Oltre 5 milioni di stranieri

Oltre 5 milioni di stranieri nell’anagrafe italiana

intopic.it feedelissimo.com  
 

Istat rileva oltre 5 milioni di stranieri nell’anagrafe italiana: +419% in 10 anni

 

Al 31 dicembre 2018 risultano oltre 5 milioni i cittadini stranieri registrati all’ufficio anagrafe italiano, quasi il 9% della popolazione totale.

L’Istituto di statistica passa in rassegna gli stranieri cittadini presenti sul territorio italiano ed evidenzia una crescita del 419% in 10 anni.

Gian Carlo Blangiardo, Presidente dell’Istat, ha comunicato il dato in occasione dell’audizione sulle politiche per l’immigrazione, nella commissione Affari costituzionali della Camera:

“Al 31 dicembre 2018 sono 5.255.503 i cittadini stranieri iscritti in anagrafe. Rispetto al 2017 sono aumentati di 111 mila il 2,2% in più, arrivando a costituire l’8,7% del totale della popolazione residente”.

Inoltre ha aggiunto che rispetto al dato dell’anno 1998, ha aggiunto:

“Il numero di stranieri nel nostro Paese è quadruplicato”;

infatti l’aumento ufficiale è pari al 419 per cento.

Oltre 5 milioni di cittadini stranieri in Italia ed in Unione Europea?

Facendo il confronto con gli altri Paesi dell’UE, risulta che la presenza straniera in Italia:

  • è superiore rispetto a quella nella popolazione totale della Francia (7%);
  • ma sostanzialmente inferiore a quella tedesca (11,7%) e austriaca (15,7%);
  • ed anche leggermente al di sotto a quella del Regno Unito (9,5%).

Presenza di cittadini stranieri nelle regioni d’Italia

Passando ad analizzare la distribuzione dei cittadini stranieri tre la regioni italiane si nota che:

  • circa un cittadino straniero su quattro, risiede nelle regioni del Nord-Est (23,9%);
  • spostandosi nelle regioni del Centro Italia il dato è quasi simile, anche se con una frazione in più (25,4%);
  • mentre, in contrasto con quello che è il pensiero comune, molto più esile è il dato sulla presenza di cittadini stranieri nel Sud (12,2%);
  • infine nelle isole è la diffusione dei cittadini stranieri è quasi impercettibile (4,9%).

Comunità straniere registrate all’ufficio anagrafe italiano

Prendendo in esame le differenti cittadinanze presenti in Italia se ne contano cinque più numerose su un totale di 196 e sono:

  • quella romena con 1 milione 207 mila;
  • poi l’albanese che conta 441 mila unità;
  • anche quella marocchina, circa 423 mila;
  • oltre alla cinese con 300 mila;
  • infine quella ucraina ferma a 239 mila.

Queste cinque comunità da sole rappresentano quasi il 50% del totale degli stranieri residenti, confermando la graduatoria del 2017.

 

Puoi leggere anche:

Assegno unico figli e dote unica acquisti servizi infanzia

Fiat 500 elettrica da 2020:Red dot award per Centoventi

Enel costruirà parco eolico Kolskaya: costerà 273mln

Terna e FCA insieme per la mobilità elettrica

Ricavi di Chiara Ferragni 2018? Ecco i dati del bilancio

Facebook e Luxottica occhiali a realtà aumentata smart

DL Ambiente bozza bonus auto e taglio sussidi dannosi

Mise annuncia agevolazioni grandi progetti di R&S

Si saprà il nome di chi effettuerà operazioni bancarie

Fibonacci: successione aurea e matematica moderna

Brahmagupta è il matematico che introdusse lo zero

 

↪️ Altre  notizie di economia nella pagina dedicata del sito.

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
     
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Avatar
Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".