Proteine alimentari: è importante variare!

Proteine alimentari: un valido motivo per variare i cibi

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

L’assunzione di una dieta equilibrata, che include proteine provenienti da una maggiore varietà di alimenti, può aiutare gli adulti a ridurre il rischio di sviluppare la pressione alta. A suggerirlo è una nuova ricerca pubblicata oggi in Hypertension, una rivista sottoposta a revisione periodica dell’American Heart Association.

Dalla stessa ricerca, si evincono due aspetti fondamentali:

  • Su 12.200 adulti in Cina consumare proteine da una maggiore varietà di fonti è associato a un rischio inferiore di sviluppare ipertensione.
  • Il consumo di una dieta equilibrata, con una quantità moderata di proteine da fonti alimentari diverse, può aiutare a prevenirla.

Proteine alimentari: perché è importante che le fonti siano diverse

L’autore dello studio, Xianhui Qin, M.D., del National Clinical Research Center for Kidney Disease – .presso Nanfang Hospital, Southern Medical University di Guangzhou, Cina – sostiene come vi sia una forte associazione tra scarsa qualità della dieta e aumento del rischio di malattie. cardiovascolari, oltre che morte per le medesime.

“La nutrizione può essere una misura facilmente accessibile ed efficace per combattere l’ipertensione. Insieme a grassi e carboidrati, le proteine sono uno dei tre macronutrienti di base”. 

Alla luce di ciò, la nutrizione può essere una misura facilmente accessibile ed efficace per combattere l’ipertensione. L’American Heart Association, nella sua guida dietetica 2021 per migliorare la salute cardiovascolare, consiglia alle persone di mangiare fonti sane di proteine per lo più da piante; ma ciò può includere frutti di mare e latticini a basso contenuto di grassi (o senza grassi) e, se desiderato, tagli magri e forme non modificate di carne o pollame.

Vitamina D3: l’aiuto contro le infezioni

Lo studio

Gli autori dello studio hanno analizzato le informazioni sulla salute di quasi 12.200 adulti che vivono in Cina e che facevano parte di almeno 2 dei 7 cicli del China Health and Nutrition Survey dal 1997 al 2015 (indagini condotte ogni 2-4 anni).

Lo studio iniziale dei partecipanti è stato considerato come punto di riferimento; mentre i dati del loro ultimo ciclo sono stati utilizzati come monitoraggio per il confronto. I partecipanti avevano un’età media di 41 anni. Tra questi il 47% erano uomini. L’indagine ha rilevato l’assunzione di cibo in tre momenti consecutivi di 24 ore e un inventario alimentare familiare. Durante ogni ciclo d’indagine, un ispettore ha raccolto informazioni sulla dieta, nell’arco di 24 ore, in 3 giorni diversi della stessa settimana.

Ai partecipanti è stato assegnato un “punteggio di varietà” proteico, basato sul numero di diverse fonti di proteine consumate su 8 riportate; cereali integrali, cereali raffinati, carne rossa lavorata, carne rossa non lavorata, pollame, pesce, uova e legumi. Un punto è stato dato per ogni fonte di proteine, con un punteggio massimo di varietà di 8.

I ricercatori hanno poi valutato l’associazione per l’ipertensione di nuova insorgenza, in relazione al punteggio di varietà delle proteine.

L’ipertensione di nuova insorgenza è stata definita come pressione sanguigna sistolica (numero superiore) maggiore o uguale a 140 mm Hg e/o .pressione sanguigna diastolica (numero inferiore) maggiore o uguale a 90 mm Hg; inoltre, hanno tenuto conto anche dell’assunzione di farmaci per abbassare la pressione sanguigna,.(auto-riferito da diagnosi di un medico per la pressione alta, in base alla loro ultima visita di controllo). Tutto nell’arco di 6 anni.

Mortalità ridotta: olio d’oliva possibile elisir

L’analisi ha trovato:

Più del 35%, dei quasi 12.200 partecipanti, ha sviluppato una nuova ipertensione alta durante il monitoraggio. Rispetto ai volontari con il più basso punteggio di varietà per l’assunzione di proteine (meno di 2),. quelli con il più alto punteggio di varietà (4 o superiore) avevano un rischio inferiore del 66% di sviluppare la pressione alta.
Per ciascuno degli 8 tipi di proteine, c’era una finestra di quantità di consumo in cui il rischio di ipertensione era inferiore. I ricercatori hanno descritto questo come il livello appropriato di consumo.
Quando è stata considerata la quantità totale di proteine assunte, le somme consumate sono state divise in cinque categorie, dal minimo al massimo. Le persone che mangiavano la minor quantità di proteine totali. e quelle che mangiavano più proteine, avevano il più alto rischio di nuova insorgenza di ipertensione.

” Il messaggio per la salute del cuore è che il consumo di una dieta equilibrata con proteine da fonti varie e diverse, piuttosto che concentrarsi su una singola fonte di proteine alimentari, può aiutare a prevenire lo sviluppo di alta pressione sanguigna”, ha osservato Qin. Purtroppo, il limite dello studio è la sua struttura di osservazione”.

Infatti, poiché i ricercatori hanno usato informazioni sanitarie di anni precedenti, non è stato possibile dimostrare definitivamente che l’assunzione di proteine. di qualsiasi tipo o quantità, abbia causato o impedito l’ipertensione di nuova insorgenza.

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24