Borsa Italiana oggi settembre 2019

Borsa Italiana oggi 04 ottobre 2019: Milano +0,75%

intopic.it feedelissimo.com  
 

Oggi, 04 ottobre 2019, Borse europee in ripresa come il listino azionario della Borsa Italiana; a Milano bene il comparto Tecnologia, dunque Piazza Affari chiude a +0,75%

 

Milano, lì 04 ottobre 2019 – Chiusura della Borsa Italiana oggi: a Milano, Piazza Affari esita ma poi recupera, male Banco Bpm; anche le altre Borse europee hanno chiuso crescendo.

 


L’indice FTSE MIB oggi apre mostrando incertezza, ma nel pomeriggio riprende slancio; quindi, torna a tracciare un andamento positivo il listino azionario della Borsa di MilanoOggi bene Stmicroelectronics, mentre il titolo azionario peggiore è Banco Bpm. Rendimento del BTP decennale che cerca di allontanarsi dall’1%.


Giornata della Borsa Italiana oggi 04 ottobre 2019: a Milano, Piazza Affari segue le Borse d’Europa

Mercato azionario in apertura senza una precisa direzione, poi ritrova il segno positivo; dunque cerca di recuperare dal crollo dovuto dalla novità sui dazi USA. La Borsa di Milano oggi chiude, quindi, piazzandosi nella media delle altre Borse europee che sono positive.

Indici azionari in Europa oggi: FTSE MIB, FTSE100, Cac 40, Dax 30, IBEX 35, SMI

  • il FTSE MIB segna un +0,75%;
  • poi il FTSE 100 di Londra registra un +1,10%;
  • mentre il CAC 40 arriva a +0,91%;
  • invece il DAX 30 di Francoforte chiude a +0,73%;
  • inoltre l’IBEX 35 di Madrid termina con un +0,67%;
  • infine lo SMI porta a casa un +0,69%.

I titoli azionari in evidenza oggi sul listino della Borsa Italiana: le quotazioni di borsa FTSE MIB

I titoli azionari con quotazioni maggiormente premiate o penalizzate sul listino della Borsa di Milano sono:

  • le società quotate con maggiori perdite sono Banco Bpm -5,57%, Ubi Banca -2,61%, nonché Pirelli & C -2,03%;
  • seguono anche Recordati -1,42%, Unipolsai -1,22%, Unipol -0,97%;
  • invece le società quotate in crescita sono Stmicroelectronics +3,20%, Diasorin +2,79%, Campari +1,83%;
  • mentre Ferrari chiude a+1,79%, Enel +1,73%, A2a +1,62%.

Spread oggi, titoli di Stato: Italia, Portogallo, Spagna e Francia

Lo spread tra i Titoli di Stato ed il BUND tedesco è:

  • il BTP italiano chiude a quota 151,50 punti base contro il precedente valore di 150,90 ;
  • poi l’OT Portogallo si ferma a 72,50 punti base contro il precedente valore di 73,80 ;
  • mentre il Bonos spagnolo quota 73,50 punti base contro il precedente valore di 70,40 ;
  • invece l’OAT francese arriva a 32,40 punti base contro il precedente valore di 30,20 .

I cambi dell’Euro contro Dollaro, Franchi, Pound, Yen, Real, Rublo e Grivnia

In tema di valute, i cambi dell’Euro di oggi quotano:

  • Eur/USD 1,0979 da 1,096835 ;
  • poi, Eur/CHF 1,09275 da 1,09574 ;
  • inoltre, Eur/GBP 0,8905 da 0,888335 ;
  • mentre, Eur/JPY 117,385 da 117,2335 ;
  • invece, Eur/BRL 4,4527 da 4,4799 ;
  • nonché Eur/RUB 70,9989 da 71,402655 ;
  • infine Eur/UAH 27,01250 da 27,20691 .

Indici borsa in Asia: Hong Kong, Tokyo

  • Hang Seng Index -1,07%;
  • poi il Nikkei 225 Tokyo +0,32%;

Indici borsa in America:

  • Dow Jones +1,42% ed inoltre lo S&P 500 +1,42%;
  • invece il NASDAQ chiude a +1,40% ed il NASDAQ100 a +1,51%.

Le quotazioni dei beni rifugio oggi: oro, argento, petrolio (Brent / WTI)

  • quotazione oro è 44,06 euro al grammo invece di 44,19 euro;
  • mentre la quotazione argento è 0,5165 euro al grammo anziché 0,517 euro;
  • invece la quotazione petrolio Brent è 58,43 euro dall’ultimo valore di 57,53 euro;
  • infine la quotazione petrolio WTI è 52,97 euro dal precedente 52,29 ;

Notizie d’oggi 04 ottobre 2019 dalla Borsa Italiana, mercati finanziari, che caratterizzano la giornata a Piazza Affari: dati USA, Italia

Macroeconomia USA

Il tasso di disoccupazione al 3,5%, ai minimi da 50 anni. Mentre il deficit della bilancia commerciale è cresciuto dell’1,6% rispetto al mese precedente a 54,9 miliardi di dollari. Le esportazioni sono aumentate dello 0,2% a 207,9 miliardi di dollari; mentre le importazioni sono cresciute dello 0,5% a 262,8 miliardi. Deficit dei primi 8 mesi pari a 428,74 miliardi di dollari, contro i 400,44 miliardi nello stesso periodo del 2018.

Mediaset

Fusione transfrontaliera per incorporazione di Mediaset e Mediaset Espana: diritto di recesso esercitato per 492.691 azioni Mediaset; dunque circa il 0,0417% delle azioni pari ad un controvalore complessivo di 1,364 milioni di euro al valore di liquidazione di 2,77 euro per azione. Offerta in opzione dal 8 ottobre 2019 al 6 novembre 2019, inclusi.

Macroeconomia Italia

L’Istat comunica che nel secondo trimestre 2019 l’indebitamento netto delle Amministrazioni pubbliche in rapporto al PIL è stato pari all’1,1% (1,3% nello stesso trimestre del 2018); inoltre il saldo primario delle Amministrazioni pubbliche (indebitamento al netto degli interessi passivi) è positivo, con un’incidenza sul PIL del 3,2% (+2,7% nel secondo trimestre del 2018). Il saldo corrente delle Amministrazioni pubbliche è anch’esso positivo, con un’incidenza sul PIL del 2,3% (+2,0% nel secondo trimestre del 2018).

 

Puoi leggere anche:

Mise annuncia agevolazioni grandi progetti di R&S

Iveco Defence Vehicles appalto Forze Armate Olanda

Mediaset fusione transfrontaliera in MediaforEurope

Criptovaluta Libra un rischio per sistema dei pagamenti

Novità CNH Industrial Iveco FCA, i titoli volano in Borsa

Si saprà il nome di chi effettuerà operazioni bancarie

Fibonacci: successione aurea e matematica moderna

Brahmagupta è il matematico che introdusse lo zero

Piaggio condannata a pagare oltre 7 milioni di euro

Imprenditoria femminile: occupazione Sud e turismo

Bitcoin: possibile boom nel 2020?

 

↪️ Altre  notizie di economia nella pagina dedicata del sito.

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
     
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Avatar
Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".