Anticorpi monoclonali post chirurgia riduce rischi di recidive

Anticorpi monoclonali possono ridurre rischi di recidive

 

Il rischio di recidiva, nelle donne con un tipo di cancro al seno trattate con anticorpi monoclonali. – nella fattispecie il trastuzumab – dopo l’intervento chirurgico è notevolmente ridotto. Ad affermarlo è un team di ricerca guidato dall’oncologo Dr. Shahid Ahmed (MD) dell’Università del Saskatchewan (USA).

Lo studio del team, che è stato pubblicato sulla rivista Scientific Reports, ha esaminato le cartelle cliniche di tutte le donne del Saskatchewan. a cui è stato diagnosticato un piccolo cancro al seno HER2-positivo tra gennaio 2008 e dicembre 2017. Tra i più aggressivi dei tumori al seno, HER2 prende il nome dalla proteina recettore 2. del fattore di crescita epidermico umano che funziona male e causa una rapida crescita delle cellule tumorali.

“Il cancro al seno HER2-positivo è stato associato a un alto rischio di recidiva”; ha commentato Ahmed, professore e capo divisione di oncologia all’USask’s College of Medicine.

Un ciclo di 12 mesi di trattamento con trastuzumab in combinazione con la chemioterapia dopo l’intervento chirurgico, rappresentano il trattamento standard per il tumore al seno HER2-positivo in stadio iniziale, (più grande di un centimetro o diffusi ai linfonodi).

Anticorpi monoclonali: il trastuzumab impedisce recidive di alcuni tipi di cancro al seno del 97%

Tuttavia, il beneficio non è stato ben noto per il trattamento adiuvante (post-operatorio) di trastuzumab. per i tumori HER2-positivi più piccoli, che non si sono diffusi oltre il punto iniziale (metastasi) ai linfonodi.
Usando le cartelle cliniche, il team di Ahmed ha identificato 91 donne che avevano tumori al seno HER2-positivi in stadio iniziale,. e non metastatizzati, più piccoli di 10 millimetri. Nel complesso: 39 pazienti, i cui tumori erano più grandi di 5 mm, avevano ricevuto trastuzumab. e chemioterapia adiuvante; mentre 52 con tumori più piccoli, non avevano ricevuto trastuzumab post-operatorio.

“Sebbene la dimensione del campione sia piccola, la ricerca è basata sulla popolazione senza nessun tipo di pregiudizio di selezione; e copre un periodo di 10 anni”. Afferma Ahmed.

Il nostro studio ha mostrato che le donne con tumori HER2 positivi inferiori a un centimetro e, con linfonodi negativi, avevano un basso tasso di recidiva”, ha spiegato Ahmed. “Tuttavia, coloro che hanno ricevuto trastuzumab adiuvante hanno avuto un’ulteriore riduzione del rischio di recidiva. Per esempio, le donne che non hanno ricevuto trastuzumab adiuvante avevano un rischio quattro volte maggiore di recidiva”.

Nel complesso, il 97 % delle donne nel gruppo trastuzumab erano libere da una recidiva. del cancro al seno dopo 10 anni, rispetto all’88 % di coloro che non hanno ricevuto il trattamento

“L’analisi di questo studio retrospettivo di coorte è stata statisticamente regolata per tenere conto di fattori come l’età dei pazienti e altri rischi, per rendere i risultati più vicini possibile a quelli di uno studio randomizzato”, ha aggiunto Ahmed.

Egli anticipa i risultati della ricerca, che favoriscono trastuzumab adiuvante per i piccoli tumori,. e porterà ad un uso più frequente per ridurre il rischio di recidiva del cancro nelle donne più giovani con tumori più grandi di 5 mm.

Tuttavia, poiché la tossicità del trattamento è una considerazione importante nel contemplare l’uso di trastuzumab adiuvante, un punto chiave da esaminare è se la durata del trattamento dovrebbe essere ridotta ai sei mesi degli attuali 12 mesi”.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24