Borsa Italiana oggi settembre 2019

Borsa Italiana oggi 23 settembre 2019: Milano -1,01%

intopic.it feedelissimo.com  
 

Oggi, 23 settembre 2019, Borse europee negative, listino azionario della Borsa Italiana parte in calo; a Milano pesa il comparto chimico/materie prime, dunque Piazza Affari chiude a -1,01%

 

Milano, lì 23 settembre 2019 – Chiusura della Borsa Italiana oggi: a Milano, Piazza Affari termina sensibilmente in negativo, crollo della Juventus; anche l’andamento delle altre Borse europee è in linea con Milano.

 


L’indice FTSE MIB oggi apre tracciando un andamento decisamente negativo; dunque, amplia le perdite delle precedenti sedute il listino azionario della Borsa di MilanoOggi bene Italgas, mentre il titolo azionario peggiore è Juventus FC. Rendimento del BTP decennale gira intorno allo 0,84%.


Giornata della Borsa Italiana oggi 23 settembre 2019: a Milano, Piazza Affari segue la flessione delle Borse d’Europa

Mercato azionario si muove decisamente sotto la parità. La Borsa di Milano oggi chiude in rosso, dunque, segue l’andamento delle altre Borse europee altrettanto negative.

Indici azionari in Europa oggi: FTSE MIB, FTSE100, Cac 40, Dax 30, IBEX 35, SMI

  • il FTSE MIB segna un -1,01%;
  • poi il FTSE 100 di Londra registra un -0,26%;
  • mentre il CAC 40 arriva a -1,05%;
  • invece il DAX 30 di Francoforte chiude a -1,01%;
  • inoltre l’IBEX 35 di Madrid termina con un -0,93%;
  • infine lo SMI porta a casa un -0,59%.

I titoli azionari in evidenza oggi sul listino della Borsa Italiana: le quotazioni di borsa FTSE MIB

I titoli azionari con quotazioni maggiormente premiate o penalizzate sul listino della Borsa di Milano sono:

  • tra le società quotate in calo troviamo Juventus FC -4,75%, Pirelli & C -3,92%, ed anche Unicredit -3,44%;
  • seguono anche Exor -3,33%, Banco Bpm -3,15%, Salvatore Ferragamo -3,15%;
  • invece tra le società quotate in crescita emergono Italgas che chiude a +1,62%, Enel a +1,44%, ed anche Amplifon +0,72%;
  • mentre Campari si ferma a +0,49%, Generali a +0,36%,  e Terna a +0,25%.

Spread oggi, titoli di Stato: Italia, Portogallo, Spagna e Francia

Lo spread tra i Titoli di Stato ed il BUND tedesco è:

  • il BTP italiano chiude a quota 141,80 punti base contro il precedente valore di 144,60 ;
  • poi l’OT Portogallo si ferma a 75,20 punti base contro il precedente valore di 78,00 ;
  • mentre il Bonos spagnolo quota 73,00 punti base contro il precedente valore di 75,30 ;
  • invece l’OAT francese arriva a 28,80 punti base contro il precedente valore di 30,00 .

I cambi dell’Euro contro Dollaro, Franchi, Pound, Yen, Real, Rublo e Grivnia

In tema di valute, i cambi dell’Euro di oggi quotano:

  • Eur/USD 1,09895 contro il precedente valore di 1,10171 ;
  • poi, Eur/CHF 1,088785 contro il precedente valore di 1,09268 ;
  • inoltre, Eur/GBP 0,88441 contro il precedente valore di 0,88367 ;
  • mentre, Eur/JPY 118,178 contro il precedente valore di 118,641 ;
  • invece, Eur/BRL 4,5785 contro il precedente valore di 4,571 ;
  • infine Eur/RUB 70,1712 contro il precedente valore di 70,3075 e Eur/UAH 26,70682 contro il precedente valore di 26,95036 .

Indici borsa in Asia: Hong Kong, Tokyo

  • Hang Seng Index +0,32%;
  • poi il Nikkei 225 Tokyo +0,17%;

Indici borsa in America:

  • Dow Jones +0,06% ed inoltre lo S&P 500 -0,01%;
  • invece il NASDAQ chiude a -0,06% ed il NASDAQ100 a -0,06%.

Le quotazioni dei beni rifugio oggi: oro, argento, petrolio (Brent / WTI)

  • quotazione oro a 44,51 euro al grammo contro il precedente valore di 44,21 euro;
  • mentre la quotazione argento è di 0,5446 euro al grammo contro il precedente valore di 0,5291 euro;
  • invece la quotazione petrolio Brent è di 64,43 euro contro il precedente valore di 65,02 ;
  • infine la quotazione petrolio WTI è di 58,37 euro contro il precedente valore di 58,79 ;

Notizie d’oggi 23 settembre 2019 dalla Borsa Italiana, mercati finanziari, che caratterizzano la giornata a Piazza Affari: fallimento Thomas Cook, debito/pil, dati macroeconomici

Thomas Cook fallisce, 22000 dipendenti vanno a casa.

Bankitalia modifica la previsione del rapporto debito/pil; infatti rispetto ai dati diffusi lo scorso 15 settembre, il debito è rivisto al rialzo di 58,3 miliardi nel 2018, al 134,8 per cento del Pil.

Dati macroeconomici

Pubblicati in Unione Europea il dato sul PMI manifatturiero, pari a 45,6 punti, e il dato sul PMI composito, che si attesta su 50,4 punti.

Mario Draghi avvisa i Paesi europei sui prossimi sviluppi visti in negativo.

 

☛ Puoi leggere anche:

Mise annuncia agevolazioni grandi progetti di R&S

Consob ha deliberato sanzioni: fake news Sole 24 Ore

Iveco Defence Vehicles appalto Forze Armate Olanda

Mediaset fusione transfrontaliera in MediaforEurope

Criptovaluta Libra un rischio per sistema dei pagamenti

Novità CNH Industrial Iveco FCA, i titoli volano in Borsa

Si saprà il nome di chi effettuerà operazioni bancarie

CNH Industrial risultati secondo trimestre 2019

Ordinativi industria italiana secondo trimestre 2019 -5%

Fibonacci: successione aurea e matematica moderna

Brahmagupta è il matematico che introdusse lo zero

Piaggio condannata a pagare oltre 7 milioni di euro

Imprenditoria femminile: occupazione Sud e turismo

Bitcoin: possibile boom nel 2020?

 

↪️ Altre  notizie di economia nella pagina dedicata del sito.

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
     
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Avatar
Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".