Fondo perduto a piccole imprese dal MiSE

Fondo perduto a piccole imprese dal MiSE (Patuanelli)

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com
 

Risorse monetarie a fondo perduto per piccole imprese annunciate da Stefano Patuanelli, ministro dello sviluppo economico (MiSE)

 

Roma, lì 19 aprile 2020 – MiSE: soldi freschi a fondo perduto destinato alle piccole imprese.

 

[adrotate banner=”37″]

Stefano Patuanelli, ministro dello sviluppo economico, nelle ultime ore sta facendo circolare indiscrezioni sul prossimo Decreto aprile. Sono tante le richieste che stanno arrivando al Governo e da fonti diverse; tra i destinatari dei prossimi benefici si parla della categorie delle badanti, dei balneatori ed anche dei ristoratori. Inoltre si discute sullo strumento da adottare, in particolare di soldi a fondo perduto; ma la coperta è corta, bisogna scegliere e quindi si attendono risposte.

Risorse a fondo perduto per piccole imprese in difficoltà dopo misure anti Covid-19

Stefano Patuanelli, questa sera, da Fabio Fazio, ha anticipato una proiezione del prossimo Decreto aprile; ha indicato, quindi, come probabile l’introduzione, da parte del Governo, di risorse monetarie per le piccole imprese in difficoltà a seguito della diffusione del Covid-19.

Le parole di questa sera seguono quelle dei giorni scorsi: “stiamo pensando a misure di ristoro e indennizzo a fondo perduto“; quindi seguendo il modello adottato dalla Francia e dalla Germania. Dopo il Decreto Liquidità che ha rappresentato una possibilità per le attività a corto di liquidità a causa delle restrizioni introdotte per contrastare l’emergenza sanitaria; ora, a seguito del lockdown ed in vista della stagione estiva, si attendono misure di sostegno a fondo perduto. Dal MiSE arrivano messaggi in linea con le attese. Un settore che il ministro Stefano Patuanelli ha in mente è quello florovivaistico.

Si ragiona anche sull’entità della misura a fondo perduto; il ministro dello sviluppo economico ha detto la sua anche su questo dettaglio ed ha ipotizzato:

“Risarcimenti a fondo perduto da 1.500 e 2.500 euro come in Francia, o 9.000 euro in come Germania dove sono stati previsti anche 14.000 euro per aziende sotto i 25 dipendenti. Stiamo parlando di 4 milioni di imprese, per cui ogni 1.000 euro sono 4 miliardi e ogni 10.000 euro sono 40 miliardi. E’ giusto concentrarsi sulle imprese più piccole”.

 

DI SANTE Paolo

Speciale Coronavirus Covid-19:

Chiarimento credito imposta sicurezza sanitaria lavoro

Acqua non potabile con coronavirus a Parigi,rete infetta

115 vaccini COVID-19 in fase di sviluppo, 78 attivi

Bond CDP 2020 obbligazioni social anti Covid-19

Modulo richiesta prestito 25000 euro fondo garanzia

Pagamento Bonus 600 euro Inps baby sitter autonomi

Codici Ateco 14 aprile 2020 riapertura negozi DPCM

Assalto locuste in Africa carenza pesticidi dopo Covid

Conte in diretta annuncia Dpcm proroga lockdown coronavirus Italia

Test sierologico per rilevare anticorpi covid entro aprile

Decreto 8 aprile 2020 23 in Gazzetta Ufficiale: liquidità imprese

Linee guida a imprese e Stati per maschere gel e 3d

Accordo Abi Anci Upi sospensione mutui crisi Covid-19

Trump minaccia India per l’export di idrossiclorochina

Voucher salva vacanza per aiutare cittadini e imprese

Rimborso comuni mancati incassi tari decreto 103 2020

400 miliardi di liquidità alle imprese: conferenza Conte

Pandemic bond 320 milioni di $, epidemia complotto?

Birra bond AB InBev Salva il tuo bar dal coronavirus

Modulo sospensione mutuo prima casa semplificato

Vaccino Johnson & Johnson a settembre 2020

Carta famiglia 2020 modulo domanda online,bonus anti Covid

Incentivi cura Italia,su Invitalia domande fondi anti covid

Nuovo modulo autocertificazione 26 marzo 2020 pdf

↪️ Altre  notizie di economia nella pagina dedicata del sito.

Torna alla Home Page

Per favore supportaci e metti mi piace!!

Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Avatar
Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".