Consob ha deliberato sanzioni fake news

Consob ha deliberato sanzioni: fake news Sole 24 Ore

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com
 

Consob ha deliberato sanzioni per fake news su Il Sole 24 Ore

Rappresentazione alterata della diffusione del quotidiano Il Sole 24 Ore dal 2013 al 2016“(fake news), questo è il motivo per il quale la Consob ha deliberato sanzioni per oltre un milione di euro; dunque, proseguendo con le motivazioni si legge che il quotidiano: “ha creato un quadro informativo falso della situazione economico-finanziaria della società suscettibile di fornire indicazioni false e fuorvianti in merito alle azioni Il Sole 24 Ore, ciò configurando una manipolazione del mercato“.

[adrotate banner=”37″]

La Consob scrive:”La condotta manipolativa è da ritenersi di particolare gravità, essendo stata posta in essere mediante la diffusione di informazioni false e fuorvianti“; inoltre, aggiunge che le condotte illecite:”detti soggetti hanno consapevolmente proposto, definito e disposto l’implementazione di pratiche commerciali e di reporting per incrementare artificiosamente i dati diffusionali del quotidiano“.

Consob ha deliberato sanzioni per fake news ed altri illeciti: Donatella Treu, Roberto Napoletano, Anna Matteo, Massimo Arioli

Il riferimento è indirizzato a Donatella Treu, all’epoca a.d., ed anche a Roberto Napoletano, all’epoca direttore responsabile.

Per Donatella Treu la Consob ha deliberato sanzioni per 280mila euro ed anche una sanzione amministrativa accessoria per un periodo di sedici mesi; per manipolazione del mercato, la sanzione prevede la perdita dei requisiti di onorabilità e, quindi, l’incapacità temporanea ad assumere incarichi:

  • di amministrazione;
  • ed anche direzione e controllo;

nell’ambito di società quotate per un periodo non inferiore a due mesi e non superiore a tre anni.

Per Roberto Napoletano la Consob ha deliberato sanzioni per 280mila euro e una sanzione amministrativa accessoria per un periodo di sedici mesi.

Poi, per Anna Matteo la Consob ha deliberato sanzioni per una sanzione di 180mila euro e una accessoria per un periodo di mesi dodici.

Inoltre per Massimo Arioli la Consob ha deliberato sanzioni per 160mila euro e una accessoria per dieci mesi.

Infine per Alberto Biella la Consob ha deliberato sanzioni per 150mila euro e nove mesi.

La società è tenuta a rispondere solidalmente per il pagamento della sanzione complessiva applicata nei confronti delle persone fisiche.

L’ex direttore del Sole 24 Ore e attuale direttore del Quotidiano del Sud, Roberto Napoletano ha dichiarato:

«Sono allibito e sgomento. Come si possa sanzionare una persona completamente estranea ai fatti in base a quanto è documentalmente dimostrato negli atti, per me resta un mistero inquietante».

Consob e Il Sole 24 Ore

A conclusione del procedimento la Commissione non ha ritenuto sussistenti i presupposti per l’adozione di alcun provvedimento sanzionatorio nei confronti della Società; dunque ha disposto l’archiviazione del procedimento mediante comunicazione notificata in data odierna. La Consob non ha ravvisato da parte della Società nessun orientamento volto al raggiungimento di scopi illeciti.

Puoi leggere anche:

Iveco Defence Vehicles appalto Forze Armate Olanda

Borsa Italiana oggi 11 settembre 2019: Milano +0,10%

11 settembre 2019: notizie economiche e di Borsa oggi

Novità CNH Industrial Iveco FCA, i titoli volano in Borsa

CNH Industrial risultati secondo trimestre 2019

Fibonacci: successione aurea e matematica moderna

Brahmagupta è il matematico che introdusse lo zero

Piaggio condannata a pagare oltre 7 milioni di euro

Bitcoin: possibile boom nel 2020?

Indice Zew agosto 2019 crolla ai minimi 2011

 

↪️ Altre  notizie di economia nella pagina dedicata del sito.

Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Avatar
Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".