Allarme inquinamento plastica: parola agli ecologisti

Allarme inquinamento plastica: parola agli ecologisti

 

Gli ecologisti hanno lanciato l’ allarme inquinamento da plastica. Essi studiano la prevalenza dell’inquinamento da plastica negli ecosistemi acquatici di tutto il mondo. Sono preoccupati dopo aver misurato la scala della risposta umana necessaria per ridurre le emissioni future e gestire ciò che già galleggia là fuori. “A meno che la crescita della produzione e dell’uso della plastica non venga arrestata, è essenziale una trasformazione fondamentale dell’economia della stessa in un quadro basato sul riciclaggio, in cui i prodotti in plastica a fine vita sono valutati piuttosto che diventare rifiuti“, afferma Chelsea Rochman, assistente professore in il Dipartimento di ecologia e biologia evolutiva dell’Università di Toronto e autore senior di uno studio pubblicato su Science. Quest’ultimo delinea il ritmo accelerato con cui le emissioni di plastica entrano ogni anno nei corsi d’acqua terrestri.

Anche se i governi di tutto il mondo rispettassero i loro ambiziosi impegni globali e altri paesi si unissero a questi sforzi per ridurre l’inquinamento da plastica, le emissioni annuali mondiali in fiumi, laghi e oceani potrebbero raggiungere i 53 milioni di tonnellate entro il 2030“, afferma l’autore dello studio. “Questo è ben oltre la quantità di 8 milioni di tonnellate che è stata dichiarata inaccettabile nel 2015“.

Allarme inquinamento plastica: cosa succederà? Cosa dovremo fare?

La ricerca di un gruppo internazionale di esperti guidato da Rochman e Borrelle, consisteva in una valutazione del livello di impegno necessario per raggiungere un obiettivo globale di riduzione dell’inquinamento da plastica inferiore a 8 milioni di tonnellate metriche (MT). Il gruppo ha stimato per la prima volta che 24-34 milioni di tonnellate di emissioni di plastica entrano attualmente negli ecosistemi acquatici ogni anno. Hanno quindi modellato gli scenari futuri utilizzando le strategie di mitigazione esistenti. Ad esempio ridurre la produzione di rifiuti di plastica, migliorare la gestione dei rifiuti di plastica prodotti e recupero continuo dall’ambiente.

I ricercatori hanno scoperto che anche con sforzi paralleli in tutte e tre le soluzioni, il livello di sforzo richiesto all’interno di ciascuna è enorme. Bisognerebbe ridurre del 25-40 % la produzione di plastica. Un secondo passo consiste nell’aumentare il livello di raccolta e gestione dei rifiuti almeno fino al 60% in tutte le economie. Per ultima, ma non meno importante, bisogna riciclare il 40% delle emissioni annuali di plastica. 

Per riuscire, ad esempio, a svolgere correttamente l’ultimo metodo da attuare, servirebbero un miliardo di persone. Nonostante ciò, però, i ricercatori osservano, che la plastica in circolazione risulterà ancora inaccettabile. Devono proporre delle soluzioni per ridurre la quantità di plastica “vergine”, dunque ex-novo e reinventare il riutilizzo delle materie plastiche.

 

Fonte immagine copertina: Pixabay

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Francesco Menna

Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com