Indici Sintetici Affidabilità

Indici Sintetici Affidabilità: cosa sono? a cosa servono?

intopic.it feedelissimo.com  
 

Agenzia delle Entrate – Evasione Fiscale – Indici Sintetici Affidabilità ( ISA )

L’istituzione degli Indici Sintetici di Affidabilità, vuole fornire uno strumento per favorire l’emersione di redditi imponibili. Nel dettaglio, gli ISA sono indicatori che misurano dati e informazioni per fornire una sintesi dalla quale sarà possibile verificare la normalità e la coerenza. Il riscontro trasparente della correttezza dei comportamenti fiscali consentirà di individuare i contribuenti che, risultando “affidabili”, avranno accesso a significativi benefici premiali. Introdotti con il decreto legge n. 50/2017, dal periodo d’imposta 2018 gli Indici Sintetici di Affidabilità sostituiscono definitivamente gli studi di settore e i parametri.

La valutazione degli Indici Sintetici di Affidabilità si basa su dati ed informazioni contabili e strutturali relativi a più periodi d’imposta; mentre l’esito ISA consente di misurare il grado di affidabilità su una scala di valori che va da 1 a 10.

Gli Indici Sintetici di Affidabilità riconducono sostanzialmente a due gruppi:

  • indicatori elementari di affidabilità;
  • ed anche indicatori elementari di anomalia.
ISA identikit
Caratteristiche degli Indici Sintetici Affidabilità ( ISA )

Indici Sintetici di Affidabilità ( ISA ): Modelli di Business (MoB)

Gli ISA fanno riferimento a specifici Modelli di Business (MoB); dunque, il contribuente, sulla base di quanto indicato nel modello dichiarativo, trova collocazione in gruppi omogenei di imprese.

Indicatori elementari affidabilità / anomalia

L’Indice Sintetico di Affidabilità è la media semplice di due tipi di indicatori elementari:

  • indicatori elementari di affidabilità, che valutano l’attendibilità l’equilibrio tra grandezze contabili e strutturali, possono assumere un valore compreso tra 1 e 10;
  • poi indicatori elementari di anomalia, che segnalano situazioni di gravi incongruenze contabili e gestionali o disallineamenti.

Il punteggio ISA, in caso di anomalie, può rientrare in due categorie:

  • indicatori elementari che assumono un punteggio compreso tra 1 e 5 rappresentano fattispecie in cui vengono rilevate situazioni anomale di carattere contabile o dichiarativo;
  • poi indicatori elementari che assumono un punteggio pari a 1 e rappresentano fattispecie dichiarative considerate di particolare gravità.

Esclusione Indici Sintetici Affidabilità ( ISA )

Gli Indici Sintetici di Affidabilità non si applicano per i periodi d’imposta in cui il contribuente:

  • ha iniziato o cessato l’attività;
  • oppure, non si trova in condizioni di normale svolgimento dell’attività;
  • poi quando dichiara ricavi (art.85, c.1, escluse lettere “c”, “d” ed “e” Tuir), o compensi (art.54, c.1, Tuir), di ammontare superiore a 5.164.569 euro;
  • inoltre se si avvale del regime forfettario agevolato o del regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità;
  • esercita due o più attività di impresa, non rientranti nel medesimo ISA, con ricavi dichiarati per attività non rientranti nell’ISA, che superino il 30% dell’ammontare totale dei ricavi dichiarati (sono comunque tenuti alla compilazione del modello ISA).

Inoltre sono esclusi dagli ISA:

  • le società cooperative, consortili ed i consorzi che operano esclusivamente a favore delle imprese socie o associate;
  • poi, le società cooperative costituite da utenti non imprenditori che operano esclusivamente a favore degli utenti stessi;
  • inoltre i soggetti che esercitano, in ogni forma di società cooperativa, le attività con codice 49.32.10 o codice 49.32.20, di cui all’ISA AG72U;
  • le corporazioni dei piloti di porto esercenti le attività di cui all’ISA AG77U.

