Ricongiunzione previdenziale professionisti 2020: news

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com
 

Oneri di ricongiunzione 2020 dei periodi assicurativi ai fini previdenziali per i liberi professionisti

Ai fini della predisposizione dei piani di ammortamento degli oneri, relativi alle domande di ricongiunzione previdenziale presentate dai professionisti nel 2020, sono state aggiornate le tabelle. Dunque la ricongiunzione riguarda i periodi assicurativi ai fini previdenziali per i liberi professionisti, ai sensi della legge 5 marzo 1990, n. 45.

 

La normativa vigente consente il pagamento dell’onere di ricongiunzione dilazionato, quindi con rate maggiorazione di un interesse annuo composto; quest’ultimo è pari al tasso di variazione medio annuo dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati accertato dall’ISTAT con riferimento al periodo di dodici mesi che termina al 31 dicembre dell’anno precedente. Dunque, ogni anno l’INPS pubblica le tabelle dei coefficienti da utilizzare per i piani di ammortamento degli oneri di ricongiunzione relativi alle domande presentate nel corso dell’anno medesimo.

Pagamento onere di ricongiunzione previdenziale professionisti aggiornato al 2020

I piani di rateizzazione degli oneri di ricongiunzione, relativi a domande presentate da liberi professionisti, nel corso del corrente anno 2020, devono essere predisposti in base ai coefficienti riportati nelle tabelle. Quindi il tasso di variazione medio annuo dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati accertato dall’ISTAT per il 2019 è pari allo 0,5%.

Istruzioni uso tabelle definizione ammontare della rata mensile, determinazione del debito residuo

Ricongiunzione previdenziale professionisti 2020

tabella II rate oneri ricongiunzione previdenziale lavoro autonomo

ISTRUZIONI ED ESEMPI

  1. Ipotizziamo di voler determinare la rata di ammortamento mensile nel caso di concessione della dilazione di pagamento dell’onere di ricongiunzione. Dunque, l’importo della rata si determina moltiplicando l’ammontare del debito da rateizzare per il coefficiente riportato nella tabella I/2020 in corrispondenza del numero delle rate mensili concesse per l’ammortamento.
  2. Determinazione del debito residuo da versare in unica soluzione nel caso in cui i pagamenti rateali vengano sospesi prima dell’estinzione del debito. Il coefficiente per la determinazione del debito residuo deve essere ricercato nella tabella II/2020 in corrispondenza del numero delle rate che l’assicurato avrebbe dovuto ancora pagare per perfezionare l’operazione di ricongiunzione, numero di rate che è ricavato come differenza fra il numero delle rate mensili originariamente concesse ed il numero di mensilità già corrisposte. Quindi, la somma da versare, riferita alla data di scadenza dell’ultima rata pagata, si determina moltiplicando l’importo della rata per il coefficiente sopra indicato.

 

 

 

 

 

Puoi leggere anche:

Sostegno al reddito lavoratori call center: chiarimenti

Trattamenti integrazione salariale 2020: nuovi importi

Estinzione anticipata cessione quinto pensione 2020

Acquisire la DSU precompilata 2020 e richiedere l’ISEE

Attribuzione contributo dispositivi antiabbandono

Bonus asilo nido 2020: novità importi INPS con ISEE …

Limite ordinamentale dipendenti pubblici invalidi

Contrasto frodi IVA ecommerce 2024: pagamenti svelati

Opzione donna 2020: novità pensione anticipata

Assegni Familiari 2020 requisiti reddito e q.ta pensione

Tassi primo trimestre 2020 Cessione Quinto Pensioni

Rivalutazione 2020 assegno sociale, ReI e soglie carta

Dsu precompilata 2020: dati e inibizione del trattamento

Taglio cuneo fiscale 2020: novità bonus Renzi ampliato

Cancellazione fermo amministrativo: gratis da gennaio

Guida uso sito INPS per pensionati titolari di trattamenti

 

↪️ Altre  notizie di economia nella pagina dedicata del sito.

 

DI SANTE Paolo

 

Avanzamento lettura

 

Per favore supportaci e metti mi piace!!

Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Avatar
Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".