La mia generazione festival, questa sera i dEUS in concerto

La mia generazione festival, questa sera i dEUS in concerto

 

La mia generazione festival, questa sera i dEUS in concerto.

La band belga ha da tempo superato i due decenni di vita ed è ormai una delle più solide realtà musicali europee.

Il primo disco, “Worst Case Scenario” arrivò infatti nel lontano 1994, a circa tre anni dalla costituzione del gruppo.

Il concerto di stasera ad Ancona inoltre sarà quasi certamente una vera e propria celebrazione dell’album più celebre, “The Ideal Crash”.

Il disco conteneva dieci tracce che sono rimaste nella memoria storica dei fan tra cui anche i singoli “Instant Street”, “Sister Dew” e la title track.

Venne registrato in vari studi europei e prodotto dalle sapienti mani di David Bottrill, che aveva già lavorato con David Sylvian & Robert Fripp, Toni Childs, King Crimson, Tool, Remy Zero e Ultraspank.

Definire il suo genere è quasi assurdo: una quanto mai originale miscela di Rock, Punk, Blues e Jazz.

Da quando esordirono i dEUS contano ormai sette dischi in studio, l’ultimo dei quali è “Following Sea”, pubblicato nel 2012.

La mia generazione festival, questa sera i dEUS in concerto

I dEUS sono: Tom Barman, Klaas Janzoons, Stéphane Misseghers, Alan Gevaert  e Bruno De Groote.

In passato hanno però gravitato (come succede spesso con artisti dalle carriere lunghissime) attorno alla band diversi altri membri.

La mia generazione festival continua anche domani con un programma che prevede come headliner della giornata i Subsonica.

I biglietti per la data di stasera e per quella di domani sono ancora disponibili presso la Casa Musicale Ancona  (071 202588).

Forse ti può interessare anche:

L’immagine nell’articolo è tratta dal sito ufficiale del festival

 

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Marco Vittoria