Torna a casa, trova sua moglie a letto con un altro e scatta un selfie

Torna a casa, trova sua moglie a letto con un altro e scatta un selfie

Duston Hollowhay, quando ha trovato sua moglie nel letto di casa con un altro, invece di arrabbiarsi ha preferito scattarsi un selfie mentre i due amanti – dopo una presumibile nottata di sesso – dormivano profondamente sullo sfondo alle sue spalle. Ma non finisce qui: infatti, subito dopo ha postato le foto su Facebook e, da allora, è diventato una vera e propria star sui social.

Davanti alla scena è rimasto impassibile, poi ha deciso di scattare un selfie

Quando è rientrato nel suo appartamento, a Emory (Texas) e si è trovato davanti quella scena, ha mantenuto il sangue freddo, evitando così di perdere la testa e usare violenza nei confronti dei due traditori. L’idea di prendere le cose con una certa ironia è scattata in quel momento e così, Duston si è scattato un selfie, riprendendo alle sue spalle la moglie e l’altro uomo, entrambi addormentati. Poi ha pubblicato le foto su Facebook, con tanto di commento: “Quando torni a casa dal lavoro e trovi la tua donna a letto con un altro”. Quel che non si aspettava il tradito, è che quelle foto sarebbero diventate virali sui social: gli scatti in pochissimi giorni hanno fatto il giro del web, ma non solo; tra commenti e condivisioni il ragazzo è stato sommerso da una valanga di “solidarietà” in suo sostegno.

Commenti di solidarietà sul web: sul web Duston è diventato una star

“Il mio cuore si è spezzato quel giorno – ha scritto Duston sul suo profilo FB – ma non mi sono mai sentito così circondato di affetto. Le persone si sono congratulate con me per aver mantenuto il controllo, e di aver fatto la scelta migliore andando via a testa alta. La sensazione più appagante che ho mai provato in vita mia – prosegue – scoprire che tantissimi altri hanno apprezzato ciò che altri, invece, davano per scontato”.

Via

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
 

Autore dell'articolo: Rosa Pullano