Debito pubblico italiano cresce nel 2019 2018

Bankitalia rivede debito pubblico 2018

intopic.it feedelissimo.com  

Bankitalia rivede al rialzo il rapporto debito pubblico / PIL 2018 dopo criteri del nuovo Manuale Eurostat (MGDD)

 

La Banca d’Italia (Bankitalia), alla luce del nuovo Manuale dell’Eurostat (MGDD), rivede le stime sul debito pubblico 2018.

La revisione principale è dovuta alle modifiche metodologiche nelle modalità di calcolo del debito pubblico confluite nel nuovo Manual on Government Deficit and Debt (MGDD) pubblicato dall’Eurostat.

In particolare Bankitalia ha rivisto:

  • il criterio di valutazione di depositi (non-negotiable notes):
  • includendo nel debito pubblico anche gli interessi maturati (ma non ancora pagati) non appena siano capitalizzati, anziché al momento del pagamento.

Per quanto riguarda l’Italia, la modifica si applica ai Buoni postali fruttiferi (BPF) attribuiti al MEF, a seguito della trasformazione della Cassa depositi e prestiti in SpA avvenuta nel 2003. Da allora le Amministrazioni pubbliche non emettono più passività di questa natura.

BPF Manual on Government Deficit and Debt (MGDD)

Prima della modifica i BPF erano inclusi nel debito pubblico al valore facciale e gli interessi passivi venivano contabilizzati per cassa, al momento del pagamento. Il dato sulla valorizzazione degli interessi passivi maturati e non pagati è stata finora regolarmente resa disponibile dalla Banca d’Italia nei conti finanziari; mentre, ora, gli standard europei prevedono un diverso sistema di registrazione con l’imputazione degli interessi passivi per competenza.

La revisione non incide sulla valutazione della sostenibilità delle finanze pubbliche. Gli interessi passivi maturati annualmente hanno sempre trovato posto nel conto economico delle Amministrazioni pubbliche.

I BPF in questione sono stati emessi fino al 2001 e sono fruttiferi di interessi al massimo per 30 anni. Di pari passo con il graduale rimborso dei titoli, l’importo complessivo degli interessi passivi maturati e non pagati si è gradualmente ridotto.

Bankitalia rivede debito pubblico italiano 2018 da 132,2% a 134,8%

Rispetto ai dati diffusi lo scorso 15 settembre, il debito pubblico italiano ha subito un rialzo di 58,3 miliardi nel 2018, al 134,8% del PIL. Le revisioni del debito e quelle apportate al PIL comportano un’incidenza del debito sul PIL più elevata. I dati rivisti verranno trasmessi nei prossimi giorni alla Commissione europea.

 

☛ Puoi leggere anche:

Enel costruirà parco eolico Kolskaya: costerà 273mln

Terna e FCA insieme per la mobilità elettrica

Ricavi di Chiara Ferragni 2018? Ecco i dati del bilancio

Dividendo Mediobanca 2019 – data stacco – Bilancio

Facebook e Luxottica occhiali a realtà aumentata smart

DL Ambiente bozza bonus auto e taglio sussidi dannosi

Coca Cola compra acque Lurisia

Mise annuncia agevolazioni grandi progetti di R&S

Consob ha deliberato sanzioni: fake news Sole 24 Ore

Si saprà il nome di chi effettuerà operazioni bancarie

Iveco Defence Vehicles appalto Forze Armate Olanda

Novità CNH Industrial Iveco FCA, i titoli volano in Borsa

Fibonacci: successione aurea e matematica moderna

Brahmagupta è il matematico che introdusse lo zero

Criptovaluta Libra un rischio per sistema dei pagamenti

Bitcoin: possibile boom nel 2020?

 

↪️ Altre  notizie di economia nella pagina dedicata del sito.

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Avatar
Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".