Prezzo del pecorino alle stelle, supera il parmigiano

Pecorino Day: Lecce, per campagna amica

Condividi su:

 

Pecorino Day: Lecce, mercato di campagna amica, di Piazza Ariosto 19/02/2019.

Lecce – per l’appuntamento d’informazione e conoscenza, si discute sui dati ISTAT diffusi da Coldiretti, tramite presidente Savino Muraglia.

In occasione dell’incontro, il dibattito si apre sulla possibile estinzione del pecorino Pugliese, a causa del dimezzamento degli ovini da 15 anni a questa parte.

Pecorino Day: Lecce, Bari e Foggia le zone più colpite

Pecorino a rischio, di questo si parla nel dibattito, tenutosi a Lecce in occasione del “Pecorino Day” dove, Savino Muraglia, presidente Coldiretti Puglia, espone i dati ISTAT con preoccupazione.

Secondo le stime, in un periodo che va dal 2002 al 2017, gli allevamenti hanno detto addio a ben 30Mila esemplari. In 15 anni gli impianti ovini (essendosi dimezzati) hanno messo a rischio d’estinzione il Pecorino Pugliese; un cavallo di battaglia della Regione.

Diffusa da Coldiretti stessa, si denota come gli allevamenti della biodiversità, sono ridotti all’estremo; il problema, durante “Campagna Amica” di Piazza Ariosto è tracciato dallo stesso presidente Muraglia che dice:

“Gli allevamenti condotti da questi custodi del territorio e delle ricchezze agroalimentari che producono sono il fiore all’occhiello della Puglia”- spiega il presidente di Coldiretti Puglia Savino Muraglia-“sono i sigilli della biodiversità contadina, come la pecora gentile di Altamura, la moscia leccese, i prodotti d’eccellenza quale il Canestrato Pugliese che ha anche il riconoscimento comunitario della DOP, il pecorino di maglie, prodotto caseario tradizionale del Salento, a rischio di estinzione e il pecorino prodotto dalle province di lecce, Bari foggia, Baluardi eroici di un lavoro che chiede grande sacrificio e dedizione”.

Al mercato di Campagna Amica, i partecipanti sono guidati verso un percorso specifico, alla ricerca del gusto; dagli assaggi di pecorino stagionato 12 e 24 mesi, alla ricotta spalmabile ovunque; oppure i farciti al pepe nero, noci, rucola, pomodoro secco.

Non sono mancate le lezioni dell’agronomo Giovanni D’Amato sulle peculiarità della pecora ‘moscia’ leccese.

L’immagine di copertina è CASEIFICIO ARTIGIANA, segui il link.

Ti piace la cucina? Leggi l’ultima ricetta.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24