Coca Cola compra acqua Lurisia

Coca Cola compra acque Lurisia

intopic.it feedelissimo.com  
 

Coca Cola HBC Italia sottoscrive accordo con Lurisia per avere acque minerali, bibite e birra

 

Sesto San Giovanni (Milano), lì 19 settembre 2019 – Non solo Coca Cola, la società di Piazza Indro Montanelli compra Lurisia per rafforzare la presenza nelle acque minerali.

 


Coca‑Cola HBC Italia è il principale produttore e distributore di prodotti a marchio The Coca‑Cola Company in Italia. Una forza lavoro di oltre 2.000 dipendenti divisi tra la sede centrale di Milano e nei tre stabilimenti di: Nogara (VR), nonché Oricola (AQ) e Marcianise (CE). La società già nel 2006 aveva acquisito Fonti del Vulture in Basilicata, entrando così nel mercato dell’acqua minerale; dunque, ora la Coca Cola rafforza la sua presenza in un settore chiave in Italia.


L’azienda distribuisce i soft drink a marchio:

  • Coca‑Cola:
  • poi Fanta e Sprite;
  • nonché i tè freddi FUZETEA;
  • inoltre le toniche Royal Bliss e Kinley;
  • anche i succhi di frutta Amita;
  • ed ancora gli sport drink Powerade;
  • infine le bevande vegetali a marchio AdeZ.

Per ampliare la propria offerta commerciale, Coca‑Cola HBC Italia ha stretto inoltre accordi per la distribuzione:

  • degli energy drink a marchio Burn e Monster;
  • poi degli spirits di proprietà di Lucano 1894, Edrington e Silvio Carta.

Ed ora arriva il comunicato:

Coca-Cola HBC Italia, parte del Gruppo Coca-Cola HBC, è lieta di annunciare la sottoscrizione di un accordo preliminare per l’acquisizione di Acque Minerali s.r.l. (“Acque Minerali” o “Lurisia”) storica azienda di acque minerali e bibite; attualmente controllata congiuntamente dal fondo d’investimento privato IdeA Taste of Italy, gestito da DeA Capital Alternative Funds SGR, dalla famiglia Invernizzi, e da Eataly Distribuzione”. 

Coca Cola HBC Italia e Acque Minerali srl

Il valore dell’azienda è stato concordato in 88 milioni di euro ma il completamento dell’acquisizione è soggetto ad alcune condizioni ed è atteso per la fine del 2019. Piero Bagnasco, attuale Presidente e Amministratore Delegato di Lurisia, e Alessandro Invernizzi, rappresentanti di due degli azionisti venditori, rimarranno nel CdA di Acque Minerali.

Fondata nel 1940 in Roccaforte Mondovì, nel Nord-Ovest d’Italia, Acque Minerali è un produttore e distributore di acque minerali e bibite premium con il brand Lurisia; l’acquisizione rappresenta, quindi, una operazione in linea con la strategia avviata negli anni precedenti.

Dunque Coca Cola compra Acque Minerali (Lurisia) andrebbe ad ampliare l’offerta presente nel proprio catalogo con: Chinotto, Gazzosa, nonché Aranciata, Aranciata Rossa, Aranciata Amara ed anche Limonata e Tonica.

Il Consiglio di Amministrazione di Coca‑Cola HBC confida che i termini dell’operazione siano soddisfacenti per gli azionisti.

☛ Puoi leggere anche:

Mise annuncia agevolazioni grandi progetti di R&S

Iveco Defence Vehicles appalto Forze Armate Olanda

Mediaset fusione transfrontaliera in MediaforEurope

Novità CNH Industrial Iveco FCA, i titoli volano in Borsa

CNH Industrial risultati secondo trimestre 2019

Piaggio condannata a pagare oltre 7 milioni di euro

Bitcoin: possibile boom nel 2020?

 

↪️ Altre  notizie di economia nella pagina dedicata del sito.

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
     
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Avatar
Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".