Premier Conte

Giuseppe Conte esulta per la mancata procedura di infrazione

BRUXELLES – Giuseppe Conte esulta per la mancata procedura di infrazione. Il presidente del consiglio ha espresso sui social tutta la sua soddisfazione dopo che l’Ue ha deciso di non sottoporre l’Italia alla procedura di infrazione. Ecco cosa ha dichiarato il premier: “Oggi è un giorno importante per l’Italia, che porta a casa il risultato […]

No alla Procedura infrazione

No alla Procedura infrazione:spread giù, Borsa e Btp sù

Con il Decreto Legge arriva il no alla procedura infrazione: spread giù, Borsa Italiana e BTP sù. L’elezione di Dadid Sassoli dà fiducia.

Milano, lì 03 luglio 2019 – Nessuna procedura infrazione:spread giù, bene la Borsa Italiana ed anche il BTP.

 


Respirano i vertici del Governo Conte che hanno trovato la soluzione giusta per evitare la procedura d’infrazione. Così si alleggerisce la tensione sull’Italia, scende lo spread e salgono la Borsa Italiana e la quotazione del BTP decennale. L’elezione di David Sassoli a Presidente del Parlamento europeo rafforza la presenza italiana in europa e infonde fiducia per il futuro.


Leggi di più a proposito di No alla Procedura infrazione:spread giù, Borsa e Btp sù

 
Infrazione per l'italia

Procedura di infrazione, Conte: “Confido di evitarla”

Procedura di infrazione, Conte: “Confido di evitarla” BRUXELLES – Procedura di infrazione, Conte: “Confido di evitarla” Il presidente del consiglio, parlando da Bruxelles, ha infatti espresso ottimismo. Queste le sue parole: “Confido sempre di poter evitare… certo, i numeri sono sempre quelli: positivi, non sono cambiati. Non mi fate commentare singole valutazioni di singoli commissari: […]

PIL negativo nel 1 trimestre 2019

PIL negativo nel 1 trimestre 2019 e possibile procedura

Italia con PIL negativo nel 1 trimestre 2019 e possibile procedura della Commissione europea per erogare una sanzione causata da un debito pubblico eccessivo

Roma, lì 19 giugno 2019 – Situazione Italia con PIL negativo nel 1 trimestre 2019 e possibile procedura sanzionatoria per sforamento dei limiti nella gestione del debito.


Sono ore calde per il Governo Conte che sta lavorando intensamente per scongiurare una pesante sanzione per la violazione dei limiti imposti dall’Unione europea; infatti, stando alle proiezioni attuali il debito pubblico italiano sta tracciando una traiettoria fuori dai parametri che caratterizzano il buon governo. Così, stamani Giuseppe Conte, Luigi Di Maio, Matteo Salvini e Giovanni Tria hanno dato vita ad una riunione risolutiva. Intanto l’Istat pubblica il dato del PIL fotografato in terreno negativo su base annua.


Leggi di più a proposito di PIL negativo nel 1 trimestre 2019 e possibile procedura

salvini sulla commissione europea

Salvini sulla Commissione Europea

Salvini sulla Commissione Europea. Il Ministro Salvini ha voluto commentare il recente provvedimento di infrazione imposto dall’Europa a l’Italia. In particolare, il leader della Lega Nord ha voluto esternare parole dure  contro la decisione della Commissione Europea. L’esponente del Carroccio ha detto: ” La vecchia e delegittimata Commissione Ue, non può imporre sanzioni all’Italia”. ” […]

Debito pubblico italiano cresce nel 2019

Debito pubblico italiano cresce nel 2019, l’UE scriverà

Il debito pubblico italiano cresce nel 2019, l’UE scriverà la lettera di richiamo

 

Roma, lì 24/05/2019 – Ultime rilevazioni indicano che il debito pubblico italiano cresce nel 2019, l’UE scriverà la lettera di richiamo ai vertici del Governo Conte.

