Roadmap Tv 4.0

Roadmap Tv 4.0: milioni di tv da buttare ma c’è il bonus

intopic.it feedelissimo.com  
 

Con la roadmap Tv 4.0 doppio switch off del digitale terrestre: da Settembre 2021 via Mpeg-2 per Mpeg-4 ed a Giugno 2022 arriva il Dvbt-2 con codifica Hevc. Milioni di Tv da buttare o adattare ma c’è il Bonus / Voucher per decoder e smart Tv

 

Con l’approvazione della Roadmap Tv 4.0 milioni di italiani saranno costretti a buttare o adattare i Tv poiché da Settembre 2021 verrà abbandonata la codifica del 1994. In questi 2 anni bisognerà capire se: il modello Tv è predisposto, si vuole approfittare per buttare la televisione ormai datata o ricorrere a degli adattatori.

Stando alla nuova roadmap Tv 4.0 definita dal Mise in ottemperanza degli accordi europei, dal mese di Settembre 2021 le trasmissioni del digitali terrestre useranno solo la codifica Mpeg-4, abbandonando l’ormai vecchia Mpeg-2. Le onde emesse da trasmettitori posti sulla superficie terrestre conterranno dati compressi non più nel formato del 1994 ma in quello del 1996.

Mentre da Giugno 2022 avverrà la seconda e profonda innovazione prevista dalla roadmap Tv 4.0; infatti si assisterà al passaggio di testimone tra il formato Mpeg-4 e Dvbt-2 con codifica Hevc. L’approvazione della roadmap Tv 4.0 tiene conto anche dall’avvento del 5G della telefonia, poiché occupa proprio la banda dei 700 MHz usata dai segnali Tv.

Tv 4.0: switch off Mpeg-2 → Mpeg-4 da Settembre 2021

La compressione Mpeg-4 è ormai diffusissima nelle elaborazioni video effettuate attraverso i pc che direttamente dalle videocamere. Questo perché l’Mpeg-2, risalente ai tempi del Dvd, ha una compressione minore; quindi a parità di dati elaborati l’Mpeg-4 usa meno spazio liberando banda nei 700 MHz. Secondo stime del Mise sono nelle case degli italiani circa 10 milioni di Tv Mpeg-2.

Milioni di Tv da buttare od adattare da Settembre 2021 ?

Si può effettuare un test semplice per capire se la nostra Tv è pronta al passaggio a Mpeg-4; infatti, basta collegarsi ai canali HD del digitale terrestre (dal 501 in poi): se non si vede nulla allora la Tv non è compatibile con Mpeg-4. La soluzione più economica per rimediare è quella di comprare un decoder.

Tv 4.0: switch off Mpeg-4 → Dvbt-2 Hevc da Giugno 2022

Salto tecnologico nel giro di pochi mesi per liberare definitivamente la banda dei 700 MHz e sancire l’entrata dell’alta definizione in tutte le case italiane. La Tv Dvbt-2 con codec Hevc consente il passaggio al 4K. A norma di Legge le Tv prodotte da gennaio 2017 integrano l’adeguata tecnologia. Seguendo il percorso tecnologico avvenuto in Italia per i Tv, ad essere a rischio obsolescenza sarebbero i Tv prodotti prima del 2015; quindi, chi ha comprato un nuovo Tv, od un decoder, entro il termine del passaggio al digitale terrestre, cioè luglio 2012, potrebbe vedersi costretto a mettere mano al portafogli anche in questa occasione.

Roadmap Tv 4.0

Dando uno sguardo alle linee guida del Mise, relativa alla Tv 4.0, si legge che l’Italia ha subito una divisione tecnologica in 4 aree che verranno coinvolte in tempi diversi; infatti il percorso di innovazione interesserà:

  • dal 1° settembre 2021 al 31 dicembre 2021 le aree 2 e 3 cioè Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna ed anche le province di Trento e di Bolzano;
  • poi dal 1° gennaio 2022 al 31 marzo 2022 l’Area contenente Liguria, Toscana, Umbria, Lazio, Campania, Sardegna;
  • infine dal 1° aprile 2022 al 31 giugno 2022 l’area 4, cioè Sicilia, Calabria, Puglia, Basilicata, Abruzzo, Molise, Marche.

Tv 4.0: bonus / voucher per decoder e smart Tv

C’è chi lo chiama Bonus e chi Voucher ed è lo sconto, già introdotto dalla Legge di Bilancio 2019 che ha stanziato 151 milioni di euro, per decoder e smart Tv. A beneficiarne potranno essere i cittadini con ISEE fascia 1 e 2 per l’acquisto di decoder e televisori abilitati alla ricezione del nuovo segnale.

Sconto Tv 4.0 al 2022

Immediato sconto calcolato al momento dell’acquisto in negozio a fronte dell’attestato ISEE; dunque, si potrà beneficiare del contributo che vale 50 euro. La misura ha trovato l’approvazione della Commissione Europea lo scorso 10 settembre ed avrà una durata triennale. Quindi a partire dal prossimo 15 novembre e fino al 31 dicembre 2022 sarà possibile sfruttare del bonus / voucher per comprare un decoder od una smart tv, fino all’esaurimento delle risorse pari a 151 milioni di euro.

 

Puoi leggere anche:

Proroga stabilizzazione lavoratori LSU LPU Calabria

Manovra 2020: superbonus Befana rimborso 500€

Novità Manovra 2020: ticket sanitario e +500€ in busta

Chiarimenti per le DSU presentate da gennaio 2020 

Card unica e sconto Iva per chi usa il bancomat

Testo unico della rappresentanza: funzione antidumping

Assegno unico figli e dote unica acquisti servizi infanzia

DL Ambiente bozza bonus auto e taglio sussidi dannosi

Tassa sui prelievi dei contanti da bancomat e sportello

Addio chiavette token ecco mobile token direttiva Psd2

Mise annuncia agevolazioni grandi progetti di R&S

Si saprà il nome di chi effettuerà operazioni bancarie

Fibonacci: successione aurea e matematica moderna

Brahmagupta è il matematico che introdusse lo zero

Bitcoin: possibile boom nel 2020?

Il lavoratore può astenersi dal lavorare nelle festività

Bonus Bebè 2019: chiarimenti su requisiti e pagamento

Spese asilo nido veterinarie e funebri detraibili: le FAQ

Chi decide le ferie, ferie maturate e anche quelle non godute in busta

Prestazioni a sostegno del reddito a senza fissa dimora

Fondo Indennizzo Risparmiatori (FIR): beneficiari e iter

Carta famiglia 2019, gli sconti a sostegno del reddito

Differenze tra carta di credito e di debito “Bancomat”

 

↪️ Altre  notizie di economia nella pagina dedicata del sito.

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
     
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Avatar
Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".