Il lavoratore può astenersi dal lavorare nelle festività

Il lavoratore può astenersi dal lavorare nelle festività

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

È passato in giudicato: il lavoratore può astenersi dal lavorare nelle festività infrasettimanali

 

Roma, lì 23 luglio 2019 – Il datore di lavoro non può imporsi, così il lavoratore può astenersi dal lavorare nelle festività infrasettimanali senza reciproco accordo.

👨‍⚖️ 👷 😴 📅


La Cassazione ha emesso la sentenza che impedisce la decisione unilaterale del datore di lavoro e, quindi, pone al centro la disponibilità del lavoratore. Infatti, anche se alla base della decisione del titolare ci sono esigenze imprenditoriali non è possibile obbligare il dipendente a lavorare nelle festività infrasettimanali; dunque, per concretizzarsi la fattispecie di lavoro nei giorni festivi infrasettimanali il datore di lavoro deve accordarsi col lavoratore.


[adrotate banner=”37″]

👨‍⚖️ 👷 😴 📅

La Sentenza della Cassazione stabilisce che
il lavoratore può astenersi dal lavorare nelle festività infrasettimanali

Entrando più nel profondo della questione, la Legge n.260 del 1949 detta le linee guida delle festività; il lavoratore ha il diritto di rifiutare il diktat del datore di lavoro ed anche eventuali disposizioni avverse della contrattazione collettiva.

L’ultima sentenza ad avallare ed avvalorare tale disposizione è la n.18887 2019 della Corte di Cassazione. Leggendo quanto scritto tra le ragioni della decisione emerge che:

  • il diritto del lavoratore di astenersi dall’attività lavorativa in occasione delle festività infrasettimanali celebrative di ricorrenze civili è soggettivo ed è pieno con carattere generale (Cass. 19.10.2016 n.21209);
  • inoltre, si può rinunciare al riposo nelle festività infrasettimanali solo in forza di un accordo tra il datore di lavoro e lavoratore (cfr. Cass. n. 9176/1997; Cass. n. 16634 del 2005; Cass. n. 4435 del 2004);
  • ed anche che la rinunciabilità al relativo riposo è rimessa al solo accordo delle parti individuali (Cass. n. 16592 del 2015) o ad accordi sindacali stipulati da 00.SS cui il lavoratore abbia conferito esplicito mandato (Cass. n. 22482 del 2016; Cass. n. 16634 del 2005).

Per quanto contenuto nella sentenza il datore di lavoro può solo proporre e non imporre al lavoratore di prestare attività nelle festività infrasettimanali (Legge 260/49); quindi, il lavoratore non è passibile di alcuna penalità nel caso rifiuti la proposta del datore di lavoro (sono previste sanzioni nel caso tentasse di forzare la mano).

Leggi anche gli altri articoli sulle novità fiscali 2019:

Chi decide le ferie, ferie maturate e non godute in busta

Calcolare il riscatto di laurea col simulatore INPS

News Reddito di Cittadinanza Pensione di Cittadinanza

Rinuncia Reddito e Pensione di Cittadinanza 2019

Bonus Bebè 2019: chiarimenti su requisiti e pagamento

Spese asilo nido veterinarie e funebri detraibili: le FAQ

Prestazioni a sostegno del reddito a senza fissa dimora

Carta famiglia 2019, gli sconti a sostegno del reddito

Fondo Indennizzo Risparmiatori (FIR): beneficiari e iter

Tassi terzo trimestre 2019 Cessione Quinto Pensioni

Bandi luglio 2019: corso di lingue e convitti per studenti

Dal 01 settembre 2019 incentivi per mini auto e moto

Confcommercio trova l’accordo per il settore Terziario

Novità 2019 su Bonus bebè Pannolini e Latte in polvere

Garanzia Giovani 2019: proroga bando e novità 35 anni

Novità sul bando Resto al Sud 2019 (Legge 123/2017)

Novità per i Riders ed i Workers Buyout

Stabilizzazione precari “lavoratori socialmente utili”

Novità sul Reddito di Cittadinanza per divorziati e …

Spese sanitarie 2019 sul sistema Tessera Sanitaria(TS)

Esenzione ticket 2019: per reddito, patologia, invalidità

Centrale dei rischi (CR), cos’è? Come funziona?

 

Altre notizie di economia sulla pagina del sito.

Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".