Colpo 'Ndrangheta: sequestro beni per 2

Colpo ‘Ndrangheta: sequestro beni per 2,3 mln euro

 
RSS
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me

Colpo ‘Ndrangheta sequestro beni per 2,3 mln di euro in immobili all’organizzazione criminale calabrese dopo il blitz della Dia di Bologna.

[adrotate banner=”37″]

La Direzione Investigativa Antimafia del capoluogo emiliano si è resa protagonista di un colpo inflitto al‘Ndrangheta, ormai ramificatasi anche nel Nord Italia. Essi hanno attuato una frode diretta al Ministero dell’Economia, costretto a corroborare più di due mln di euro. Esso era destinato ad una società appartenente ad un nucleo di impresari edili provenienti dal territorio calabro e da anni stanziatisi nella provincia reggiana, scelti dalla Ndrangheta locale, vicina alla cosca di Cutro (KR) Grande Aracri, per ricevere l’accredito.

Colpo ‘Ndrangheta: sequestro beni per 2,3 mln euro, occultati beni in Uk e Costa D’Avorio

In seguito all’indagine, denominata “Aemilia”, il gruppo di investigazione, capitanato dal procuratore Giuseppe Amato, ha perlustrato ed intercettato edifici aventi un valore di circa 2,3 milioni di euro. Beni posizionati tra Calabria, Campania, Lazio e il territorio di Reggio Emilia.

Il provvedimento è stato predisposto su segnalazione di alcuni collaboratori di giustizia. Il clan dei Grande Aracri è stato in grado di contraffare un’atto giudiziale riferito a luglio 2010. Dopo di  che il  clan ha indotto il dicastero delle finanze a risarcire due milioni di euro ad imprenditori indicati nell’atto. Inoltre secondo gli inquirenti i criminali hanno celato alcune risorse ed immobili sparse tra il Regno Unito e la Costa D’avorio.

 

Altri articoli di cronaca sulla pagina del sito.

Fonte foto

Please follow and like us:
Pin Share
 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *