Il restauro di una scultura funeraria etrusca foto

Il restauro di una scultura funeraria etrusca a Bologna

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Il restauro di una scultura funeraria etrusca a Bologna.

L’arte funeraria etrusca è fra i più preziosi beni culturali che l’Italia è orgogliosa di offrire all’attenzione di studiosi, turisti e semplici cittadini.

Anche il territorio di Bologna è interessato, nella sua parte esterna, all’esistenza e conservazione del grande patrimonio culturale del cimitero etrusco in esso esistente.

La collaborazione, attiva, propositiva e coordinata fra Enti Pubblici ha sempre dato ottimi risultati e così è stato anche per una scultura proveniente dal Sepolcreto dei Giardini Margherita.

Un leone in pietra arenaria che verrà restaurato “dal vivo”, cioè sotto lo sguardo attento ed interessato dei numerosi visitatori nel Museo Civico Archeologico di Bologna.

Senz’altro è una iniziativa originale poiché gli esperti restauratori lavoreranno come attori di teatro sul grande palcoscenico della cultura più pura.

Il tutto esprimendosi attraverso tecniche e procedimenti molto difficili, ricercate, minuziose condotte da mani esperte e pazienti.

Tutto ciò per eliminare l’inevitabile opera di degrado del tempo, dopo aver studiato preventivamente ogni aspetto della scultura da restaurare.

Il restauro di una scultura funeraria etrusca a Bologna

Si tratta di un “leone funerario” tipico dell’era etrusca, accovacciato, ma con le fauci aperte riconducibile alla fine del VI secolo a.C. che mostra l’esistenza di un’arte già ampiamente  sviluppata.

Gli studiosi hanno rinvenuto opere quasi identiche anche nelle tombe etrusche della zona di Tolfa.

Questo fa pensare che la sculture leonina serve a testimoniare il carattere forte delle  persone morte  a cui era dedicata l’opera funeraria, che faceva parte dell’arredo artistico della tomba.

Altra interpretazione potrebbe essere quella che  il leone era posto a guardia della tomba e la difendeva  da eventuali  visitatori abusivi o malintenzionati.

La qualità e l’importanza della scultura, il cui restauro è programmato nel mese di luglio, sono apparsi subito evidenti  e di rilevante valore artistico storico e culturale.

La necropoli  dei Giardini Margherita, dalla quale proviene la scultura del leone funerario, non dispone di un vero e proprio archivio tecnico-topografico e mappale delle diverse sepolture. Infatti ha  solo qualche pianta  riferita ad alcuni settori.

Si tratta di un tesoro culturale ancora da analizzare in ogni suo aspetto peculiare.

Studi avviati in tal senso hanno contribuito ad eliminare il mistero che ancora aleggia sul popolo etrusco.

Forse ti può interessare anche:

 

Le foto e il disegno nell’articolo sono tratti dalla pagina Facebook ufficiale del Museo Civico Archeologico di Bologna

Il disegno ricostruttivo del leone etrusco dei Giardini Margherita è opera della splendida mano di Elena Cané

Per favore supportaci e metti mi piace!!

Autore dell'articolo: Marco Vittoria

Avatar