ibuprofene e alcool

Ibuprofene e alcool: tutti i rischi di assumerli insieme

 

L’ibuprofene è un  farmaco da banco utilizzato per diverse malattie Vediamo i rischi di assumerlo insieme a bevande alcoliche.

Che cos’è l’ibuprofene

L’ibuprofene è un comune farmaco da banco che un gran numero di individui utilizza per curare diverse malattie come influenza,  raffreddore, febbre, infiammazioni, mal di testa.

Se viene assunto nelle giuste dosi e non oltre i termini prescritti, secondo le indicazioni del medico e del farmacista, è un farmaco sicuro e non si corrono rischi.

Purtroppo molti assumono questo medicinale e, contemporaneamente, alcool e questo può causare danni alla salute.

Sia l’ibuprofene sia l’alcool infatti, irritano le pareti dello stomaco e dell’intestino e ciò genera disturbi di varia intensità e gravità, che variano da caso a caso.

Quali rischi si corrono mischiando ibuprofene e alcool

Ecco i principali disturbi che derivano dal mescolare ibuprofene e alcool.

  1. Ulcere allo stomaco
  2. Problemi ai reni
  3. Sonnolenza (che può causare incidenti se ci si mette alla guida)

Gli effetti negativi sono particolarmente evidenti negli anziani poiché il loro fisico, più debole e meno reattivo, assimila e metabolizza di meno gli alcolici.

Come assumere l’ibuprofene in modo sicuro

Secondo dati ufficiali, per non incorrere in problemi, durante l’assunzione di farmaci, si dovrebbe assumere una quantità molto modica di alcolici: non più di un cocktail o un bicchiere di vino per le donne e non più di 2 cocktails o 2 bicchieri di vino per gli uomini.

Molto dipende anche dalla quantità  che si assume: se si assumono, contemporaneamente, più farmaci, bisogna prestare maggiore attenzione. Inoltre è importante controllare sempre la quantità di alcool contenuta nelle varie bevande e privilegiare quelle meno alcoliche.

Infine è sconsigliabile assumere il farmaco per alleviare il mal di testa post sbornia in quanto nel sangue potrebbe essere presente ancora molto alcool che, mischiandosi al farmaco,  potrebbe dare luogo ai disturbi sopra descritti.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24