Governo federale tedesco si oppone a Facebook, contrario a: criptovaluta Libra, wallet Calibra e blockchain Libra Association Non finiscono le critiche nei confronti dell'operazione che Facebook sta portando avanti, infatti ora anche il Governo federale tedesco è contrario alla criptovaluta Libra. [adrotate banner="37"] Criptovaluta Libra - Wallet Calibra - Blockchain Libra Association Per questa nuova sfida Facebook ha trovato collaborazioni importanti; infatti ad affiancare Facebook nello sviluppo del proprio sistema di pagamento ci sono: PayPal, Uber, Visa e MasterCard. Più nello specifico, all'interno della collaborazione per la criptovaluta Libra, ognuno ha un ruolo definito: Facebook: raccoglie i clienti ed oggi il bacino di utenti oltrepassa 2,38 miliardi di iscritti, inoltre ha un fatturato di circa 40 miliardi di dollari; poi PayPal: leader dei pagamenti online, dichiara di avere 250 milioni di utenti attivi; mentre Uber è il punto di riferimento dello sharing; infine, ci sono Visa e MasterCard, che rappresentano i circuiti principali del settore carte di credito. Tutte le società partecipano, con quote da 10.000.000$, alla Libra Association che detiene il controllo della criptovaluta e della blockchain. Il portafogli destinato a contenere i token Libra ha a capo una società di proprietà di Facebook: Calibra; mentre la rete che ha il dovere di tracciare e registrare i movimenti è la blockchain gestita da Libra Association. La criptovaluta di pagamento è Libra che Facebook vuole sviluppare per costituire una valida alternativa alle monete reali. Trump, UE, BCE, Governo federale tedesco contro Libra Libra trova opposizione prima di tutto da parte del Presidente USA, Donald Trump, che teme comportamenti illeciti degli utenti; anche le Autorità a tutela dei dati personali nei vari Paesi non trovano sufficienti le informazioni fornite da Facebook e da Libra Association. Yves Mersch, BCE, punta il dito conto l'Associazione Libra che avrà sotto controllo la blockchain di Libra; inoltre, sottolinea che i servizi di pagamento basati su Libra saranno gestiti da Calibra, una consociata di proprietà di Facebook. Il Governo federale tedesco è pronto a ostacolare Libra. Secondo quanto riporta Der Spiegel, la Germania è determinata a negare il via libera alla valuta digitale nell'ambito della propria strategia relativa alla blockchain. In precedenza anche il ministro delle finanze Olaf Scholz aveva formulato serie riserve contro Libra sottolineando: "La diffusione di una valuta non è nelle mani di una società privata perché si tratta di un elemento chiave della sovranità statale, l'euro è e rimane l'unica valuta a corso legale nell'area dell'euro". ☛ Puoi leggere anche: Si saprà il nome di chi effettuerà operazioni bancarie Criptovaluta Libra un rischio per sistema dei pagamenti Autorità privacy: dubbi su Libra criptovaluta Facebook Informazioni su Libra la criptovaluta Facebook Criptovaluta Facebook Libra Coin: la social blockchain Bitcoin: possibile boom nel 2020? Fibonacci: successione aurea e matematica moderna Brahmagupta è il matematico che introdusse lo zero ↪️ Altre  notizie di economia nella pagina dedicata del sito. Autorità privacy dubbi su Libra

Governo federale tedesco contrario a Libra Facebook

Governo federale tedesco si oppone a Facebook, contrario a: criptovaluta Libra, wallet Calibra e blockchain Libra Association

Non finiscono le critiche nei confronti dell’operazione che Facebook sta portando avanti, infatti ora anche il Governo federale tedesco è contrario alla criptovaluta Libra.

Leggi di più a proposito di Governo federale tedesco contrario a Libra Facebook

Criptovaluta Facebook Libra Coin

Criptovaluta Libra un rischio per sistema dei pagamenti

Yves Mersch ( BCE ): la criptovaluta Libra, di Facebook, è un rischio per il sistema dei pagamenti

Dalla Banca Centrale Europea si solleva la voce di Yves Mersch, giurista e avvocato lussemburghese, che definisce la criptovalutaLibra” un rischio per sistema dei pagamenti.

