Pandemic bond 320 milioni

Pandemic bond 320 milioni di $, epidemia complotto?

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com
 

Pandemic bond emessi della Banca mondiale nel 2017 valgono 320 milioni di dollari, scommessa persa! Pandemia nuovo coronavirus Covid-19 arricchirà Paesi poveri! Quanto è etico scommettere sulle vite?

La Banca Mondiale nel 2017 ha emesso 320 milioni di dollari di Pandemic bond, titoli che hanno come sottostante vite umane; infatti, l’Istituto bancario ha messo sul banco una scommessa tra la mancanza di pandemia, che avrebbe mosso i capitali verso i sottoscrittori e una nuova ondata di vittime, che avrebbe spostato i soldi verso le casse di alcuni Paesi.

[adrotate banner=”37″]

La parola alla Air Worldwide Corporation; la società ha l’ultima parola sullo scatto delle clausole dei Pandemic bond. Infatti è previsto che sia la compagnia americana di analisi dei dati e valutazione del rischio, con sede a Boston, a dare il verdetto finale; dunque, dovrà decretare se far scattare le clausole sui 320 milioni di dollari di Pandemic bond emessi dalla Banca Mondiale nel 2017.

In base a quanto riferito dalla Banca Mondiale, alcune delle condizioni per arrivare al pagamento dei Pandemic bond sono già state soddisfatte; infatti:

  • si è verificata la giusta ampiezza della diffusione, per paesi e forza dell’outbreak di coronavirus;
  • inoltre sono trascorse le 12 settimane (84 giorni) dall’inizio della pandemia, scadute il 23 marzo 2020 (dal 31 dicembre 2019).

Ma manca un’altra condizione, cioè che un’agenzia indipendente di calcolo (la Air Worldwide), al termine delle 12 settimane indichi una diffusione in crescita; questa deve essere rilevata nei paesi membri dell’Ida (Associazione internazionale per lo sviluppo) e della Ibrd (Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo).

Scommessa Pandemic bond da 320 milioni di dollari

La Air Worldwide dovrebbe fornire la sua valutazione sul trend nell’arco delle due settimane successive alla scadenza del 23 marzo; dunque domani 6 aprile.

Se l’agenzia confermerà il trend di crescita della diffusione del Covid-19, allora i fondi potranno essere messi a disposizione dei paesi più poveri che fanno parte dell’Ida. Dunque gli investitori che hanno sottoscritto i titoli perderanno il capitale.

I 320 milioni di titoli sono divisi in due tranche:

  • la Classe A di 225 milioni, cedola del 7% e tetto massimo al 16,67%, che limita le perdite per i sottoscrittori (37,5 milioni);
  • poi la Classe B di 95 milioni, cedola dell’11% e rischio di perdita totale del capitale.

La scadenza naturale dei Pandemic bond è fissata a metà luglio 2020; è stato un caso che l’epidemia sia iniziata in tempo utile per fare scattare le clausole?

 

DI SANTE Paolo

Speciale Coronavirus Covid-19:

Birra bond AB InBev Salva il tuo bar dal coronavirus

Modulo sospensione mutuo prima casa semplificato

Vaccino Johnson & Johnson a settembre 2020

Buoni spesa comune crisi coronavirus: Conad, Coop, ..

Carta famiglia 2020 modulo domanda online,bonus anti Covid

Domanda bonus 600 euro partite iva autonomi iscritti alle casse

Pin Inps semplificato 600 euro Decreto Cura Italia 18 2020

Incentivi cura Italia,su Invitalia domande fondi anti covid

Nuovo modulo autocertificazione 26 marzo 2020 pdf

Decreto legge 19 2020 Gazzetta Ufficiale misure anti covid

Ammortizzatori sociali e sostegno del lavoro nel DL 18 – Testo originale integrale Titolo2 DL 18 17/03/20

Aiuto soggetti impegnati nella emergenza sanitaria DL18 – Testo originale integrale Titolo1 DL 18 17/03/20

Protocollo misure di contrasto Covid-19 ambienti lavoro

↪️ Altre  notizie di economia nella pagina dedicata del sito.

Torna alla Home Page

Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Avatar
Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".