Di Maio e Salvini braccio di ferro

Di Maio e Salvini braccio di ferro sulla manovra

Di Maio e Salvini ora giocano a braccio di ferro sulla manovra

 

Roma, lì 03 agosto 2019 – Autunno uguale Legge di Bilancio 2020 ed ora Di Maio e Salvini giocano a braccio di ferro sulla manovra: coraggiosa o ponderata?

 


Tira e molla mediatico tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini sulle risorse finanziarie a disposizione del Governo Conte per la prossima Legge di Bilancio. Il debito pubblico italiano deve essere abbassato ma non c’è spazio per un’altra manovra finanziaria tiepida dal punto di vista della crescita economica; dunque, portati a casa Reddito di Cittadinanza e Quota 100, ora Movimento 5 Stelle e Lega devono scegliere le misure di sviluppo.


Leggi di più a proposito di Di Maio e Salvini braccio di ferro sulla manovra

 
Provincia autonoma di Bolzano ha un rating AAA

Provincia autonoma di Bolzano ha un rating AAA

Solidità finanziaria della provincia autonoma di Bolzano ha un rating AAA assegnato dalla società di valutazione Fitch Ratings,

 

Bolzano, lì 19 luglio 2019 – Senza l’Italia la solidità finanziaria della provincia autonoma di Bolzano ha un rating AAA.

 


La Fitch Ratings è un’agenzia internazionale di valutazione del credito e rating, con due sedi principali a New York ed anche a Londra; dunque, il core business prevede anche l’esame e l’attribuzione di un rating alle amministrazioni pubbliche. La provincia autonoma di Bolzano, considerata separatamente dall’amministrazione centrale italiana, merita la tripla A.


Leggi di più a proposito di Provincia autonoma di Bolzano ha un rating AAA

Flat tax tra debito pubblico e fatturato industriale

Flat tax – debito pubblico – fatturato industriale

La riforma fiscale italiana tarda ad essere approvata, il Governo discute sulla Flat tax mentre il debito pubblico scende ed il fatturato industriale sale

 

Roma, lì 19 luglio 2019 – Governo diviso sulla riforma fiscale, servono le risorse per la Flat tax, il debito pubblico migliora, bene il fatturato industriale.

 


Il sistema di tassazione IRPEF attuale non piace alla Lega che già da mesi vorrebbe fare diventare una realtà la Flat Tax; infatti, dopo Quota 100 la modifica degli scaglioni IRPEF rappresentano il secondo cavallo di battaglia del programma leghista. A porre un freno all’oggetto dei desideri di Matteo Salvini c’è Luigi Di Maio che presenta il conto privo di voci utili a finanziare l’operazione.


Leggi di più a proposito di Flat tax – debito pubblico – fatturato industriale

No alla Procedura infrazione

No alla Procedura infrazione:spread giù, Borsa e Btp sù

Con il Decreto Legge arriva il no alla procedura infrazione: spread giù, Borsa Italiana e BTP sù. L’elezione di Dadid Sassoli dà fiducia.

Milano, lì 03 luglio 2019 – Nessuna procedura infrazione:spread giù, bene la Borsa Italiana ed anche il BTP.

 


Respirano i vertici del Governo Conte che hanno trovato la soluzione giusta per evitare la procedura d’infrazione. Così si alleggerisce la tensione sull’Italia, scende lo spread e salgono la Borsa Italiana e la quotazione del BTP decennale. L’elezione di David Sassoli a Presidente del Parlamento europeo rafforza la presenza italiana in europa e infonde fiducia per il futuro.


Leggi di più a proposito di No alla Procedura infrazione:spread giù, Borsa e Btp sù

PIL negativo nel 1 trimestre 2019

PIL negativo nel 1 trimestre 2019 e possibile procedura

Italia con PIL negativo nel 1 trimestre 2019 e possibile procedura della Commissione europea per erogare una sanzione causata da un debito pubblico eccessivo

Roma, lì 19 giugno 2019 – Situazione Italia con PIL negativo nel 1 trimestre 2019 e possibile procedura sanzionatoria per sforamento dei limiti nella gestione del debito.


Sono ore calde per il Governo Conte che sta lavorando intensamente per scongiurare una pesante sanzione per la violazione dei limiti imposti dall’Unione europea; infatti, stando alle proiezioni attuali il debito pubblico italiano sta tracciando una traiettoria fuori dai parametri che caratterizzano il buon governo. Così, stamani Giuseppe Conte, Luigi Di Maio, Matteo Salvini e Giovanni Tria hanno dato vita ad una riunione risolutiva. Intanto l’Istat pubblica il dato del PIL fotografato in terreno negativo su base annua.