Leggi di più a proposito di Criptovaluta Libra un rischio per sistema dei pagamenti

Archiviazione login Coinbase salva in chiaro

Archiviazione login Coinbase: in chiaro le password

Problema di archiviazione dei login sul sito Coinbase: bug ha salvato in chiaro le informazioni personali e le password

 

San Francisco (California, USA), lì 19 agosto 2019 – Esposti gli utenti per un bug nell’archiviazione dei login sul sito Coinbase: ha salvato in chiaro oltre 3000 password.

💽 🔓 🐛


Una bega non da poco per il sito Coinbase che è dedicato a coloro che vogliono effettuare operazioni nel mondo delle criptovalute. Sono i responsabili del sito stesso a darne notizia dopo una verifica sul sistema; ma riferiscono che al momento non risultano dati trafugati da terzi.


Leggi di più a proposito di Archiviazione login Coinbase: in chiaro le password

Google blocca gli aggiornamenti Android di Huawei

Google blocca gli aggiornamenti Android di Huawei

Novità nel campo della terminali mobili: Google blocca gli aggiornamenti Android di Huawei

 

Mountain View (California), lì 20 maggio 2019 – Google blocca gli aggiornamenti Android di Huawei poiché compagnia cinese.

 


I contrasti tra USA e Cina mietono un’altra vittima illustre: il colosso di telefonia Huawei. Le tensioni sui dazi commerciali sono solo un aspetto del braccio di ferro tra Trump ed il resto dell Mondo relativamente alle operazioni commerciali. I prodotti Android del marchio Huawei non riceveranno più gli aggiornamenti del sistema operativo; inoltre verrà meno il supporto tecnico di Google.


Leggi di più a proposito di Google blocca gli aggiornamenti Android di Huawei

il vintage computer festival

Il Vintage computer festival: la storia del PC

Il Vintage computer festival: la storia del pc. Torna più grande manifestazione dedicata all’evoluzione del personal computer Sì terrà infatti sabato 27 e domenica 28 al complesso Ex Cartiera Latina (via Appai Antica, 42) Roma, il Vintage computer festival. La kermesse raccoglie tutto il mondo dei pc; l’innovazione tecnologica che ha cambiato il mondo. Un […]

HackerInBoat: la nave carica di pirati informatici buoni

HackerInBoat: la nave con a bordo pirati informatici partirà da Genova il 2 maggio. La data per il raduno dei pirati informatici, è stata fissata. Saranno 150 gli hacker ”buoni” che saliranno sulla nave della Costa Crociera. Il tragitto avrà la durata di quattro giorni e prevede la navigazione nel Mediterraneo. Saranno due le tappe […]

Facebook: le dichiarazioni di Alex Stamos

Facebook: le dichiarazioni di Alex Stamos

Facebook: le dichiarazioni di Alex Stamos alla rete televisiva CNN fanno scalpore.  L’ex capo della sicurezza del social network, sembra aver affermato che il colosso Facebook, pieno d’intrighi e di lotte per il potere è molto simile alla serie TV: “Il Trono di spade”. Leggi di più a proposito di Facebook: le dichiarazioni di Alex Stamos

Intelligenza Artificiale il progetto della Cina

Intelligenza Artificiale il progetto della Cina

Intelligenza Artificiale il progetto della Cina L’intelligenza artificiale il progetto della Cina: con la tecnologia che è sempre in costante evoluzione. Questo grande settore in espansione, propone sempre delle migliorie. Soprattutto in merito a ciò che può essere funzionale alla soluzione di problemi pratici. Ma fino a che punto, ci chiediamo tutto questo può essere considerato […]

IBM: partner di Cisco per combattere la criminalità informatica

IBM: partner di Cisco per combattere la criminalità informatica

IBM e Cisco stanno unendo le forze per aiutare i clienti a migliorare la sicurezza nei confronti della criminalità informatica. Tale decisione è stata annunciata mercoledì. Le due società collaboreranno su determinati prodotti e servizi, condividendo le informazioni sulle minacce, afferma il comunicato stampa. Nell’ambito della partnership, le soluzioni di sicurezza di Cisco si integrano […]

Linux ransomware wannacry

Sei preoccupato per Ransomware? Con Linux, il pericolo è scampato!

In un solo giorno, WannaCrypt ha tenuto in ostaggio oltre 57.000 utenti in tutto il mondo, richiedendo da 300 a 600 dollari in Bitcoin. Se non si pagava, non si riavevano i propri dati. Ricordiamo che WannaCry è un ransomware e ha colpito solo computer con sistema operativo Windows. Detto questo, Linux è molto più sicuro del […]