Decreto Rilancio 13 maggio 2020 55 miliardi

Decreto Rilancio 13 maggio 2020 55 miliardi

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com
 

Giuseppe Conte illustra la “grande fatica”: il Decreto Rilancio del 13 maggio 2020 da 55 miliardi

 

Roma, lì 13 maggio 2020 – Il Presidente del Consiglio dei Ministri ha presentato il Decreto Rilancio da 55 miliardi sviluppati su oltre 250 articoli.

 


Giuseppe Conte, Presidente del Consiglio dei Ministri, insieme ai ministri Gualtieri, Speranza, Patuanelli ed anche Bellanova, ha delineato il Decreto Rilancio di oggi 13 maggio 2020 da 55 miliardi.


[adrotate banner=”37″]

Il Decreto Rilancio, illustrato questa sera, vale 55 miliardi e contiene oltre 250 articoli, quindi, è paragonabile a 2 manovre; così esordisce Conte per giustificare il ritardo accumulato che ha trasformato il Decreto Aprile in Decreto Maggio. Ora la parola passerà al Parlamento.

Decreto Rilancio incaricato di sostenere ed anche rilanciare il Paese dopo il lockdown; quindi Giuseppe Conte, evidenziando la condizione di difficoltà in cui versa l’Italia, sintetizza le misure per la ripartenza: il potenziamento della cassa integrazione ed anche dell bonus autonomi; ed anche aiuti a fondo perduto, sconti fiscali, sgravi per affitti e bollette; nonché il sostegno a famiglie con figli e l’introduzione del reddito di emergenza.

Discorso di Giuseppe Conte dopo il Consiglio dei Ministri 45

Per i lavoratori ci sono risorse pari a 25,6 miliardi di euro che consentono di potenziare la cassa integrazione ed anche il bonus autonomi.

Mentre per le attività Conte introduce la ricapitalizzazione, un taglio di 4 milioni di tasse, l’eliminazione dell’IMU per il settore turismo; poi annuncia il rinvio dei versamenti, degli adempimenti e delle cartelle al mese di settembre; sottolinea anche un recupero fino al 60% affitti pagati negli ultimi 3 mesi; inoltre si sbloccheranno i pagamenti ai creditori della Pubblica Amministrazione.

Approda la novità del Reddito di Emergenza, da 400 a 800 euro, per nuclei con reddito ISEE fino a 15000 euro; il bonus per il baby sitting non utilizzato dalle famiglie verrà duplicato, da 600 a 1200 euro, e sarà anche possibile sfruttarlo per pagare centri estivi; poi i congedi parentali arriveranno a 30 giorni per il settore privato.

Poi Conte evidenzia l’aumento del “Fondo per le non autosufficienze” di 90 milioni, l’introduzione di un sostegno strutture per persone con disabilità.

Passa, quindi, a presentare il superbonus casa che consentirà di rendere più sicure e green le abitazioni, ed anche un fondo pari a 3 miliardi e 250 milioni per la sanità; poi non manca il riferimento alla scuola che beneficerà di 16000 nuovi posti per insegnanti; nonché 1 miliardo e 400 milioni per la ricerca.

Il turismo inoltre verrà stimolato con un Bonus turismo pari a 500 euro per famiglie con ISEE inferiore 40000 euro; la prima rata imu è abbonata; c’è un fondo strategico da 150 milioni ed anche un fondo di promozione turismo da 20 milioni; ristoranti e bar non pagheranno la tosap.

Decreto Rilancio 13 maggio 2020 55 miliardi: l’intervento di Gualtieri

Dopo il Decreto cura italia e quello liquidità, ora arriva il Decreto ristoro; nessuno sarà lasciato solo: lavoratori dipendenti, autonomi ed anche famiglie. Il ministro Gualtieri evidenzia l’introduzione del Reddito di Emergenza, un contributo per le aziende medio/piccole; poi il rimborso degli affitti, il taglio delle bollette e la ricapitalizzazione. Sottolinea gli investimenti green con la deduzione al 110% per l’ecobonus e la messa in sicurezza degli edifici; poi getta le basi per il futuro con stanziamenti per scuola, università, scienza.

Decreto Rilancio 13 maggio 2020 55 miliardi: l’intervento di Patuanelli

Il provvedimento è un mosaico a favore di imprese e lavoratori; il potenziamento della cassa integrazione agevola l’impresa in questo periodo di cali di produzione; poi rimarca l’importanza degli indennizzi diretti cioè il bonus 600€, un fondo perduto di 2000€ a prescindere dal fatturato; ed ancora l’abrogazione della rata Irap per la platea con fatturato fino 250 milioni. Ci sarà,inoltre, l’abbassamento delle bollette, con l’eliminazione delle quote fisse. Un pezzo del provvedimento riguarda le 11000 start up che stanno facendo fatica.

Decreto Rilancio 13 maggio 2020 55 miliardi: l’intervento di Bellanova

Il settore agroalimentare ha dotazione specifica pari ad 1 miliardo 150 milioni di euro, per rilanciare la qualità e prodotti di eccellenza. Ci saranno risorse finalizzate pari 250 milioni gestiti dall’ISMEA per contrastare la condizione degli indigenti. La commozione della Bellanova prende il sopravvento quando introduce la novità destinata all’articolo 110 bis; l’emersione dei rapporti di lavoro porterà gli invisibili ad essere meno invisibili. Le persone recupereranno la dignità: “…lo Stato è più forte del caporalato“.

Decreto Rilancio 13 maggio 2020 55 miliardi: l’intervento di Speranza

Rafforzamento del servizio sanitario nazionale grazie a 3 miliardi 250 milioni, un investimento che di solito si realizza in circa 3 anni; annunciati 9600 infermieri di famiglia e l’innalzamento della copertura dei servizi domiciliari. Le risorse per la rete ospedaliera porteranno i posti letto in terapia intensiva da 5179 a 11109 (+115%). In arrivo 240 milioni per nuove assunzioni, 190 milioni per incentivi al personale ed anche 4200 borse di specializzazione.

 

DI SANTE Paolo

 

Speciale Coronavirus Covid-19:

2020 ecobonus 110%: super bonus edilizia di Fraccaro

Campari acquista lo champagne Lallier,debole in Borsa

MES disponibile a tutti i Paesi membri dal 14 maggio

Autocertificazione fase 2, scarica il modulo editabile pdf

BTP Italia 2020 scadenza 5 anni doppio premio fedeltà

Finanziamenti lungo termine BCE programmi pepp paa

Nuovo modulo sospensione mutui importo fino 400000

Start up innovative agevolazioni 2020 ricerca e sviluppo

Bonus autonomi automatici:così Tridico,presidente Inps

Crif imprese 2020 45% con problemi di liquidità

Fase 2 coronavirus Italia: discorso Conte riaperture

↪️ Altre  notizie di economia nella pagina dedicata del sito.

Torna alla Home Page

Per favore supportaci e metti mi piace!!

Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Avatar
Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".