Leggi di più a proposito di PIL negativo nel 1 trimestre 2019 e possibile procedura

Mario Draghi chiede credibilità al Governo Conte

Mario Draghi chiede credibilità al Governo Conte

Il Presidente della BCE Mario Draghi chiede credibilità al Governo Conte sulla riduzione del debito pubblico italiano

 

Roma, lì 06 giugno 2019 – Il debito italiano crea tensione, Mario Draghi chiede credibilità al Governo Conte.

 


Come previsto arriva il richiamo all’Italia per la gestione del debito pubblico, in particolare sul rapporto debito/PIL. Si cercano soluzioni per evitare sanzioni e, quindi, un ulteriore svuotamento delle casse italiane. La BCE per bocca del suo Presidente Mario Draghi boccia i minibot e rilancia una politica europea basata sui tassi di interesse ai minimi. Inoltre la BCE apre ad una sensibile agevolazione alle banche che erogheranno prestiti superiori ad un determinato importo.


Leggi di più a proposito di Mario Draghi chiede credibilità al Governo Conte

Debito pubblico italiano cresce nel 2019

Debito pubblico italiano cresce nel 2019, l’UE scriverà

Il debito pubblico italiano cresce nel 2019, l’UE scriverà la lettera di richiamo

 

Roma, lì 24/05/2019 – Ultime rilevazioni indicano che il debito pubblico italiano cresce nel 2019, l’UE scriverà la lettera di richiamo ai vertici del Governo Conte.

 


Torna sul banco degli imputati il debito pubblico italiano, tra Roma e Bruxelles è gelo; infatti, se da una parte l’Europa ci impone di rispettare i patti dall’altra il Governo Conte confida nell’esito delle votazioni europee. Il commissario UE agli affari economici, Pierre Moscovici, tiene i toni bassi anche dopo l’impennata dello spread. A Roma sarebbe già dovuta arrivare la lettere da Bruxelles per la richiesta di informazioni sull’andamento del debito pubblico; quest’ultimo dato è visto in peggioramento ma per rispetto della campagna elettorale è tutto rimandato al dopo elezione. Dunque giugno sarà un mese caldo non tanto per questioni meteo ma soprattutto per i rapporti di convivenza con l’UE.


Leggi di più a proposito di Debito pubblico italiano cresce nel 2019, l’UE scriverà

Nuova emissione di Bot 12 mesi 14 maggio 2019 2020

Nuova emissione di Bot 12 mesi:14 maggio 2019/2020

Nuova emissione di BOT 12 mesi, durata gg. 366, codice ISIN IT0005371890

 

Roma, lì 09/05/2019 – Annunciata una nuova emissione di BOT 12 mesi: 14 maggio 2019-2020.

 


Il MEF annuncia l’emissione dei seguenti BOT e il relativo calendario per le operazioni di sottoscrizione. I BOT sono posti all’asta con il sistema di collocamento dell’asta competitiva.


Leggi di più a proposito di Nuova emissione di Bot 12 mesi:14 maggio 2019/2020

Proiezioni Commissione europea su 2019 2020 Italia

Proiezioni Commissione europea su 2019 2020 Italia

Da Bruxelles arrivano le proiezioni Commissione europea su 2019 2020 Italia: tra economia stagnante e recessione. Probabile default nel 2020 se il Governo Conte non stimolerà il PIL. Per Lega e Movimento 5 Stelle l’Europa non sa fare i conti ma Salvini e Di Maio fanno campagna elettorale in vista di elezioni anticipate. Dombrovskis affonda le banche italiane.

 

Bruxelles, lì 08/05/2019 – Ecco le proiezioni Commissione europea su 2019 2020 Italia: male il 2019, crisi profonda nel 2020.

 


La Borsa italiana ancora in flessione: dopo il black Monday causato da Donald Trump arriva il gray Tuesday a seguito delle parole di Valdis Dombrovskis; infatti, le parole che arrivano dalla Commissione europea spaventano i mercati europei e penalizzano soprattutto Piazza Affari, che però oggi ha chiuso sostanzialmente piatta.


Leggi di più a proposito di Proiezioni Commissione europea su 2019 2020 Italia

Emissione titoli di Stato fine Marzo 2019 ccteu btp

Emissione titoli di Stato fine Marzo 2019: CCTeu e BTP

Emissione titoli di Stato fine Marzo 2019 a medio e lungo termine: CCTeu 6 anni e BTP a 5 e 10 anni

 

Roma, lì 26/03/2019 – MEF annuncia l’emissione titoli di Stato fine Marzo 2019 ed il relativo calendario per le sottoscrizioni.

 


CCTeu 6 anni ISIN IT0005359846BTP 5 anni ISIN da attribuireBTP 10 anni ISIN IT0005365165

Questi i 3 titoli si Stato, contenuti nel comunicato del MEF, in via di emissione e da prenotare in questi giorni di fine Marzo. Gli interessi sono attraenti per coloro che vogliono adottare una strategia utile a non perdere il potere d’acquisto.


Leggi di più a proposito di Emissione titoli di Stato fine Marzo 2019: CCTeu e BTP