Quattordicesima 2018 Quattordicesima a settembre

Quattordicesima a settembre per ulteriori 48 mila beneficiari

Quattordicesima a settembre per i ritardatari

Per il mese in corso l’Istituto di previdenza ha in scadenza circa 3 milioni di erogazioni ma si pensa già alla quattordicesima a settembre.

Infatti è ora per l’INPS di fare i conti per il mese in corso e per settembre che prevede versamenti di ulteriori 48 mila quattordicesime.

I prossimi accrediti di quattordicesima mensilità avverranno a settembre per 48 mila a nuovi beneficiari che hanno presentato in ritardo le dichiarazioni sui redditi.

La quattordicesima a settembre è liquidata d’ufficio dall’Istituto di previdenza, cioè senza adempimenti a carico del beneficiario.

L’INPS sta attivando tutte le pratiche ed i sistemi informatici volti a semplificare i rapporti con gli utenti consentendo anche tempestività.

Per le procedure automatizzate si utilizzano i redditi memorizzati nel Casellario dei pensionati. Nel caso fossero carenti i dati nel Casellario si utilizzano i redditi del 2015 o al più del 2014. Naturalmente la mensilità aggiuntiva viene erogata in via provvisoria fino alla verifica consuntiva sulla base della dichiarazione dei redditi dell’anno di riferimento.

Andando indietro fino al 2014, nel caso all’Istituto previdenziale venissero a mancare i dati successivi all’anno 2013 non sarebbe possibile erogare la mensilità.

Rimane la facoltà del pensionato non raggiunto dalla quattordicesima a settembre di poter inoltrare richiesta nel caso riscontri di averne diritto.

Ulteriori informazioni sul sito INPS

Potrebbe interessarti anche:

Quattordicesima 2018 per oltre 3 milioni di pensionati

Rimborso 730 in busta paga, pensionati e senza sostituto

Pensione anticipata e accredito dei contributi figurativi

Cedolino della pensione: servizio online per i pensionali

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano disperatamente lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".