Manifesto della merenda giusta

Manifesto della merenda giusta, consigli preziosi

 

Manifesto della merenda giusta, uno sguardo ai più piccoli. Mangiare sano e con gusto: è questo l’obiettivo dello spuntino pomeridiano

Presentato dall’Unione Italiana Food e Istituto Bambino Gesù per la salute del Bambino e dell’Adolescente, il Manifesto della merenda giusto è un mix di dolce e salato.

Mangiare sano senza dimenticare il gusto e la qualità dei prodotti, diventi quindi un’esigenza sempre più pressante soprattutto quando si tratta di bambini.

Per questo nel Manifesto della merenda giusta sono inseriti dei capisaldi come la frutta

Essa infatti non deve mancare negli spuntini insieme a alla pizza bianca con hummus di ceci e pomodori, dolci fatti in casa e merendine.

Il documento inoltre prevede 56 diverse proposte divise per 4 fasce d’età e al suo interno sono altresì presenti 8 parole chiave che spiegano come gustare al meglio questo momento.

La merenda giusta innanzitutto va fatta due volte al giorno e deve essere adeguata al fabbisogno energetico dell’età del bambino o ragazzo, senza mai appesantire.

Altro segreto poi è mai ripeterla uguale tutti giorni; sì al consumo moderato di dolci fatta in casa e merendine insieme ad alimenti salati come una fetta di pane con olio e pomodoro.

Ammessi anche i dolci confezionati ma in modo porzionato in quanto permette di avere un contenuto calorico prestabilito indicato in etichetta.

Quale può essere quindi la merenda ideale?

Per un bambino/ragazzo, molto dipende in realtà dalla fascia di età; a cambiare infatti sono le esigenze e gli apporti calorici ed energetici dovuti alla crescita.

In questo senso quindi si può parlare di:

  • 150 Kcal per bambini 4-6 anni,
  • 200 Kcal per bambini 7-11 anni,
  • 260 Kcal per ragazzi 12 – 15 anni,
  • 285 Kcal per ragazzi 15 – 17 anni.

Afferma infatti Giuseppe Morino, responsabile Educazione Alimentare dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù:

Un’altra caratteristica fondamentale è data dalla necessità di essere sazianti, per questo è importante la presenza oltre ai nutrienti essenziali (glucidi, lipidi e proteine).

Nonchè una buona quantità di fibre e di micronutrienti che a volte scarseggiano nell’alimentazione infantile come Omega3, ferro, vitamine, calcio

 

Foto di Onur da Pexels
Articoli simili: Allarme obesità

 

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Francesca DI Giuseppe

Francesca Di Giuseppe, nata a Pescara il 27 ottobre 1979, giornalista e titolare del blog Postcalcium.it. Il mio diario online dove racconto e parlo a mio della mia passione primaria: il calcio Laureata in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Teramo con una tesi dedicata al calcio femminile. Parlare di calcio è il mezzo che ho per assecondare un’altra passione: la scrittura che mi porta ad avere collaborazioni con diverse testate giornalistiche regionali e nazionali.