Manovra 2020: DEF

Manovra 2020: DEF 29 miliardi – Deficit 2,2%

intopic.it feedelissimo.com  
 

Manovra 2020: Governo Conte bis approva il DEF da 29 miliardi, no aumento IVA, Deficit al 2,2%, flessibilità 0,8% PIL

 

Roma, lì 02 ottobre 2019 – In attesa della Manovra definitiva per il 2020, intanto il Governo approva il Def da 29 miliardi.

 


Blocco dell’IVA ed una modesta crescita con deficit al 2,2% (nel 2019 ed anche nel 2020); fruttata una flessibilità sul deficit in termini assoluti di circa 14,4 miliardi, quindi lo 0,8% del PIL.


Il commento di Giuseppe Conte:

“Abbiamo approvato questo primo documento di contabilità pubblica che preannuncia l’impostazione della manovra: è un documento importante e voglio confermare che abbiamo sterilizzato l’aumento dell’IVA. Ma non ci accontentiamo di questo: ho chiesto al Parlamento la fiducia su 29 punti programmatici”.

Roberto Gualtieri garantisce che il salario minimo è nel programma di governo collegato a un contratto di riferimento; inoltre ha annunciato l’intenzione di emettere dei “green bond“, cioè Titoli di debito italiani esplicitamente destinati alla sostenibilità ambientale.

Ipotesi “cashback” mensile sui pagamenti tracciabili con “superbonus” per chi paga con carte e bancomat nei settori caratterizzati da una grande evasione; l’entità del bonus dipenderà dalle risorse ma l’obiettivo è quello di restituire fino a 475 euro su spese fino a 2.500€, effettuate con carta o bancomat.

La flessibilità sul deficit è di circa 14,4 miliardi, cioè lo 0,8% del PIL; dunque il rapporto deficit e PIL è del 2,2% nel 2019 e rimarrà tale anche 2020. Poi scenderà: 1,8% nel 2021 e 1,4% nel 2022. Nel Nadel 2018 si prevedeva una crescita del PIL dell’1,6%, invece ora è pari allo 0,1%, mentre è prevista nel 2020 allo 0,6%.

La proiezione del rapporto debito/PIL per fine 2019 è pari al 135,7%, mentre scenderebbe al 135,1% nel 2020 e quindi al 133,6% nel 2021 ed infine al 131,4% nel 2022″.

Commenti dei politici PD e Lega

Dario Franceschini:

“Avviso ai naviganti: la smania quotidiana di visibilità logora i governi. Già visto tutto. Si inventano litigi sull’Iva, quando nessuno vuole aumentarla, solo per avere qualche riflettore acceso. Il Pd sceglie la serietà e si impegna sul cuneo fiscale per aumentare gli stipendi”.

Matteo Salvini:

“Manovra economica truffa, con miliardi di nuove tasse. Hanno già tradito tutte le promesse fatte ad agosto”.

 

Puoi leggere anche:

Mise annuncia agevolazioni grandi progetti di R&S

Milano 2019 Rating Fitch BBB outlook negativo

iPhone11 e Apple TV+ a sconto: news 2019 della Mela

Iveco Defence Vehicles appalto Forze Armate Olanda

Mediaset fusione transfrontaliera in MediaforEurope

Criptovaluta Libra un rischio per sistema dei pagamenti

Novità CNH Industrial Iveco FCA, i titoli volano in Borsa

Si saprà il nome di chi effettuerà operazioni bancarie

CNH Industrial risultati secondo trimestre 2019

Fibonacci: successione aurea e matematica moderna

Brahmagupta è il matematico che introdusse lo zero

Piaggio condannata a pagare oltre 7 milioni di euro

Imprenditoria femminile: occupazione Sud e turismo

Bitcoin: possibile boom nel 2020?

 

↪️ Altre  notizie di economia nella pagina dedicata del sito.

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
     
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Avatar
Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".