NASA cerca società private per minare la Luna: cambiano le missioni

NASA cerca società private per minare la Luna: cambiano le missioni

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com
 

La NASA ha annunciato che cerca società private per andare sulla Luna e raccogliere polvere e rocce dalla superficie e riportarle sulla Terra. L’agenzia spaziale americana avrebbe quindi acquistato i campioni lunari in quantità comprese tra 50 e 500 grammi per un valore compreso tra 15.000 e 25.000 dollari. L’amministratore della NASA, Jim Bridenstine, ha annunciato giovedì che la raccolta di materiale lunare diventerà parte di un programma di sviluppo tecnologico che aiuterà gli astronauti a “vivere al di fuori della Terra quando saranno in missione con il proprio equipaggio in futuro sulla luna o altrove.

Bridenstine ha scritto che l’agenzia “sta acquistando del terreno lunare da un fornitore commerciale. È ora di stabilire la certezza normativa per estrarre e scambiare risorse spaziali“. La collezione fa parte del programma di esplorazione lunare Artemis della NASA istituito lo scorso anno per far atterrare gli astronauti statunitensi sulla luna entro il 2024. L’agenzia ha indicato che le missioni più lontane, ad esempio su Marte, richiederanno l’uso di risorse estratte localmente. “Useremo ciò che apprendiamo sulla luna e intorno alla Luna per fare il prossimo passo da gigante: inviare astronauti su Marte“, ha scritto Bridenstine.

NASA cerca società private: cosa succederà in futuro?

In un post sul blog, Bridenstine ha affermato che lo sforzo sarebbe conforme al Trattato sullo spazio extra-atmosferico del 1967. Esso afferma che nessun Paese può rivendicare sovranamente la luna o altri corpi celesti nello stesso modo in cui il continente antartico è fuori portata per la conquista territoriale. A maggio, la NASA ha svelato un quadro giuridico che avrebbe controllato il comportamento di Paesi e aziende nello spazio e sulla luna. Il quadro giuridico, noto come Artemis Accords, include la creazione di “zone di sicurezza”. Si tratta di zone intorno ai siti in cui l’estrazione e l’esplorazione avrebbero avuto luogo sulla superficie lunare.

Il massimo amministratore della NASA ha anche detto a un forum tenuto dalla Secure World Foundation che le politiche che regoleranno l’estrazione da corpi celesti saranno più o meno le stesse di quelle attualmente esistenti per gli oceani sulla Terra. “Crediamo di poter estrarre e utilizzare le risorse della luna, proprio come possiamo estrarre e utilizzare il tonno dall’oceano“, ha detto, senza fare riferimento alla pesca eccessiva e all’inquinamento che sta rapidamente distruggendo gli stock ittici in molte regioni.

A differenza della pesca, tuttavia, alle società minerarie celesti partecipanti sarebbe richiesto di fornire immagini del materiale e del luogo da cui è stato recuperato. La NASA ha già un programma separato per incaricare società. Tra esse troviamo Astrobotic, SpaceX, Blue Origin, Sierra Nevada Corp e Lockheed Martin.

Via

Fonte immagine copertina: Pixabay

 

Per favore supportaci e metti mi piace!!

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Avatar
Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com