Cambiamento importante HIV

Cambiamento importante HIV: contagio VS vaccino

Cambiamento importante HIV: contagio in diminuzione Vs Vaccino TAT Italia.

Sembra essere arrivato un cambiamento importante per l’HIV, un momento in cui, in base a dati statistici il contagio è in calo.

Riguardo a questo fattore, arriva proprio in questi giorni la notizia secondo la quale, un nuovo vaccino si affaccia all’orizzonte, rendendo grandi le prospettive di un futuro migliore. L’HIV è un virus il cui nome, da solo, basta e avanza per far venire la pelle d’oca. Da Human Immunodeficiency Virus, cioè virus dell’immunodeficienza umana è l’agente responsabile della sindrome da immunodeficienza acquisita AIDS.

Eppure, in base alle informazioni del Centro Europeo per le malattie, sembra che il contagio da HIV, sia un dato in diminuzione. In Europa, infatti, i contagi stanno letteralmente diminuendo.

Confrontando le statistiche, si evince che nel 2017 la diagnosi di sieropositività era pari a 25.353. Un tasso che equivale a 6,2 casi ogni 100.000 abitanti.

Andando indietro nel tempo, con riferimento all’anno 2016, i casi sono stati ben 31.286. L’EcDc (Centro Europeo per le malattie) segnala che bisogna, purtroppo, tener conto anche di un fattore importante; è vero che questo calo c’è ed è un piccolo successo per la prevenzione, ma in questo caso subentra un’altra componente. Leggi di più a proposito di Cambiamento importante HIV: contagio VS vaccino

 
Nuovo Vaccino hiv

Trovato vaccino HIV, buoni risultati sui primati

Nuovo Vaccino hiv. Lo scorso 14 dicembre la rivista medica Immunity, ha pubblicato una ricerca medica che lascia intravedere speranze nella battaglia contro l’HIV. Nasce un vaccino che, iniettato in primati non umani, avrebbe prodotto anticorpi capaci di neutralizzare la forma virale dell’ HIV. Forma più simile a quella che infetta le persone. Nuovo Vaccino […]

HIV aids bambina

HIV probabile cura: Bimba Sudafricana di 9 anni, malata dalla nascita, completamente guarita.

bambina di 9 anni di origine sudafricana, che aveva contratto il virus dell’AIDS alla nascita dalla madre sieropositiva, è stata sottoposta, nell’ambito di uno studio quinquennale sui bambini sieropositivi, ad un trattamento precoce con specifici farmaci antiretrovirali, utilizzati convenzionalmente nella terapia dell’HIV, durante tutto il suo primo anno di vita, e per i successivi 8 […]