No alla Procedura infrazione

No alla Procedura infrazione:spread giù, Borsa e Btp sù

Con il Decreto Legge arriva il no alla procedura infrazione: spread giù, Borsa Italiana e BTP sù. L’elezione di Dadid Sassoli dà fiducia.

Milano, lì 03 luglio 2019 – Nessuna procedura infrazione:spread giù, bene la Borsa Italiana ed anche il BTP.

 


Respirano i vertici del Governo Conte che hanno trovato la soluzione giusta per evitare la procedura d’infrazione. Così si alleggerisce la tensione sull’Italia, scende lo spread e salgono la Borsa Italiana e la quotazione del BTP decennale. L’elezione di David Sassoli a Presidente del Parlamento europeo rafforza la presenza italiana in europa e infonde fiducia per il futuro.


Leggi di più a proposito di No alla Procedura infrazione:spread giù, Borsa e Btp sù

 
PIL negativo nel 1 trimestre 2019

PIL negativo nel 1 trimestre 2019 e possibile procedura

Italia con PIL negativo nel 1 trimestre 2019 e possibile procedura della Commissione europea per erogare una sanzione causata da un debito pubblico eccessivo

Roma, lì 19 giugno 2019 – Situazione Italia con PIL negativo nel 1 trimestre 2019 e possibile procedura sanzionatoria per sforamento dei limiti nella gestione del debito.


Sono ore calde per il Governo Conte che sta lavorando intensamente per scongiurare una pesante sanzione per la violazione dei limiti imposti dall’Unione europea; infatti, stando alle proiezioni attuali il debito pubblico italiano sta tracciando una traiettoria fuori dai parametri che caratterizzano il buon governo. Così, stamani Giuseppe Conte, Luigi Di Maio, Matteo Salvini e Giovanni Tria hanno dato vita ad una riunione risolutiva. Intanto l’Istat pubblica il dato del PIL fotografato in terreno negativo su base annua.


Leggi di più a proposito di PIL negativo nel 1 trimestre 2019 e possibile procedura

Mario Draghi chiede credibilità al Governo Conte

Mario Draghi chiede credibilità al Governo Conte

Il Presidente della BCE Mario Draghi chiede credibilità al Governo Conte sulla riduzione del debito pubblico italiano

 

Roma, lì 06 giugno 2019 – Il debito italiano crea tensione, Mario Draghi chiede credibilità al Governo Conte.

 


Come previsto arriva il richiamo all’Italia per la gestione del debito pubblico, in particolare sul rapporto debito/PIL. Si cercano soluzioni per evitare sanzioni e, quindi, un ulteriore svuotamento delle casse italiane. La BCE per bocca del suo Presidente Mario Draghi boccia i minibot e rilancia una politica europea basata sui tassi di interesse ai minimi. Inoltre la BCE apre ad una sensibile agevolazione alle banche che erogheranno prestiti superiori ad un determinato importo.


Leggi di più a proposito di Mario Draghi chiede credibilità al Governo Conte

Debito pubblico italiano cresce nel 2019

Debito pubblico italiano cresce nel 2019, l’UE scriverà

Il debito pubblico italiano cresce nel 2019, l’UE scriverà la lettera di richiamo

 

Roma, lì 24/05/2019 – Ultime rilevazioni indicano che il debito pubblico italiano cresce nel 2019, l’UE scriverà la lettera di richiamo ai vertici del Governo Conte.

 


Torna sul banco degli imputati il debito pubblico italiano, tra Roma e Bruxelles è gelo; infatti, se da una parte l’Europa ci impone di rispettare i patti dall’altra il Governo Conte confida nell’esito delle votazioni europee. Il commissario UE agli affari economici, Pierre Moscovici, tiene i toni bassi anche dopo l’impennata dello spread. A Roma sarebbe già dovuta arrivare la lettere da Bruxelles per la richiesta di informazioni sull’andamento del debito pubblico; quest’ultimo dato è visto in peggioramento ma per rispetto della campagna elettorale è tutto rimandato al dopo elezione. Dunque giugno sarà un mese caldo non tanto per questioni meteo ma soprattutto per i rapporti di convivenza con l’UE.


Leggi di più a proposito di Debito pubblico italiano cresce nel 2019, l’UE scriverà

Accordo tecnico con Bruxelles per la Manovra 2019

Accordo tecnico con Bruxelles per la Manovra 2019

Il Governo Conte trova l’accordo tecnico con Bruxelles per la Manovra 2019; dal MEF arriva l’annuncio ufficioso mentre per quello ufficiale bisognerà attendere domani.


Premier ConteRoma, 18 Dicembre 2018 – Arriva l’accordo tecnico con Bruxelles per la Manovra 2019. Il Governo Conte esulta a seguito dell’accordo tecnico con Bruxelles per la Manovra 2019; infatti dopo gli incontri degli ultimi giorni dai vertici MEF trapela ottimismo per l’ok ufficiale dell’Europa. Il lavoro ad oltranza sulla Legge di Bilancio 2019 comincia a dare i suoi frutti. Del resto dall’Unione Europea sono sempre arrivare frasi di collaborazione rappresentative di uno spirito costruttivo.


Leggi di più a proposito di Accordo tecnico con Bruxelles per la Manovra 2019

Bocciata la manovra italiana

Bocciata la manovra Italiana: Moscovici dice no

Bocciata la manovra italiana: il commissario UE Pierre Moscovici dice no alla manovra e parla della procedura d’Infrazione.

Il Governo italiano non si scompone: Conte punta a Juncker.

Matteo Salvini ironizza sulle “letterine” e Luigi Di Maio insieme a M5S group “andremo avanti”.

Leggi di più a proposito di Bocciata la manovra Italiana: Moscovici dice no

infrazione

UE: La Commissione apre una procedura d’infrazione contro la Slovenia

Bruxelles. Aperta la procedura d’infrazione contro la Slovenia. La Commissione europea ha dato il via ad una procedura d’infrazione contro la Slovenia. Casus belli il sequestro dei dati della Banca centrale europea, durante la perquisizione della sede centrale della banca, da parte della polizia ed in assenza di una motivazione sufficientemente chiara e bastevole. L’esecutivo […]