Due ceppi di virus dell' influenza umana potrebbero essersi estinti

Due ceppi di virus dell’influenza umana potrebbero essersi estinti

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

C’è stata così poca trasmissione dell’influenza durante la pandemia di COVID-19 che alcuni tipi di virus influenzali potrebbero essersi estinti, secondo le notizie. Durante la pandemia di COVID-19, i casi di influenza sono scesi ai minimi storici, un fenomeno che gli esperti attribuiscono all’uso della mascherina e ad altre precauzioni per combattere il nuovo coronavirus.
È interessante notare che due tipi di virus influenzali non sono apparsi per un anno, il che significa che non sono stati segnalati casi di questi virus in nessuna parte del mondo, secondo STAT.

Per spiegare quali virus influenzali potrebbero essersi estinti, è utile capire come vengono classificati i virus influenzali. Due famiglie di virus influenzali causano l’influenza stagionale: l’influenza A e l’influenza B. I virus dell’influenza A sono divisi in “sottotipi” basati su due proteine ​​sulla loro superficie note come emoagglutinina (H) e neuraminidasi (N), secondo i Centers for Disease Control e prevenzione (CDC).

Attualmente, H1N1 e H3N2 circolano nelle persone e ciascuno di questi sottotipi è ulteriormente suddiviso in “cladi”. I virus dell’influenza B, d’altra parte, non hanno sottotipi o cladi ma sono divisi in due linee note come B/Yamagata e B/Victoria. Un clade di H3N2, noto come 3c3.A, non è stato rilevato da marzo 2020. Lo stesso vale per il lignaggio B/Yamagata, secondo STAT.

Ceppi di virus dell’influenza estinti? Ecco lo studio

Penso che abbia una buona possibilità che sia andato. Ma il mondo è vasto“, ha detto a STAT Trevor Bedford, biologo computazionale presso il Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle, riferendosi al clade H3N2. Florian Krammer, virologo presso la Icahn School of Medicine Mount Sinai di New York, ha condiviso pensieri simili sul lignaggio B/Yamagata. “Solo perché nessuno l’ha visto non significa che sia scomparso completamente, giusto? Ma potrebbe“, ha detto Krammer a STAT.

I virus H3N2 sono un gruppo particolarmente diversificato e, prima della pandemia di COVID-19, i loro cladi sembravano diventare geneticamente più diversi ogni anno, secondo STAT. Quindi un calo della diversità per questo sottotipo sarebbe una “grande cosa“, ha detto Richard Webby, direttore del Centro di collaborazione dell’Organizzazione mondiale della sanità per gli studi sull’ecologia dell’influenza negli animali e negli uccelli, con sede presso il St. Jude Children’s Hospital di Memphis.

Attualmente, quando ci sediamo per formulare raccomandazioni sui ceppi vaccinali, è sempre il virus del “mal di testa“. Webby ha avvertito che questi tipi di virus potrebbero essere ancora disponibili anche se non sono stati segnalati nei database ufficiali. Ma il drammatico calo dei casi di influenza quest’anno potrebbe portare alcuni cambiamenti per l’influenza.

Senza dubbio, questo cambierà sicuramente qualcosa in termini di diversità dei virus influenzali là fuori”, ha detto Webby a STAT

Via

Fonte immagine copertina: Pixabay

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com