Bonus Bebè 2019 chiarimenti

Bonus Bebè 2019: chiarimenti su requisiti e pagamento

Chiarimenti su requisiti, importi, modalità di accesso e pagamento del Bonus Bebè 2019

 

Roma, lì 13 luglio 2019 – Per le mamme arrivano chiarimenti sull’accesso e pagamento del Bonus Bebè 2019.

👶 💶


L’assegno di natalità detto bonus bebè è il sostegno al reddito che l’INPS riserva alla mamma per adozione, affidamento o nascita dei figli. I chiarimenti vogliono dissipare eventuali dubbi su requisiti, modalità di accesso, importi e, quindi, pagamento dell’incentivo. Il beneficio inizialmente dedicato alla natalità del triennio 2015-2017, ha avuto due proroghe, per arrivare ai giorni nostri.


Leggi di più a proposito di Bonus Bebè 2019: chiarimenti su requisiti e pagamento

 
No alla Procedura infrazione

No alla Procedura infrazione:spread giù, Borsa e Btp sù

Con il Decreto Legge arriva il no alla procedura infrazione: spread giù, Borsa Italiana e BTP sù. L’elezione di Dadid Sassoli dà fiducia.

Milano, lì 03 luglio 2019 – Nessuna procedura infrazione:spread giù, bene la Borsa Italiana ed anche il BTP.

 


Respirano i vertici del Governo Conte che hanno trovato la soluzione giusta per evitare la procedura d’infrazione. Così si alleggerisce la tensione sull’Italia, scende lo spread e salgono la Borsa Italiana e la quotazione del BTP decennale. L’elezione di David Sassoli a Presidente del Parlamento europeo rafforza la presenza italiana in europa e infonde fiducia per il futuro.


Leggi di più a proposito di No alla Procedura infrazione:spread giù, Borsa e Btp sù

PIL negativo nel 1 trimestre 2019

PIL negativo nel 1 trimestre 2019 e possibile procedura

Italia con PIL negativo nel 1 trimestre 2019 e possibile procedura della Commissione europea per erogare una sanzione causata da un debito pubblico eccessivo

Roma, lì 19 giugno 2019 – Situazione Italia con PIL negativo nel 1 trimestre 2019 e possibile procedura sanzionatoria per sforamento dei limiti nella gestione del debito.


Sono ore calde per il Governo Conte che sta lavorando intensamente per scongiurare una pesante sanzione per la violazione dei limiti imposti dall’Unione europea; infatti, stando alle proiezioni attuali il debito pubblico italiano sta tracciando una traiettoria fuori dai parametri che caratterizzano il buon governo. Così, stamani Giuseppe Conte, Luigi Di Maio, Matteo Salvini e Giovanni Tria hanno dato vita ad una riunione risolutiva. Intanto l’Istat pubblica il dato del PIL fotografato in terreno negativo su base annua.


Leggi di più a proposito di PIL negativo nel 1 trimestre 2019 e possibile procedura

Flat tax al 7%, paradiso fiscale al sud Italia

Flat tax al 7%, paradiso fiscale al sud Italia

Flat Tax al 7%, paradiso fiscale al Sud Italia. Sale da 5 a 9 anni la Flat Tax modello Portogallo introdotta dalla nuova legge di Bilancio 2019, dal Governo. L’opzione del 7% è valida per quei pensionati, che dall’estero si trasferiscono al sud Italia. Lo ha previsto un emendamento, che porta la firma del deputato […]

Debito pubblico italiano cresce nel 2019

Debito pubblico italiano cresce nel 2019, l’UE scriverà

Il debito pubblico italiano cresce nel 2019, l’UE scriverà la lettera di richiamo

 

Roma, lì 24/05/2019 – Ultime rilevazioni indicano che il debito pubblico italiano cresce nel 2019, l’UE scriverà la lettera di richiamo ai vertici del Governo Conte.

 


Torna sul banco degli imputati il debito pubblico italiano, tra Roma e Bruxelles è gelo; infatti, se da una parte l’Europa ci impone di rispettare i patti dall’altra il Governo Conte confida nell’esito delle votazioni europee. Il commissario UE agli affari economici, Pierre Moscovici, tiene i toni bassi anche dopo l’impennata dello spread. A Roma sarebbe già dovuta arrivare la lettere da Bruxelles per la richiesta di informazioni sull’andamento del debito pubblico; quest’ultimo dato è visto in peggioramento ma per rispetto della campagna elettorale è tutto rimandato al dopo elezione. Dunque giugno sarà un mese caldo non tanto per questioni meteo ma soprattutto per i rapporti di convivenza con l’UE.


Leggi di più a proposito di Debito pubblico italiano cresce nel 2019, l’UE scriverà

Novità 2019 su Bonus bebè Pannolini e Latte in polvere

Novità 2019 su Bonus bebè Pannolini e Latte in polvere

Emendamento Fontana al Dl Crescita: Novità 2019 su Bonus bebè Pannolini e Latte in polvere

 

Roma, lì 15/05/2019 – Arriva l’emendamento del Ministro Lorenzo Fontana che porta novità su Bonus bebè Pannolini e Latte in polvere.