 


Torna sul banco degli imputati il debito pubblico italiano, tra Roma e Bruxelles è gelo; infatti, se da una parte l’Europa ci impone di rispettare i patti dall’altra il Governo Conte confida nell’esito delle votazioni europee. Il commissario UE agli affari economici, Pierre Moscovici, tiene i toni bassi anche dopo l’impennata dello spread. A Roma sarebbe già dovuta arrivare la lettere da Bruxelles per la richiesta di informazioni sull’andamento del debito pubblico; quest’ultimo dato è visto in peggioramento ma per rispetto della campagna elettorale è tutto rimandato al dopo elezione. Dunque giugno sarà un mese caldo non tanto per questioni meteo ma soprattutto per i rapporti di convivenza con l’UE.


Leggi di più a proposito di Debito pubblico italiano cresce nel 2019, l’UE scriverà

Manovra 2019 approvata Salvini e Di Maio divisi tra Governo e campagna elettorale Crisi di governo considerata irresponsabile

Manovra 2019 approvata: contestazioni e vigilanza UE

Manovra 2019 approvata dalla Camera dei Deputati tra contestazioni dall’opposizione e con l’Unione Europea che promette di vigilare costantemente l’operato del Governo Conte


Roma, 30 Dicembre 2018 – Manovra 2019 approvata dalla Camera dei Deputati. Insorge l’opposizione, l’Europa vigilerà.


Leggi di più a proposito di Manovra 2019 approvata: contestazioni e vigilanza UE

Accordo tecnico con Bruxelles per la Manovra 2019

Accordo tecnico con Bruxelles per la Manovra 2019

Il Governo Conte trova l’accordo tecnico con Bruxelles per la Manovra 2019; dal MEF arriva l’annuncio ufficioso mentre per quello ufficiale bisognerà attendere domani.


Premier ConteRoma, 18 Dicembre 2018 – Arriva l’accordo tecnico con Bruxelles per la Manovra 2019. Il Governo Conte esulta a seguito dell’accordo tecnico con Bruxelles per la Manovra 2019; infatti dopo gli incontri degli ultimi giorni dai vertici MEF trapela ottimismo per l’ok ufficiale dell’Europa. Il lavoro ad oltranza sulla Legge di Bilancio 2019 comincia a dare i suoi frutti. Del resto dall’Unione Europea sono sempre arrivare frasi di collaborazione rappresentative di uno spirito costruttivo.


Leggi di più a proposito di Accordo tecnico con Bruxelles per la Manovra 2019

28/11/18 a Piazza Affari torna la paura Dazi La giornata finanziaria di oggi 23 Novembre 2018 trend

28/11/18 a Piazza Affari torna la paura Dazi

28/11/18 a Piazza Affari torna la paura Dazi che si diffonde anche in tutta Europa.

Milano, 28/11/18 a Piazza Affari torna la paura Dazi

Le frasi del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump hanno un effetto destabilizzante sull’andamento dei principali listini europei; infatti le chiusure di questi giorni sono tutte in area negativa sia per Piazza Affari che per le altre borse europee. Milano ha ceduto lo 0,18% con lo spread sul decennale Btp-Bund che si muove intorno a 290 punti base.

Leggi di più a proposito di 28/11/18 a Piazza Affari torna la paura Dazi

28/11/18 a Piazza Affari torna la paura Dazi La giornata finanziaria di oggi 23 Novembre 2018

La giornata finanziaria di oggi 23 Novembre 2018

La giornata finanziaria di oggi 23 Novembre 2018: la situazione politica e finanziaria, le reazioni della borsa e lo spread


La giornata finanziaria di oggi 23 Novembre 2018 trendMilano – La giornata finanziaria di oggi 23 Novembre 2018 — Le tensioni tra Governo Conte ed Unione Europea creano volatilità e comportano uno spread ancora troppo alto per essere considerato sostenibile nel lungo periodo. Così i rischi per l’economia dell’Italia rimangono concreti e rappresentano una mina vagante pronta ad esplodere. Come se ciò non bastasse si attendono notizie dall’Europa relativamente alle sanzioni per la procedura d’infrazione a seguito delle violazioni relative alle regole sul debito pubblico.


Leggi di più a proposito di La giornata finanziaria di oggi 23 Novembre 2018