rapporto istat lavoro 2017

Rapporto Istat lavoro 2017: +265mila unità

intopic.it feedelissimo.com  
 

Rapporto Istat lavoro 2017: +265mila unità. Una crescita dovuta prevalentemente dal lavoro dipendente a tempo determinato

Un ampliamento che, per il secondo anno consecutivo, riguarda anche i giovani: il rapporto Istat lavoro 2017 vede la crescere il l tasso di occupazione 15-64 anni che arriva al 58%..

Ciò comporta il calo dei disoccupati (-105mila) e del tasso di disoccupazione (-0,5 punti) che si associa alla diminuzione dell’inattività.

Nelle imprese dell’industria e servizi il rapporto Istat lavoro 2017 vede le posizioni lavorative dipendenti in 12 milioni e 385 mila unità

L’incremento rispetto al 2016 è del 3%, trainato più dai servizi (+4,3 per cento) che dall’industria (+0,7%).

Negli stessi settori, i posti vacanti nelle imprese con almeno 10 dipendenti sono in media l’1,0% del totale delle posizioni lavorative occupate o vacanti (+0,3% rispetto al 2016).

Nelle imprese con più di 500 dipendenti si registra un aumento dell’occupazione al netto della Cig (+0,9% rispetto al 2016) e una riduzione del ricorso alla Cig (-4,1 ore ogni mille ore lavorate).

Lo stesso accade nelle costruzioni dove l’occupazione torna a crescere per la prima volta dall’inizio della crisi (+0,9%), esclusivamente per il lavoro alle dipendenze.

E’ al contrario il settore agricolo l’unico in cui si registra un calo dell’occupazione (-13 mila; -1,4%) che coinvolge anche i lavoratori dipendenti.

Un divario ancora importante, come si legge nel rapporto Istat lavoro 2017, è quello tra Nord e Sud Italia

Il Nord e il Centro hanno recuperato le perdite registrate durante la crisi, mentre il Mezzogiorno conta ancora 310 mila occupati in meno (-4,8%).

Divario del lavoro pesante anche con l’Unione europea dove l’indicatore, pari al 67,6% continua ad aumentare a ritmi più sostenuti.

La distanza dalla media europea è quasi inesistente per le regioni del Nord-Est mentre supera i 23 punti per quelle del Mezzogiorno, dove gli occupati tra 15 e 64 anni sono poco più di 4 su 10.

Rapporto Istat lavoro 2017, infine, che sorride alle donne: nel 2017 l’aumento le riguarda sia nei valori assoluti sia nel tasso.

Ciononostante il tasso di occupazione femminile è molto distante da quello maschile: su 100 donne tra 15 e 64 anni è occupata il 48,9%, mentre gli uomini che lavorano sono il 67,1%.

Photo by Lukas from Pexels

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Francesca DI Giuseppe

Avatar
Francesca Di Giuseppe, nata a Pescara il 27 ottobre 1979, giornalista e titolare del blog Postcalcium.it. Il mio diario online dove racconto e parlo a mio della mia passione primaria: il calcio Laureata in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Teramo con una tesi dedicata al calcio femminile. Parlare di calcio è il mezzo che ho per assecondare un’altra passione: la scrittura che mi porta ad avere collaborazioni con diverse testate giornalistiche regionali e nazionali.