Ritmi circadiani e Alzheimer

Ritmi circadiani e Alzheimer

 

Secondo alcuni scienziati, le cellule immunitarie responsabili della rimozione di una proteina chiave che si accumula nel cervello dei pazienti con il morbo di Alzheimer operano con ritmi circadiani giornalieri.
La scoperta, riportata da Jennifer Hurley del Rensselaer Polytechnic Institute e colleghi in un nuovo studio pubblicato sulla rivista PLOS Genetics, fornisce una potenziale spiegazione sul legame tra la malattia di Alzheimer e le interruzioni del ciclo del sonno di una persona.

La malattia di Alzheimer è nota per essere associata a interruzioni dei ritmi circadiani. Si tratta del ciclo di 24 ore che controlla molti aspetti del comportamento umano e della fisiologia. Per esempio, le interruzioni del sonno iniziano anni prima della comparsa dei sintomi della malattia di Alzheimer; e sono collegate a sintomi più gravi e a un rischio più elevato di sviluppare la malattia.

Nel nuovo documento, i ricercatori hanno studiato un meccanismo molecolare potenzialmente responsabile della connessione tra la malattia di Alzheimer e i ritmi circadiani. Hanno misurato l’attività delle cellule immunitarie responsabili della rimozione delle proteine chiamate beta-amiloide, βamiloide, () che si accumulano come placche nel cervello delle persone con malattia di Alzheimer.

I ritmi circadiani svolgono un ruolo fondamentale nella malattia di Alzheimer

Usando colture di queste cellule sviluppate in laboratorio, hanno scoperto che le cellule immunitarie eliminano i residui di βamiloide. in un ciclo giornaliero oscillante controllato da ritmi circadiani. Tuttavia, quando le cellule hanno perso questo ritmo, il ciclo giornaliero è scomparso. Hanno inoltre stabilito che la causa alla base di questa oscillazione era il cambiamento del numero di molecole di un certo enzima, l’eparano-alfa-glucosamminide N-acetiltransferasi, sulla superficie delle cellule. La proteina che hanno identificato risponde ai ritmi circadiani e in precedenza aveva dimostrato di svolgere un ruolo nella compensazione delle proteine di beta-amiloide.

I nuovi risultati scoprono un meccanismo che collega l’interruzione dei ritmi circadiani alla malattia di Alzheimer. Lo studio evidenzia ulteriormente il ruolo delle cellule immunitarie in questa relazione. Anche se saranno necessari altri studi, i nuovi risultati rappresentano la possibilità di mantenere l’eliminazione quotidiana delle proteine beta-amiloidi.. Attraverso questo meccanismo, i pazienti potrebbero avere meno probabilità di sviluppare la malattia di Alzheimer e di mostrare sintomi meno gravi.

Hurley commenta.: “Capire come i nostri ritmi circadiani possono regolare i livelli di eparano sulla superficie delle cellule per controllare l’accumulo di β-amiloide può portare allo sviluppo di cronoterapeutici che alleviano i sintomi del morbo di Alzheimer e di altre malattie infiammatorie”.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24