Testo unico della rappresentanza

Testo unico della rappresentanza: funzione antidumping

intopic.it feedelissimo.com  
 

Salario minimo ed attuazione del Testo Unico della Rappresentanza: funzione antidumping e anticoncorrenziale

 

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali interviene alla stipula della convenzione per l’attuazione del Testo Unico della Rappresentanza; dunque si vuole prevenire la concorrenza sui lavoratori.

Siglata la convenzione Inps, Confindustria, Cgil, Cisl e Uil per l’attuazione del Testo Unico della Rappresentanza evitare la concorrenza sulla pelle dei lavoratori. Intervenuta presso Palazzo Wedekind a Roma, per l’importante occasione, anche Nunzia Catalfo.

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali alla presenza del Presidente dell’I.N.P.S., Pasquale Tridico, nonché del Capo dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro, Leonardo Alestra, e alle parti sociali, ha dichiarato:

“Quella di oggi è una tappa importante per arrivare ad una legge sulla rappresentanza sindacale e sul salario minimo orario che valorizzi a pieno l’autorità salariale della contrattazione collettiva nazionale“.

Inoltre il Ministro del Lavoro Nunzia Catalfo, dopo la firma della convenzione, ha detto:

“Inizia un percorso nella storia delle nostre relazioni industriali. Percorso che ha come punto d’arrivo l’emanazione di una legge sulla rappresentanza“.

Tutte le parti presenti hanno manifestato soddisfazione, anche da parte del Presidente dell’INPS, Pasquale Tridico ha detto:

“E’ un accordo importante per la funzione antidumping e anticoncorrenziale: la concorrenza non si fa sui lavoratori, ma sul mercato dei beni e dei prodotti”.

Dumping – Antidumping – Salario minimo orario

Dotiamo il nostro ordinamento di uno strumento con il quale contrastare il fenomeno del dumping salariale, determinato dalla contrattazione scorretta; infatti, in dumping nel corso degli anni ha portato a livellare verso il basso le remunerazioni e, quindi, lo stile di vita di milioni di lavoratori.

Sono ben 864 i contratti collettivi nazionali depositati al CNEL, di cui solo un terzo sottoscritto dalle organizzazioni sindacali e datoriali maggiormente rappresentative.

Tale disposizione prevede che, nei settori con molteplici CCN applicabili, quello stipulato dalle organizzazioni sindacali e datoriali “comparativamente più rappresentative” sia il contratto “leader”; dunque valido ai fini della determinazione del salario.

Lo scopo è quello di scongiurare che i lavoratori siano costretti a vivere con salari sotto la soglia di povertà; quindi, in linea con il dettato costituzionale che all’art. 36 sancisce che:

“Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa”.

 

☛ Puoi leggere anche:

Assegno unico figli e dote unica acquisti servizi infanzia

Fiat 500 elettrica da 2020:Red dot award per Centoventi

Enel costruirà parco eolico Kolskaya: costerà 273mln

Terna e FCA insieme per la mobilità elettrica

Ricavi di Chiara Ferragni 2018? Ecco i dati del bilancio

Facebook e Luxottica occhiali a realtà aumentata smart

DL Ambiente bozza bonus auto e taglio sussidi dannosi

Mise annuncia agevolazioni grandi progetti di R&S

Consob ha deliberato sanzioni: fake news Sole 24 Ore

Si saprà il nome di chi effettuerà operazioni bancarie

Iveco Defence Vehicles appalto Forze Armate Olanda

Fibonacci: successione aurea e matematica moderna

Brahmagupta è il matematico che introdusse lo zero

 

↪️ Altre  notizie di economia nella pagina dedicata del sito.

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
     
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Avatar
Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".