Conto corrente pignorato

Conto corrente pignorato dal 2020 senza cartella

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Accertamento esecutivo: dal 2020 conto corrente può essere pignorato da Comuni o Regioni senza cartella

 

In arrivo dal 2020 il rischio di trovare il conto corrente pignorato dal Comune ed anche dalla Regione senza cartella esattoriale.

[adrotate banner=”37″]

Che si tratti di tributi locali o di multe si rischia l’accertamento esecutivo; dunque, non è improbabile di trovarsi avanti la sorpresa del conto corrente pignorato . La metodologia di riscossione dei tributi comunali/regionali prevede una sburocratizzazione nella Legge di Bilancio in corso di approvazione. Dunque, l’orientamento sembra voler mettere da parte le cartelle esattoriali: il passo successivo alla ricezione dell’avviso di accertamento prevede che il debitore si veda il conto corrente pignorato.

Da quando? Subito! Già dagli avvisi emessi dai Comuni e dalle Regioni a partire dal 1° gennaio 2020; quindi per gli accertamenti e le riscossioni di bollo auto, Imu e Tari ci sarà una vera e propria scorciatoia.

 

Comuni – Province – Regioni: conto corrente pignorato senza cartella dal 2020 con l’accertamento esecutivo

Dal 01/01/2020 gli Enti pubblici locali avranno gli stessi poteri che fino ad ora hanno caratterizzato l’attività dell’Agenzia delle Entrate. Quindi gli accertamenti emessi da Comune, Provincia e Regione (in relazione ai tributi propri), saranno immediatamente esecutivi; dunque non seguirà la cartella esattoriale con l’ingiunzione di pagamento.

L’accertamento prevederà anche l’intimazione al pagamento entro i 60 giorni dalla notifica; quindi, anche il ricorso dovrà essere attivato dal contribuente nei 60 giorni, rivolgendosi alla Commissione Provinciale Tributaria.

 

Rateizzazione accertamento

Come previsto per le cartelle esattoriali anche per gli accertamenti esecutivi si potrà chiedere la rateizzazione; ma quante in quante rate si può suddividere il debito? Dipende dall’importo:

  • 4 rate al massimo ⇒ debiti da 100€ a 500€;
  • mentre sono 12 rate al massimo ⇒ da 500€ a 3000€;
  • inoltre fino a 24 rate ⇒ da 3000€ a 6000€;
  • fino 36 rate ⇒ da 6000€ a 20000€;
  • infine il limite è di 72 rate per debiti che eccedono i 20000€.

Per i debiti fino a 100 euro non è possibile effettuare pagamenti rateizzati.

 

Conto corrente pignorato – fermo auto – ipoteca casa

Il provvedimento prevede che dopo 30 giorni dalla scadenza del pagamento, quindi a 90 giorni dalla notifica, si possa procedere alla riscossione senza notifica; anche se si parla di una “sospensione” per altri 6 mesi, che porterebbero l’esecuzione a 9 mesi dalla notifica. In caso di mancato pagamento le conseguenza sarebbero le stesse rispetto ad un mancato adempimento nei confronti delle cartelle esattoriali; quindi per esempio: ipoteca sulla casa, pignoramento del conto corrente o fermo auto.

 

Puoi leggere anche:

Ristrutturazione impianto elettrico condominiale: bonus!

Asili nido gratis dal 2020:così Roberto Gualtieri anticipa

Agevolazioni fiscali disabili 2019 Agenzia delle Entrate

Dispositivo anti abbandono seggiolino in auto: la norma

Corrispettivi elettronici 2020: chi è obbligato, esonero

Nuova Imu 2020 in manovra comprende Tasi: 10,6‰➧0

Forfettario 2020 in Manovra regime anti elusione fiscale

Ristrutturazione impianto elettrico condominiale: bonus!

Lavori su edifici senza sconto in fattura nel 2020?

Nuova Isee nucleo familiare e durata Isee corrente

Proroga stabilizzazione lavoratori LSU LPU Calabria

Legge di Bilancio 2020: Bonus bebè Mamma Asilo nido

Bonus Bebè 2019: chiarimenti su requisiti e pagamento

Novità 2019 su Bonus bebè Pannolini e Latte in polvere

Premio alla nascita 2019: 800€ di Bonus per la Mamma

Chiarimenti per le DSU presentate da gennaio 2020

Prestazioni a sostegno del reddito a senza fissa dimora

Spese asilo nido veterinarie e funebri detraibili: le FAQ

↪️ Altre  notizie di economia nella pagina dedicata del sito.

DI SANTE Paolo

Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Avatar
Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".