Dazi USA -90% vendite del Parmigiano

Dazi USA: -90% vendite del Parmigiano, Grana, Bufala

intopic.it feedelissimo.com  
 

WTI autorizza Dazi USA: allarme Parmigiano rischio -90% vendite

 

Coldiretti allarmata per i dazi USA sui prodotti europei che comporterebbero un crollo di vendite del Parmigiano pari al 90%.

Donald Trump punta a penalizzare le economie mondiali per fare emergere quella made in USA ed anche l’Italia rischia una pesante crisi commerciale. La Coldiretti indica come fortemente penalizzati i prodotti alimentari, soprattutto i formaggi. L’industria casearia USA (CCFN) non avrebbe rivali nella vendite dei prodotti simil-italiani; dunque i dazi USA avrebbero un duplice effetto: tagliare la produzione delle aziende italiane ed anche favorire la contraffazione.

Dazi USA: -90% vendite del Parmigiano – Grana Padano – Mozzarella di bufala

Per il Parmigiano Reggiano ed anche il Grana Padano, a livello di ordinativi dall’estero, dopo la Germania, è il mercato americano ad occupare il secondo posto; l’introduzione dei dazi di Trump non rappresenterebbe un adeguamento dei prezzi ma la volontà di portare fuori mercato i concorrenti delle aziende americane. Ad esempio, la tassa per i formaggi porterebbe fare aumentare il prezzo esposto sui banconi di 13 dollari al kg, quindi il costo per i consumatori americani schizzerebbe anche oltre i 60 dollari al kg.

Considerando l’effetto dirompente sui prezzi e la conseguente esclusione dei prodotti italiani dal mercato USA, ci si troverebbe difronte ad un crollo dei consumi; infatti secondo il Consorzio del Parmigiano Reggiano il taglio di produzione sarebbe uguale all’80-90%.

Anche la Mozzarella di Bufala Campana Dop, che negli Usa costa 41,3 euro al chilo, verrebbe tagliata fuori dal mercato americano poiché raggiungerebbe un prezzo pari a 82,6 euro al chilo.

Olio – Pasta – Prosecco

Per l’olio extravergine d’oliva venduto negli USA il cartellino salirebbe da 12,38 euro al litro a 24,77 euro al chilo.

Anche la pasta verrebbe penalizzata con un aumento a 3,75 euro al kg rispetto agli attuali 2,75 euro al kg.

Inoltre c’è anche la questione vino con il Prosecco, che nel primo semestre del 2019 ha trovato nel mercato USA il primo acquirente, davanti alla Gran Bretagna; dunque il prezzo, che aumenterebbe da 10-15 euro a bottiglia a 20-30 euro, peserebbe gravemente sulle esportazioni.

 

Puoi leggere anche:

Mise annuncia agevolazioni grandi progetti di R&S

Milano 2019 Rating Fitch BBB outlook negativo

iPhone11 e Apple TV+ a sconto: news 2019 della Mela

Iveco Defence Vehicles appalto Forze Armate Olanda

Mediaset fusione transfrontaliera in MediaforEurope

Criptovaluta Libra un rischio per sistema dei pagamenti

Novità CNH Industrial Iveco FCA, i titoli volano in Borsa

Si saprà il nome di chi effettuerà operazioni bancarie

CNH Industrial risultati secondo trimestre 2019

Fibonacci: successione aurea e matematica moderna

Brahmagupta è il matematico che introdusse lo zero

Bitcoin: possibile boom nel 2020?

 

↪️ Altre  notizie di economia nella pagina dedicata del sito.

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
     
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Avatar
Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".