Acido alfa-linolenico riduce il rischio di malattie cardiache

Acido alfa-linolenico riduce rischio di malattie cardiache

 

L’acido alfa-linolenico, – oppure acido α-linolenico – un acido grasso vegetale omega-3, può beneficiare alla salute del cuore e ridurre il rischio di malattie cardiache, in base a un documento di revisione pubblicato sulla rivista Advances in Nutrition.

“Date le prove dei benefici per la salute delle diete a base vegetale e degli acidi grassi n-3 a catena lunga, c’è un forte interesse a comprendere meglio il ruolo dell’acido alfa-linolenico (ALA), un acido grasso n-3 di origine vegetale, sulle malattie cardiometaboliche e sulla loro funzione cognitiva”, ha dichiarato l’autore principale Dr. Aleix Sala-Vila, ricercatore presso l’Institut Hospital del Mar d’Investigacions Mèdiques-Barcelona, e colleghi.

“C’è una crescente evidenza per ALA in gran parte basata sulle sue principali fonti alimentari (cioè, noci e semi di lino); tuttavia, questo è in ritardo rispetto alla nostra comprensione degli acidi grassi a catena lunga n-3”.

Per la loro revisione, gli autori hanno analizzato i dati da studi precedenti per valutare gli effetti di ALA sulla malattie del cuore; e poi sui fattori di rischio come la pressione sanguigna e infiammazione.

L’Acido alfa-linolenico derivato dalle piante riduce il rischio di malattie cardiache

Hanno analizzato sia studi controllati randomizzati, sia ricerche osservazionali. Mentre alcuni degli studi osservazionali si basavano sui partecipanti che segnalavano quanto spesso mangiavano determinati alimenti per determinare quanto ALA stavano consumando; altri hanno usato biomarcatori – un modo di misurare i livelli di ALA nel sangue – come una misura più accurata.

Dopo aver analizzato gli studi, i ricercatori hanno scoperto che il consumo di ALA era associato a un rischio inferiore del 10% di malattie cardiovascolari; e poi a un rischio ridotto del 20% di malattie coronariche fatali.

Hanno anche scoperto che l’ALA aveva effetti benefici sulla riduzione dei lipidi aterogeni e delle lipoproteine, così come della pressione sanguigna e dell’infiammazione.

“Le persone potrebbero non voler mangiare frutti di mare per una serie di motivi; ma è ancora importante per loro consumare omega-3 per ridurre il rischio di malattie cardiache e promuovere la salute generale”. Ha sottolineato il professor Penny Kris-Etherton, ricercatore presso il Dipartimento di Scienze Nutrizionali della Pennsylvania State University.

******

“L’ALA di origine vegetale sotto forma di noci o semi di lino può anche fornire questi benefici; soprattutto se incorporati in una dieta sana ricca di frutta, verdura e cereali integrali”.

“Abbiamo anche trovato prove che per le persone che mangiano frutti di mare, si potrebbero ottenere ulteriori benefici dal consumo di omega-3 a base vegetale”; ha aggiunto la dottoressa Jennifer Fleming, anche lei del Dipartimento di Scienze Nutrizionali della Pennsylvania State University.

“Siamo stati in grado di trovare prove a sostegno delle attuali linee guida dietetiche che l’ALA. dovrebbe fornire circa lo 0,6-1% dell’energia totale in un giorno, che è circa 1,1 grammi al giorno per le donne; e 1,6 grammi al giorno per gli uomini. E può essere incorporato nella dieta con alimenti come noci, semi di lino, e oli da cucina come gli oli di canola e soia”; Ha commentato il dott. Emilio Ros, un ricercatore presso l’Institut d’Investigacions Biomèdiques August Pi i Sunyer e il CIBER Fisiopatología de la Obesidad y Nutrición presso l’Instituto de Salud Carlos III.

Queste raccomandazioni sono pari a circa 1/2 oncia di noci o poco meno di un cucchiaino di olio di semi di lino.

“Sono necessari studi futuri per comprendere meglio gli effetti dell’ALA su altre importanti malattie croniche”, hanno aggiunto gli scienziati. “Inoltre, c’è la necessità di valutare se la recente documentazione scientifica supporta nuove e più alte raccomandazioni dietetiche per l’ALA”.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24