Benefici punteggio Indice Sintetico di Affidabilità ≥ 8

I benefici di cui godono i contribuenti che raggiungono un punteggio ISA almeno pari a 8 sono:

  • esonero dall’apposizione del visto di conformità per la compensazione dei crediti fino a 50.000 euro all’anno, maturati sulla dichiarazione annuale Iva e Iva infrannuale;
  • poi, esonero dall’apposizione del visto di conformità per la compensazione dei crediti fino a 20.000 euro all’anno, maturati sulle dichiarazioni relative alle imposte sui redditi e all’Irap;
  • inoltre esonero dall’apposizione del visto di conformità, o dalla prestazione della garanzia, ai fini del rimborso del credito Iva maturato sulla dichiarazione annuale o Iva infrannuale, per un importo fino a 50.000 euro all’anno;
  • anticipazione di un anno dei termini di decadenza per l’attività di accertamento previsti dall’articolo 43, comma 1, del Dpr n. 600/73 (reddito di impresa e lavoro autonomo) e dall’articolo 57, comma 1, del Dpr n. 633/72 per l’Iva.

Benefici punteggio Indice Sintetico di Affidabilità ≥ 8,5

I contribuenti con livelli di affidabilità almeno pari a 8,5 sono esclusi dagli accertamenti basati sulle presunzioni semplici (articolo 39, comma 1, lettera d, secondo periodo, del Dpr n. 600/73, e articolo 54, comma 2, secondo periodo, del Dpr n. 633/72).

Benefici punteggio Indice Sintetico di Affidabilità ≥ 9

I contribuenti con livelli di affidabilità almeno pari a 9 sono esclusi:

  • dall’applicazione della disciplina delle società non operative (articolo 30 della legge n. 724/94), anche ai fini di quanto previsto al secondo periodo del comma 36-decies dell’articolo 2 del decreto legge n. 138/2011;
  • poi, dalla determinazione sintetica del reddito complessivo (articolo 38 del Dpr n. 600/73), a condizione che il reddito complessivo accertabile non ecceda di due terzi il reddito dichiarato.

Miglioramento punteggio Indici Sintetici Affidabilità

È possibile correggere eventuali errori commessi in fase di compilazione che incidono negativamente, oppure indicando in dichiarazione ulteriori componenti positivi che non risultano dalle scritture contabili e che sono rilevanti ai fini delle imposte sui redditi, dell’Irap e dell’Iva.

Per quanto riguarda l’Iva dovuta dal maggior volume d’affari dichiarato, per miglioramento degli Indici Sintetici Affidabilità, si applica l’aliquota media risultante dal seguente rapporto:

Aliquota IVA maggiori redditi da applicazione Indici Sintetici Affidabilità ( ISA )

Il contribuente può comunque applicare l’aliquota propria delle attività esercitate fornendo “prova contraria”, già in fase di dichiarazione dei dati rilevanti ai fini ISA.

 

 

Puoi leggere anche:

Chiarimenti per le DSU presentate da gennaio 2020

Card unica e sconto Iva per chi usa il bancomat

Testo unico della rappresentanza: funzione antidumping

Assegno unico figli e dote unica acquisti servizi infanzia

DL Ambiente bozza bonus auto e taglio sussidi dannosi

Tassa sui prelievi dei contanti da bancomat e sportello

Eventi di educazione finanziaria (Edufin) da ottobre

Sciopero dei commercialisti contro Isa

Politiche monetarie BCE e occupazione

Addio chiavette token ecco mobile token direttiva Psd2

Tassa sui Rifiuti ( TaRi ) 2018 è la più cara di sempre

Mise annuncia agevolazioni grandi progetti di R&S

Si saprà il nome di chi effettuerà operazioni bancarie

Fibonacci: successione aurea e matematica moderna

Brahmagupta è il matematico che introdusse lo zero

Il lavoratore può astenersi dal lavorare nelle festività

Pressione fiscale 2018 sui contribuenti italiani oltre 42%

Bonus Bebè 2019: chiarimenti su requisiti e pagamento

Spese asilo nido veterinarie e funebri detraibili: le FAQ

Chi decide le ferie, ferie maturate e non godute in busta

Prestazioni a sostegno del reddito a senza fissa dimora

Fondo Indennizzo Risparmiatori (FIR): beneficiari e iter

Carta famiglia 2019, gli sconti a sostegno del reddito

Differenze tra carta di credito e di debito “Bancomat”

 

↪️ Altre  notizie di economia nella pagina dedicata del sito.

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
     
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Avatar
Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".