dal 30 luglio in una situazione in cui i prezzi di vendita al dettaglio per il pesce fresco e refrigerato nell’ultimo mese sono aumentati del 10,4% per effetto del clima e dell'aumento insostenibile dei costi mentre il prodotto all’ingrosso è rimasto stabile. Per quanto riguarda il Tirreno il blocco scatterà da Brindisi a Napoli fino a Gaeta dal 5 settembre al 4 ottobre. Il 3 ottobre partirà, invece, il fermo da Livorno a Imperia (fino al 1° novembre) mentre per Sicilia e Sardegna l’interruzione delle attività è fissata su indicazione delle Regioni mentre da Roma a Civitavecchia è stato effettuato dal 13 giugno al 12 luglio. Come lo scorso anno – spiega Coldiretti Impresapesca – in aggiunta ai periodi di fermo fissati i pescherecci dovranno effettuare ulteriori giorni di blocco che vanno da 7 a 17 giorni a seconda della zona di pesca e del tipo di risorsa pescata. Nonostante l’interruzione dell’attività sulle tavole delle regioni interessate – precisa Coldiretti Impresapesca - sarà comunque possibile trovare prodotto italiano, dal pesce azzurro come le alici e la sarde, al pesce spada, dalle vongole e cozze provenienti dalla barche della piccola pesca e dall’acquacoltura, che assicura anche orate e spigole. Il consiglio è dunque quello di verificare bene le informazioni in etichetta sui banchi di pescherie e supermercati, ma per assicurare reale trasparenza occorrerebbe arrivare all’etichettatura obbligatoria dell’origine anche al ristorante. Il fermo cade quest’anno in un momento difficile – denuncia Coldiretti Impresapesca – poiché il blocco dell’attività va a sommarsi al caro carburanti con il prezzo medio del gasolio per la pesca che è praticamente raddoppiato rispetto allo scorso anno costringendo i pescherecci italiani a navigare in perdita o a tagliare le uscite e favorendo le importazioni di pesce straniero, considerato che fino ad oltre la metà dei costi che le aziende ittiche devono sostenere è rappresentata proprio dal carburante. Non a caso gli arrivi di prodotti ittici dall’estero sono aumentati del 29% in valore nei primi quatro mesi del 2022, secondo un’analisi Coldiretti su dati Istat. Ma a pesare sono anche – denuncia Coldiretti Impresapesca – le scelte dell’Unione Europea che hanno portato a una riduzione dell’attività di pesca per un corposo segmento produttivo della flotta peschereccia nazionale a poco più di 120 giorni, pari ad un terzo delle giornate annue, portandola di fatto sotto la soglia della sostenibilità economica. Senza dimenticare gli effetti della siccità con la mancanza di acqua per garantire il ricambio idrico e l’aumento della salinità lungo la costa Adriatica. Resta poi il problema che anche quest’anno l’assetto del fermo pesca 2022 non risponde ancora alle esigenze delle aziende e continua a non rispondere alle esigenze della sostenibilità delle principali specie target della pesca nazionale, tanto che lo stato delle risorse nei 35 anni di fermo pesca, per alcune specie, è progressivamente peggiorato. L’obiettivo deve essere quello di tutelare, oltre alle risorse ittiche, anche la sostenibilità economica del settore – ricorda Coldiretti Impresapesca - che rappresenta in molte zone un volano importante anche dal punto di vista turistico. ​

Scatta il fermo biologico, ecco da quando

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Scatta il fermo biologico: stop, dunque, al pesce fresco a tavola con il blocco delle attività della flotta italiana lungo il tratto centrale dell’adriatico da San Benedetto del Trento a Termoli, dove le attività dei pescherecci si fermeranno dal 16 agosto al 21 settembre. Il resto delle marinerie – dal […]

Polfer in azione a Pesaro: il bilancio

Polfer in azione a Pesaro: il bilancio

PESARO – Polfer in azione a Pesaro: il bilancio. 2 persone indagate e 2.935 persone controllate, 204 pattuglie impegnate in stazione e 36 a bordo di 72 treni, 1 minore rintracciato: è questo il report dell’attività, nell’ultima settimana, del Compartimento Polizia ferroviaria per le Marche, l’Umbria e l’Abruzzo. Nel pomeriggio di mercoledì un cittadino 39enne […]

Cani anti-Covid sostituiranno i tamponi molecolari

Da decenni l’uomo utilizza i cani per tantissime mansioni, specialmente con l’ausilio del loro grande olfatto. Con uno specifico training, i cani anti-covid sostituiranno i tamponi molecolari. I cani e l’olfatto Tutti i canidi hanno un olfatto sviluppatissimo, ragion per cui vengono utilizzati per la diagnostica olfattiva. Quando respiriamo, attiviamo 5 milioni di recettori, contro […]

RicominciARTE dalle Marche

RicominciARTE dalle Marche in sicurezza

RicominciARTE dalle Marche in sicurezza. Quaranta artisti marchigiani pronti a ripartire con il primo evento all’aperto il 26 e 27 giugno Il mondo della cultura, degli eventi è quello che ha certamente sofferto di più in questo periodo di emergenza ma si riparte con RicominciARTE della Marche. La voglia di ricominciare con gli spettacoli dal […]

Vacca sul governo: "Scriteriata e irragionevole crisi"

Approvato il Decreto Milleproroghe

ROMA – Approvato il Decreto Milleproroghe oggi alla Camera, ora il provvedimento arriverà al vaglio del Senato. Soddisfatti i pentastellati. Previsti anche interventi relativi alla rete ospedaliera, alla geografia giudiziaria, ai fondi e alle azioni per le zone del centro Italia colpite dal sisma e da altre calamità naturali. Insomma, alla grande per il governo. […]

Ad Acqualagna la Fiera del Tartufo Bianco

Ad Acqualagna la Fiera del Tartufo Bianco

ACQUALAGNA – Ad Acqualagna la Fiera del Tartufo Bianco. La manifestazione internazionale, giunta alla sua 54a edizione, si terrà nella cittadina marchigiana in provincia di Pesaro e Urbino per sei giorni, e per la precisione domenica 27 ottobre, venerdì 1° novembre, sabato 2 novembre, domenica 3 novembre, sabato 9 novembre e domenica 10 novembre. Tra gli […]

La terra trema in centro Italia

La terra trema in centro Italia. Una scossa di terremoto ha colpito ieri sera intorno alle 23.15 la regione Marche. Secondo i primi rilevamenti dell’istituto nazionale di geofisica e vulcanologia nazionale, il sisma era di magnitudo 3.0. Il terremoto ha avuto un epicentro di circa 10 chilometri di profondità. Solo i comuni di Caldarola e […]

Terremoto di magnitudo 5.1 in Molise: la terra continua a tremare

A preoccupare i residenti e vacanzieri in Italia, nelle ultime ore, è la notizia di una nuova scossa di terremoto, con epicentro in Molise, registratasi ieri sera, intorno alle ore 20:19 circa. Il sisma è stato avvertito in diverse regioni italiane, specialmente nelle città di Napoli e Roma, così com’è stato riportato dall’agenzia giornalistica ANSA. […]

Scossa di terremoto, 5.1 nelle marche, errore e sollievo

Questa mattina in provincia di Macerata, non ce stata alcuna scossa di terremoto, per fortuna un errore che lascia tutti più tranquilli per quello che hanno passato queste terre martoriate; Nulla confermato di quello che appariva sul sito dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv). L’ Ingv ha spiegato che per un errore di sistema […]