Arriva il vino novello

Arriva il vino novello nell’anno del trionfo sulla Francia

 

Arriva il vino novello nell’anno del trionfo sulla Francia. Saranno le prima bottiglie della vendemmia 2020 ai tempi della pandemia da Covid-19

Tutto pronto nelle cantine italiane: arriva il vino novello con circa 3,5 milioni di bottiglie nell’anno che sancisce il sorpasso nella sfida delle vigne con la Francia. Lo rende noto la Coldiretti.

Purtroppo però questo primato passa in secondo piano a seguito dell’emergenza sanitaria che tutta l’Europa sta vivendo; un’emergenza che mette dunque in standby i brindisi.

Il novello è dunque il vino che sancisce da sempre l’avvio delle visite nelle cantine e delle iniziative di promozione delle bottiglie Made in Italy.

Un mercato che a sua volta vale circa 11 miliardi di euro ma che quest’anno rischia di essere pesantemente penalizzato dall’emergenza Coronavirus (in attesa dell’ultimo Dpcm).

Curiosità: il novello, con la tecnica della macerazione carbonica che è più costosa di circa il 20 % rispetto a quelle tradizionali, un vino dallo stile “spremuto e bevuto”.

Coldiretti spiega:

Limitata conservabilità, che ne consiglia il consumo nell’arco di 6 mesi. La tradizione vuole l’apertura del novello a San Martino (11 novembre), giorno in cui i contadini chiudono la stagione dei raccolti e fanno il bilancio di un anno di lavoro.

Novello italiano in anticipo di tre settimane rispetto al concorrente Beaujolais nouveau francese che si potrà assaggiare a partire dal 19 novembre

Il “déblocage” tricolore inoltre è leggero, con bouquet aromatico il “vino da bere giovane”. Questo perché il metodo di vinificazione è fondato sulla fermentazione carbonica di grappoli integri di uve.

Essi poi vengono spremute a distanza di una decina di giorni per un vino delicato che di solito si attesta sugli 11/12 gradi.

Dalla Coldiretti anche consigli sul modo di consumare questo vino giovane:

Il vino novello è consumato soprattutto in abbinamento con i prodotti autunnali come i funghi o le caldarroste. Ma è un vino che si abbina bene anche con salumi e formaggi.

 

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Francesca DI Giuseppe

Francesca Di Giuseppe, nata a Pescara il 27 ottobre 1979, giornalista e titolare del blog Postcalcium.it. Il mio diario online dove racconto e parlo a mio della mia passione primaria: il calcio Laureata in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Teramo con una tesi dedicata al calcio femminile. Parlare di calcio è il mezzo che ho per assecondare un’altra passione: la scrittura che mi porta ad avere collaborazioni con diverse testate giornalistiche regionali e nazionali.