Watch Dogs Legion: recensione gioco per Xbox One e PS4

Watch Dogs Legion: recensione gioco per Xbox One e PS4

 

Watch Dogs Legion prende le basi e le idee dei suoi predecessori e le espande in modo esponenziale. L’idea principale di Legion si manifesta nel gioco permettendoti di reclutare e interpretare quasi tutti i personaggi che incontri, accumulando un gruppo di combattenti per la libertà. Questa posizione aperta per combattere il sistema è un cambiamento significativo per il franchise, ed è rafforzata da un migliore gioco di hacking e ingegneria sociale.

L’approccio di Legion, sebbene ammirevole, ha alcuni problemi non intenzionali che fanno vacillare il suo potente messaggio di unità in momenti inopportuni. Tuttavia riesce comunque a fare una profonda dichiarazione sulla speranza con il suo nuovo approccio all’azione del giocatore. Legion è ambientato in una Londra del prossimo futuro, tecnologicamente più avanzata.

Watch Dogs Legion: la trama

Il gruppo di hacker di lunga data DedSec è stato incastrato per una serie di attentati in città e i suoi membri sono etichettati come terroristi. Questo, tuttavia, è stato tutto progettato dal misterioso gruppo di hacker rivale noto come Zero Day.

Nel caos dopo i bombardamenti, Londra e i suoi cittadini sono effettivamente presi nella morsa del fascismo invadente e del capitalismo soffocante a causa dell’occupazione di Albion, un gruppo militare privato, nonché di imprese criminali e aziendali che approfittano del vuoto di potere. Con molti agenti chiave morti o dispersi, DedSec London inizia da zero fornendo nuovi membri in crowdsourcing composti da cittadini che la pensano allo stesso modo che vogliono liberare la città.

La Londra in Watch Dogs Legion è presentata come una versione più avanzata ed esagerata della Londra reale. Tuttavia, questa interpretazione della città riflette ancora lo stato d’animo attuale del 2020, anche se con un’estetica più cyberpunk-distopia. La storia della città e i suoi punti di riferimento iconici fanno da sfondo a un crudo futurismo.

Il gioco consente di usare più personaggi e l’unico filo di collegamento rappresenta Londra stessa. Ogni personaggio ha la sua storia, le sue tradizioni, la propria cultura. La ricreazione perfetta dei monumenti ti catapulterà immediatamente nel gioco. Legion ritrae efficacemente l’angoscia e lo sconcerto intrinseci nel vedere il tuo paese cadere lentamente nel caos. La storia principale tratta argomenti relativi al nazionalismo, alla xenofobia e alla classe di persone che dovrebbe avere il controllo. A volte può diventare snervante vedere come la vita reale penetra nella storia di Legion, specialmente quando si tratta del trattamento disumano degli immigrati.

La rappresentazione dei problemi moderni nel videogioco

Attraverso messaggi di testo, podcast e altri mezzi supplementari per fornire narrativa, Legion mette a nudo ancora di più i problemi che affliggono la società. I messaggi di testo rivelano che Albion, effettivamente una forza di polizia, prende di mira e molesta i cittadini in pubblico. Ricordare queste informazioni mentre guardi le persone per strada cadere vittima di queste pratiche può pungere. I programmi radiofonici prendono in giro le ideologie di destra del gioco che, se descritte, suonano ridicole e roba da finzione. Nonostante ciò, non sono lontane da ciò che succede nella realtà .

Il videogioco non approfondisce nel dettaglio le tematiche. Tuttavia, il modo in cui viene trattata consente comunque di varcare la soglia tra virtuale e reale. Lo scopo del gioco è troppo ampio per trasmettere i suoi messaggi in modo chiaro e conciso. Di conseguenza, la trama principale di 25 ore può sembrare come se andasse alla deriva nella periferia. Nel frattempo, però, la narrazione principale diventa secondaria rispetto alle azioni e agli eventi momento per momento che si verificano quando la meccanica dell’open world è al lavoro. L’effetto a catena è che le attività collaterali devono svolgere gran parte del lavoro pesante nell’esplorare le sfumature di questi temi, cosa che fanno ragionevolmente bene.

Watch Dogs Legion: la recensione del videogioco

Come i giochi precedenti, Watch Dogs Legion fa perno sul ciclo familiare del gameplay open-world: esplorazione, combattimento, furtività ed eventi narrativi in-game. Sebbene Legion utilizzi un sistema di hacking più snello, si appoggia molto di più agli effetti sistemici dell’hacking per raggiungere i tuoi obiettivi. A seconda di come utilizzi l’infrastruttura ctOS della città – costituito da fotocamere, telefoni, computer, droni AI e altre macchine che puoi hackerare – puoi raggiungere molti dei tuoi obiettivi senza che i tuoi nemici siano più saggi, dandoti il ​​senso che sei sempre in una rapina.

Molte delle tue scelte possono ricadere in una catena di reazioni soddisfacenti che producono il risultato desiderato. L’hacking è la tua connessione principale con il mondo e offre molte opportunità intelligenti quando si tratta di capire come raggiungere i tuoi obiettivi attuali.

In una missione, sono arrivato a una base nemica che aveva un veicolo che dovevo recuperare. Avrei potuto intrufolarmi, mettere fuori combattimento le guardie con i miei strumenti non letali e prendere il veicolo. Invece ho fatto diversamente. Utilizzando le telecamere, ho esaminato e scaricato in remoto le chiavi di dati dai loro tablet per accedere ai cancelli della base. Con i cancelli successivamente aperti, sono entrato nel veicolo e l’ho fatto accelerare in avanti fuori dalla base. Tutto questo è stato fatto senza mai mettere piede nella base, ed è stato incredibilmente soddisfacente.

Le vere star di Legion sono i cittadini di Londra, tutti generati casualmente in base a varie professioni, origini etniche e altri dettagli personalizzati. I giochi precedenti ti consentivano di apprendere informazioni superficiali sui cittadini intorno a te, ma in Legion puoi utilizzare queste informazioni per esplorare potenziali clienti. Ti chiederanno di completare obiettivi minori per sigillare il legame. In una meccanica intelligente, i cittadini di Londra ricorderanno e reagiranno alle decisioni che prendi.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Francesco Menna

Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com