 


Il Ministro Lorenzo Fontana ha presentato un emendamento che apporta sostanziali modifiche in favore delle famiglie; dunque, in particolare introduce benefici a favore dei nuclei familiari nei quali sono presenti dei figli, soprattutto neonati e fino ad un anno d’età. Il Ministro Lorenzo Fontana: «Continuiamo la politica seria e concreta per il rilancio della natalità; dopo quasi un anno, tutti nel governo si sono resi conto che il rilancio demografico è la sfida per lo sviluppo e il futuro del Paese. Sono diventati miei discepoli.»


Leggi di più a proposito di Novità 2019 su Bonus bebè Pannolini e Latte in polvere

Proiezioni Commissione europea su 2019 2020 Italia

Proiezioni Commissione europea su 2019 2020 Italia

Da Bruxelles arrivano le proiezioni Commissione europea su 2019 2020 Italia: tra economia stagnante e recessione. Probabile default nel 2020 se il Governo Conte non stimolerà il PIL. Per Lega e Movimento 5 Stelle l’Europa non sa fare i conti ma Salvini e Di Maio fanno campagna elettorale in vista di elezioni anticipate. Dombrovskis affonda le banche italiane.

 

Bruxelles, lì 08/05/2019 – Ecco le proiezioni Commissione europea su 2019 2020 Italia: male il 2019, crisi profonda nel 2020.

 


La Borsa italiana ancora in flessione: dopo il black Monday causato da Donald Trump arriva il gray Tuesday a seguito delle parole di Valdis Dombrovskis; infatti, le parole che arrivano dalla Commissione europea spaventano i mercati europei e penalizzano soprattutto Piazza Affari, che però oggi ha chiuso sostanzialmente piatta.


Leggi di più a proposito di Proiezioni Commissione europea su 2019 2020 Italia

Novità sul bando Resto al Sud 2019

Novità sul bando Resto al Sud 2019 (Legge 123/2017)

Novità sul bando Resto al Sud 2019 (Legge 123 3 agosto 2017): si amplia la platea dei beneficiari per il finanziamento agevolato

 

Roma, lì 08/04/2019 – Importanti novità sul bando Resto al Sud 2019 (Legge 123 03/08/2017).

💸 👨‍💼 🏭


Modifiche al D.Lg. 91 20/06/2017, coordinato con la Lg. di conversione 123 03/08/2017, recante: «Disposizioni urgenti per la crescita economica nel Mezzogiorno». Dunque, dal 2019 la misura a favore dei giovani imprenditori nel Mezzogiorno denominata «Resto al Sud» si rivolge ad una platea più ampia. Infatti, la Legge di Bilancio 2019 ha modificato il testo originale nella parte del limite di età e della tipologia di attività. Quindi ora possono accedere al beneficio anche le attività libero-professionali.


Leggi di più a proposito di Novità sul bando Resto al Sud 2019 (Legge 123/2017)

Costo del lavoro e pressione fiscale in Italia al 2019

Costo del lavoro e pressione fiscale in Italia al 2019

Stime sul costo del personale, le tabelle ministeriali: Costo del lavoro e pressione fiscale in Italia al 2019

 

Milano, 15/02/2019 – Analisi sul Costo del lavoro e pressione fiscale in Italia al 2019.

👷 👨‍💼


Per i contratti relativi a lavori, servizi e forniture, il costo del lavoro è determinato dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali; tutto ciò avviene sulla base dei valori economici definiti dalla contrattazione collettiva nazionale tra le organizzazioni sindacali e le organizzazioni dei datori di lavoro. Invece, nel caso non esistesse un contratto collettivo nazionale applicabile, il costo del lavoro è determinato in relazione al contratto collettivo nazionale del settore merceologico più vicino. Così dispone l’art. 23, comma 16 del Decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50.


Leggi di più a proposito di Costo del lavoro e pressione fiscale in Italia al 2019

Cgil Cisl e Uil a Roma

Cgil Cisl e Uil a Roma oggi: obiettivo “Non solo RDC”

Cgil Cisl e Uil a Roma scendono in piazza San Giovanni con il motto: “Futuro al lavoro”.

Roma, 9 Febbraio 2019.


Cgil  Cisl e Uil scendono in piazza a Roma per una manifestazione Nazionale contro la politica economica del governo.

Sono in tantissimi i manifestanti, arrivati con diversi pullman in città, migliaia le presenze; il corteo in Piazza San Giovanni, ha dato il via questa mattina ai comizi dei leader sindacali.

Singolare che Di Maio incontri i gilet gialli ma non i sindacati italiani dice Maurizio Landini precisando che: “Se il governo continua a non ascoltarci, non ci fermiamo il 9 in piazza”.


Insieme ai sindacati, anche una delegazione di industriale: Confindustria della Romagna. Leggi di più a proposito di Cgil Cisl e Uil a Roma oggi: obiettivo “Non solo RDC”