Proiezioni DL Aprile

Proiezioni DL Aprile: CIG, indennità 800 euro, PIL

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Elementi di discussione che nelle proiezioni potrebbero caratterizzare il DL Aprile: CIG, indennità 800 euro, reddito di emergenza

Nell’attesa del documento ufficiale si moltiplicano le richieste da vari settori del Paese ed anche le proiezioni sulle misure che entreranno del DL Aprile.


[adrotate banner=”37″]

Dovrebbe trovare posto il rifinanziamento della CIG per un importo prossimo ai 13 miliardi di euro; mentre circa 7 miliardi porterebbero un adeguamento verso l’alto (obiettivo 800 euro) del bonus 600 euro destinato alle partite IVA; inoltre un tesoretto di 1 miliardo dovrebbe essere sufficiente per erogare il Reddito di emergenza (500 euro); invece si arriverebbe a 1,3 miliardi per la Naspi erogata a colf e badanti; infine dovrebbero essere stanziati 500 milioni per rafforzare i congedi ed anche 2 miliardi per misure residuali.

I valori in gioco determinano un aumento dell’indebitamento e quindi un peggioramento sullo stato di salute del Paese. Il Governo, in questo periodo di sofferenza per la popolazione, ha dunque deciso di includere nel nuovo decreto l’eliminazione degli aumenti dell’IVA e delle accise previsti per i prossimi anni.

Il Ministro Gualtieri:

“Si tratta del più consistente intervento economico della storia italiana che servirà a sostenere le famiglie, le imprese, il sistema sanitario e proteggere il tessuto produttivo del paese in questo momento difficile garantendo liquidità e favorendo la capitalizzazione delle imprese. Un intervento poderoso per far sentire a tutti gli italiani che lo Stato è al loro fianco”.

Proiezioni statistiche conti pubblici 2020

Il buon andamento del 2019 (rapporto deficit/Pil all’1,6%, contro il 2,2% del 2018) è compromesso a causa delle misure di contenimento della pandemia; infatti per il 2020 è previsto un rapporto pari 10,4% che dovrebbe scendere al 5,7% del 2021.

In dettaglio, l’Istat rileva che il saldo primario (indebitamento netto al netto della spesa per interessi) è risultato positivo e pari all’1,7% del Pil, con una crescita di 0,2 punti percentuali rispetto al 2018. In salita, ma più contenuta la spesa per interessi, che dal 3,7% del 2018 è passata al 3,4% del 2019 e dovrebbe tornare al 3,7% nel 2020 e 2021.

A fine 2019 il debito pubblico italiano, al lordo degli interventi di sostegno finanziario in favore di Stati Membri, era al 134,8% del PIL; invece nel 2020 dovrebbe salire fino al 155,7%, per poi scendere al 152,7% nel 2021.

DI SANTE Paolo

Speciale Coronavirus Covid-19:

Chiarimento credito imposta sicurezza sanitaria lavoro

Fondo perduto a piccole imprese dal MiSE (Patuanelli)

Bond CDP 2020 obbligazioni social anti Covid-19

Modulo richiesta prestito 25000 euro fondo garanzia

Decreto 8 aprile 2020 23 in Gazzetta Ufficiale: liquidità imprese

Linee guida a imprese e Stati per maschere gel e 3d

Accordo Abi Anci Upi sospensione mutui crisi Covid-19

Voucher salva vacanza per aiutare cittadini e imprese

Pandemic bond 320 milioni di $, epidemia complotto?

Birra bond AB InBev Salva il tuo bar dal coronavirus

Modulo sospensione mutuo prima casa semplificato

Carta famiglia 2020 modulo domanda online,bonus anti Covid

Incentivi cura Italia,su Invitalia domande fondi anti covid

Nuovo modulo autocertificazione 26 marzo 2020 pdf

↪️ Altre  notizie di economia nella pagina dedicata del sito.

Torna alla Home Page

Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".